F F Tribuna Libera: aprile 2019

lunedì 29 aprile 2019

Assistenza domiciliare a Ceglie Messapica











aprile 2019

La cornice di tanti ricordi




Ci sono luoghi del cuore che a distanza di tanti anni ti portano alla mente emozioni, profumi, suoni, persone come se fosse ieri. Uno di questi luoghi per me e altri della mia età (ma non solo) è l'Istituto Sacro Cuore delle Suore Domenicane in via XX Settembre.

Qui ho frequentato negli anni Ottanta le elementari, gli anni più belli, quelli che non dimenticherai mai. 




E il pensiero va alla delicatezza di Suor Candida, la mia maestra, ai giochi "a scunnafacce" con i compagni di classe ora diventati tutti uomini e donne, a qualcuno che non c'è più, alle lezioni di pianoforte di suor Carmela, alle recite di Natale, alle gite con i "piccoli rosarianti".

E poi suor Rachele che controllava con aria intransigente ma anche materna che consumassimo tutto il pasto, i fidanzamenti teneri di quell'età e gli scompagnamenti per poi riappacificarsi, la severità che però poi si attenuava in un sorriso di Madre Annunziata (durissima la ramanzina quando scoprì, da alcuni temi, che per molti di noi la trasmissione "Drive In" la domenica sera era la nostra preferita ...). E tanto altro.

Sono ricordi che porti e continuerai a portare per sempre dentro di te. 

Poi oggi ho avuto modo di leggere un articolo di Adele Galetta per la Gazzetta del Mezzogiorno che mi ha molto rattristato. La scuola primaria (quella che una volta era la nostra scuola elementare) potrebbe essere chiusa a breve. Resterebbe solo quella dell'infanzia.



Non conosco i dettagli dei motivi di questa possibile chiusura nè devo approfondirli, so soltanto che è una notizia che mi ha rattristato molto. Mi auguro con tutto il cuore che sia una cosa che possa essere scongiurata. Un pezzo del cuore di tanti di noi è rimasto in quei luoghi.








aprile 2019

domenica 28 aprile 2019

E il "mascellone" passò da Ceglie






Ronn Moss con Annalisa Fedele



Non prendetevela con me ma pare che questa sia una delle "notizie" del giorno. Per le vie della nostra cittadina oggi si aggirava l'attore Ronn Moss, protagonista di Beautiful, il prodotto televisivo simbolo forse più di tutti, negli ultimi decenni, dello scadimento becero del livello della televisione a livello mondiale. Eppure ancora amatissimo da tante fans.

La soap è ancora in onda (la prima puntata fu trasmessa nel 1987) anche se l'attore, ora 67enne,  non vi recita più dal 2012. Ora affitta sè stesso per videomessaggi personalizzati al costo di 40 dollari cadauno.




Foto: Stefano Menga


Il buon Moss ha pranzato al ristorante "Da Gino" apprezzando i piatti tipici della Messapia e poi ha fatto un giretto in centro, accompagnato dal sindaco.


Ieri era a Locorotondo.


La battuta nasce spontanea: nell'imminenza di una competizione amministrativa dell'anno prossimo che si preannuncia come una vera e propria soap-opera, Ridge avrà consigliato ai nostri politici come gestire tutte le inevitabili situazioni di intrighi, tradimenti, sorprese, colpi di scena e ritorni di fiamma politici, proprio come in una puntata di Beautiful?



aprile 2019

Cristina D'Avena in concerto a Ceglie Messapica







Domenica 9 giugno in piazza Plebiscito, nell'ambito della rassegna "Espressioni di primavera" (costo complessivo degli eventi che si concluderanno a giugno 65.500 euro) ci sarà il concerto di Cristina D'Avena, nell'ambito di Ceglie in Festa - Festa dello Sport, dell’Associazionismo e dei Bambini.






Non so quanto i bambini di oggi conoscano le sigle dei cartoni animati anni '80 cantate dalla D'Avena (l'ultimo brano risale al 1991), probabilmente le canteranno soprattutto quelli che erano (eravamo) bambini 35-40 anni fa.


Mitica comunque la Cristina.












Curiosità: Cristina D'Avena è stata già in concerto a Ceglie Messapica nell'estate del 2012, in una serata presso il Royal Oak.



aprile 2019

Questa mattina Ceglie si è tinta di rosa








Grande partecipazione questa mattina all'iniziativa "On the road: la prevenzione si fa strada", camminata in rosa dedicata alla memoria di Antonella Caliandro. 

E' stata organizzata dall'associazione "Cuore di donna" con il patrocinio del Comune e la collaborazione di diverse associazioni cegliesi.







L'iniziativa ha lo scopo di sensibilizzare sui temi della prevenzione e raccogliere fondi che contribuiranno all'acquisto e successiva donazione alla Asl di Brindisi di un software per effettuare mammografie con mezzo di contrasto.




















Le foto del post sono state scattate da Cristina Elia, Martino Gioia, Tiziana Piliego, Antonella Parisi e Maria Grazia Nacci.



aprile 2019

Consiglio comunale






Consiglio comunale alle ore 8,30 di martedì 30 Aprile 2019 in prima convocazione e alle ore 8,30 del giorno 14 maggio 2019 in seconda convocazione per l'approvazione del Rendiconto di gestione, del Conto del bilancio 2018 e dei relativi allegati. Il rendiconto deve essere approvato entro il 30 aprile.



per gli allegati



per le disposizioni di legge riguardante il rendiconto





Piccole curiosità: le entrate accertate legate a sanzioni per violazioni del codice della strada (multe per photored, prevalentemente) ammontano a 653.424,23 euro. Nel 2017 erano state 548.998,39 euro. In ogni caso ben oltre il miliardo di vecchie lire quindi.




aprile 2019

sabato 27 aprile 2019

Francesca Locorotondo si aggiudica il primo posto


Si sono concluso oggi a Silvi Marina (Te) le finali Nazionali di Nuoto ACSI (Associazione Centri Sportivi Italiani) che hanno preso il via venerdì scorso. 







La giovane nuotatrice cegliese Francesca Pia Locorotondo si è classificata al primo posto come campionessa italiana nei 100 misti e nei 50 stile ragazze. 












Congratulazioni.



aprile 2019

venerdì 26 aprile 2019

Accade alla palestra di Via Salerno



Immagine di repertorio



Ricevo dall'amico Carlo Leo e pubblico:



"PIÙ RISPETTO PER I NOSTRI FIGLI"

Una struttura "completamente riqualificata". Dai facili proclami alla concretezza!





Dopo aver letto l'articolo del 12 aprile a cura della corrispondente dott.ssa Adele Galetta - Gazzetta del Mezzogiorno, reputo che le dichiarazioni del Sindaco Caroli mostrino un lato ben diverso da quello tratteggiato nei comunicati auto celebrativi del suo writer, dei quali la città è veramente stufa. 


Considero lodevole il suo approccio ai fatti avvenuti alla palestra De Amicis, il primo cittadino non sminuisce l’increscioso episodio e, tra le altre cose, ribadisce più volte: “mi dispiace per quello che è accaduto”. In qualità di genitore prendo atto delle sue dichiarazioni, del suo atteggiamento e confido nelle sue promesse per il bene dei nostri piccoli.


A seguito del mio ultimo post ho ricevuto attestazioni da molti genitori, soprattutto in forma privata, i quali mi hanno rappresentato le loro titubanze in merito alle scelte dell’Amministrazione cegliese. 

A loro ho spiegato che io non intendo attaccare politicamente il Sindaco o la Giunta, perché dovrei, loro fanno quello che possono, tra mille difficoltà, con i loro limiti, ci pensassero le segreterie dei partiti oppure gli aspiranti candidati sindaci a disaminare le scelte e gli indirizzi politici, non si può mica fare politica solamente a ridosso delle elezioni.


Io, da semplice cittadino, da genitore, mi limito ad evidenziare la discrasia tra quanto pubblicizzato dal writer del Sindaco e la cruda realtà dei fatti, solo ed esclusivamente per il bene dei nostri piccoli, affinché si agisca verso criticità divenute ormai ataviche e rinnovo il mio appello ai Consiglieri Comunali tutti.


Oggi porto alla vostra attenzione altri disagi, questa volta presso la palestra di Via Salerno, meglio conosciuta come Giovanni Pascoli. 

Nonostante la struttura venne riconsegnata alla città meno di un anno e mezzo fa (con gran cerimonia comprensiva del taglio del nastro, benedizione, infiniti proclami auto elogiativi a mezzo social, testate giornalistiche ecc…), ad oggi gli spogliatoi con i relativi servizi igienici risultano: “INACCESSIBILI”, voci dicono mai ultimati, ma non voglio crederci, dopo tutti gli sforzi finanziari e pubblicitari dell'Amministrazione...


La situazione della palestra e dei bimbi iscritti alle Associazioni Sportive che la utilizzano è la seguente:
- I nostri bambini sono costretti a cambiarsi gli abiti nel sottoscala che porta alle aule, al freddo e alle correnti d’aria; 

- maschietti e femminucce assieme, a terra, senza avere nemmeno una sediolina su cui poggiarsi; 

- sorvolo sulle pulizie, nonostante i contributi delle Associazioni utilizzatrici;

- sorvolo anche sugli infissi, mai sostituiti, nelle giornate di vento si ha l'impressione che stiano per distaccarsi da un momento all'altro.


- per utilizzare i servizi igienici, i nostri bimbi, devono avvalersi di quelli destinati agli spettatori, di sera ed al buio (perché le luci nei bagni non funzionano) quindi costretti a lasciare la porta aperta per far entrare un filo di luce, maschietti o femminucce che siano; 

- Al soffitto si notano grandi chiazze di infiltrazioni d’acqua; 

- i pannelli della nuova pavimentazione risultano già distaccati l’uno dall’altro in più punti da diversi mesi (sorvolo sulle potenziali conseguenze); 

- l’impianto di riscaldamento risulta inefficiente (da sempre, mai entrato in funzione).

Ai ragazzi delle scuole medie, che utilizzano la stessa struttura, va un po’ meglio perché le femminucce hanno la possibilità di cambiarsi gli abiti nella biblioteca della scuola (sic!), i maschietti in una stanza forse progettata ad uso uffici.

Ma vi sembra normale tutto questo? A me no! A margine del buffet finale, della festa, dei soliti proclami auto elogiativi che annunciavano di una struttura “completamente riqualificata, bella, a norma, sicura, omologata Fip", di preciso in quel 25 novembre 2017, cosa veniva consegnato alla città se la situazione è quella da me sopraelencata?


Ringrazio le Associazioni Sportive, i docenti e gli operatori tutti che, tra le evidenti difficoltà logistiche, offrono comunque alternative ed opportunità sportive ai nostri figli, mostrando grande professionalità e spirito di adattamento.


Come direbbe il writer (chiunque egli sia): #fattienonparole


Ceglie M.ca, 26.04.2019 

Carlo LEO



aprile 2019

Formazione e istruzione in Europa





Ricevo e pubblico con piacere:

Si e' tenuto nei giorni scorsi presso l'Università Pedagogica Dragomanov di Kiev, in Ucraina, un interessante convegno di studio sul sistema Duale nella formazione e nella istruzione in Europa. 

Relatore ufficiale e' stato il Prof. Silvano Marseglia, Presidente Europeo dell'AEDE, introdotto dalla prof.ssa Svitlana Ivanenko, Presidente dell'AEDE in Ucraina.

Il Prof. Marseglia, dopo aver ringraziato il Prorettore dell'Universita', prof. Roman Vernydab, il Decano della Facolta' Pedagogica, Prof.ssa Ganna Turchynova e tutte le autorita' accademiche presenti ha presentato le esperienze del sistema duale nella formazione e nella istruzione nei diversi Paesi Europei, dalla Germania, all'Inghilterra, alla Danimarca, alla Spagna e ad altri Paesi. 

In particolare il Prof. Silvano Marseglia si e' soffermato sulle esperienze italiane del Sistema Duale reso obbligatorio nell'ultimo triennio di scuola secondaria superiore. La relazione del Prof. Marseglia ha destato molto interesse tra i docenti universitari che hanno dato vita ad un interessante dibattito formulando richieste di chiarimento e approfondimento al relatore.


Nel corso della giornata il Prof. Silvano Marseglia ha salutato anche gli studenti dell'Universita' Pedagogica, incontrandoli nelle loro aule mentre erano impegnati per le varie lezioni.

Nel pomeriggio il Prof. Marseglia e' stato ricevuto presso l'Ambasciata Italiana dal Dott. Davide La Cecilia, Ambasciatore a Kiev, In Ucraina. Il Dott. Cecilia si e' complimentato con il Prof. Silvano Marseglia per l'attività svolta ed ha assicurato ogni collaborazione ed aiuto per analoghe future attività in Kiev.





aprile 2019

giovedì 25 aprile 2019

I locali del centro, la musica e la quiete pubblica







La querelle era iniziata la scorsa settimana sui social. Un cittadino, Valerio, aveva sollevato il disagio causato tra alcuni residenti del centro storico a causa del volume troppo alto che proveniva da un locale dopo le due della notte. Cose che succedono, sono ragazzi.

Si parlava di "cittadini esasperati" e "pace, serenità e armonia portate via". Ragioni anche queste sacrosante.

Alcuni giorni dopo si tiene una riunione organizzata da alcuni titolari degli esercizi del centro storico che avevano lanciato la proposta di mediazione di limitare la musica fino alle 2 , ad eccezione di specifiche eventuali manifestazioni soprattutto estive. Una proposta che dovrebbe essere sottoposta al Consiglio comunale che a breve dovrebbe deliberare rispetto ad un apposito regolamento.

I titolari ribadiscono di essere "persone che vogliono creare ricchezza, movimento ed animare il paese. Sono le attività come le nostre che tengono in vita la città e che, in un periodo di crisi economica come questo, creano occupazione, benessere e posti di lavoro".


Poche ore dopo i residenti del centro storico, costituitisi in comitato rispondono contrattaccando e ricordando una legge che nei centri storici "proibisce ogni diffusione sonora all'esterno dei locali e quella che dovrebbe uscire dagli stessi non deve superare la soglia dei 10 decibel". 

E aggiungono: "Centinaia dei residenti lavoratori sono braccianti, medici, operai, lavoratori ì turnisti, con forti esigenze di stare tranquilli. Anche questi cittadini hanno investito risorse per riqualificare immobili fatiscenti per viverci tutto l'anno pagando le relative tasse comunali". 

Il comitato ha inviato una nota a Questore e Prefetto per attivare un confronto tra le parti e giungere a una soluzione condivisa prima della discussione del regolamento comunale.

Credo che la soluzione sia nel mezzo e sono convinto che si possa trovare un compromesso non al ribasso e che accontenti tutti. E' necessario che ognuna delle due parti faccia un passo verso l'altra per raggiungere una mediazione. Si può fare.

Scià, fate i bravi e non litigate.




aprile 2019

"Aldo dice 26 per 1"









Un giorno Giorgio Pisanò (repubblichino e fondatore del MSI) incontrando Vittorio Foa, gli disse: "Ci siamo combattuti da fronti contrapposti, ognuno con onore, possiamo darci la mano". Foa gli rispose: "E' vero abbiamo vinto noi e tu sei potuto diventare senatore, avessi vinto tu io sarei ancora in carcere". 


Questa è la differenza tra dittatura e democrazia. 






E ci fu anche una Resistenza dei cattolici.













 Viva il 25 aprile

Viva la libertà


A tutti buona Festa della Liberazione dall'occupazione nazifascista.













aprile 2019

mercoledì 24 aprile 2019

Verso la realizzazione del Centro Risvegli a Ceglie






Torniamo a parlare del Centro Risvegli che sarà realizzato in un'area di proprietà dell'ASL adiacente al Centro "San Raffaele" a Ceglie.

Nel Bollettino Ufficiale regionale odierno è pubblicato l'estratto del bando di gara dell'ASSET (Agenzia regionale Strategica per lo Sviluppo Ecosostenibile del Territorio) per "l’affidamento di progettazione definitiva, esecutiva, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, redazione della relazione geologica e assistenza all’esecuzione di indagini geognostiche e strutturali ed eventuale direzione dei lavori e coordinamento per la sicurezza in fase di esecuzione, per la costruzione di un Centro Risvegli a Ceglie Messapica".

L'importo a base di gara è di 801.979,07 euro più IVA.



aprile 2019

Iscrizioni all'asilo nido comunale




E' stato pubblicato il bando pubblico per la richiesta di ammissione all'asilo nido comunale per l'anno scolastico 2019/2020. 

Possono essere ammessi i bambini di età dai tre ai trentasei mesi, secondo quanto previsto dall'art. 7 del regolamento comunale. Il servizio sarà attivo a partire dal 2 settembre 2019 e fino al 15 luglio 2020.





La richiesta di ammissione può essere presentata a partire dal 2 maggio fino al 31 maggio.



per il bando, il regolamento e il modello di domanda



aprile 2019

martedì 23 aprile 2019

Ricordando Pasquale Gallone



Un anno fa veniva a mancare improvvisamente Pasquale Gallone, una persona molto amata nella nostra città, la cui vita era stata caratterizzata dall'amore per la natura e per i frutti della terra. 





Era anche stato premiato presso la Regione Puglia - Assessorato all'Agricoltura come "biopatriarca" della biodiversità pugliese (foto sopra). 


Così lo ricordò al momento della sua scomparsa l'agronomo Pasquale Venerito:




"Pasquale era padre di Passoditerra, la nostra associazione culturale, era un grandissimo amico. Un instancabile amante della natura, la amava in ogni sua forma, in tutta la sua diversità. Aveva una forza di volontà unica e introvabile, derivante dalle sue origini radicate nella sua terra e per questo voleva recuperare tutto ciò che da essa ne trae origine.





Raccontava spesso la sua storia. Nato nel 1935, rimasto orfano di padre quando era ancora bambino, in tempo di guerra, ha dovuto da subito lavorare per mantenere sè e la sua famiglia. I fichi erano importantissimi per l'alimentazione dell'epoca, si potevano essiccare e quindi erano cibo a disposizione per gran parte dell'anno, e per questo li amava. 



Ha dovuto emigrare in Germania insieme alla moglie Antonia per lavorare ma è ritornato nella sua terra che tanto amava e qui si è dedicato alle sue passioni: la terra e il mare.






Costantemente alla ricerca delle antiche varietà di frutti, cereali, ortaggi tipici del nostro territorio, ha creato l'Albero delle meraviglie, una pianta di fico su cui sono innestate più di cento varietà diverse del territorio pugliese".








Ora, a distanza di un anno dalla sua scomparsa, proprio l'associazione PassoDiTerra insieme al Comune scopriranno una targa in suo ricordo




L'evento si svolgerà giovedì 25 aprile alle 10 di mattina, vicino all'albero delle meraviglie che tanto amava, nei pressi della sua abitazione.









Una bella persona.






aprile 2019

Camminata On the Road

.





L'associazione "Cuore di donna" ha organizzato, con il patrocinio del Comune e la collaborazione di diverse associazioni cegliesi, per Domenica 28 aprile l'iniziativa "On the road: la prevenzione si fa strada". La manifestazione è dedicata alla memoria di Antonella Caliandro.










E' una camminata in rosa aperta a uomini e donne che si svolgerà per le vie della città, rigorosamente in abiti rosa, per sensibilizzare sui temi della prevenzione e raccogliere fondi che contribuiranno all'acquisto e successiva donazione alla Asl di Brindisi di un software per effettuare mammografie con mezzo di contrasto. 


La partenza della camminata è prevista per le 9.30 da piazza Plebiscito e attraverserà varie vie della città per concludersi proprio in piazza, dove ci sarà un momento di festa. Le iscrizioni potranno essere fatta anche Domenica mattina e ai primi 250 iscritti verrà donato un pacco gara.




Partecipano le associazioni: ADMO Ceglie, Atletica Ceglie Messapica, Avis, BrinAIL,  Camminando Camminando, Croce Rossa Italiana, Pro Loco e Rotaract.




aprile 2019

Incontro informativo sulla XYLELLA











aprile 2019

Commenti

Commenti