F F Tribuna Libera: Ricomincia la stagione

lunedì 20 ottobre 2014

Ricomincia la stagione



Ceglie Messapica – Ripartono con la “Stagione d’Autunno” le attività del Teatro Comunale di Ceglie Messapica. A sette anni dell’avvio del Progetto Teatri Abitati giunto ormai a conclusione in questo autunno 2014, Armamaxa teatro decide di rilanciare e, nonostante le difficoltà del tempo di “crisi” che stiamo attraversando, riprendere la programmazione e le attività in teatro; perché, come diceva Don Tonino Bello, questo è il tempo per “rimboccarsi le mani”. Proviamo dunque ad Osare Inventare l’Avvenire.
Ad Ottobre ricominciano il Laboratori per Bambini e Ragazzi nella Sala Prove del Teatro Comunale di Ceglie: Small (6/8 anni) il 24 Ottobre, Big (9/14 anni) il 29 Ottobre. Mentre il 12 dicembre riprende il Laboratorio Serale Intensivo: Il Corpo in Movimento.
Dal 23 ottobre, ogni giovedì con cadenza settimanale per un mese e mezzo, ritorna “Teatro a tutti i costi, d’Autunno, la Stagione”: 8 appuntamenti con la “nuova drammaturgia” cresciuta in puglia in questi anni ed affermatasi a livello nazionale: un teatro vario, necessario, umano, fatto da professionisti che lavorano con dedizione quotidiana a costruire cultura. Otto titoli importanti che cominceranno giovedì 23 ottobre con la presentazione (ad ingresso gratuito) del film di Ippolito Chiarello e Matteo Greco “Ogni Volta che parlo con me” dedicato all’esperienza del “Barbonaggio teatrale” dell’attore salentino Premio della Critica 2014. 
Il 30 ottobre sarà la volta di “Capatosta”, nuova produzione del Crest di Taranto scritto da Gaetano Colella con la regia di Enrico Messina dedicato, senza alcuna retorica, alla questione Taranto: scappare via o lottare? Un testo ed una messa in scena potenti, capaci di far ridere e piangere, che hanno ricevuto grandissimo consenso di pubblico e critica al recente debutto nazionale per il festival Start Up. Gli appuntamenti proseguiranno il 6 novembre con “Soliloquy” e le coreografie di Elisa Barucchieri, il 13 novembre con il trasecolato “Sette Opere di Misericordia e mezzo” di Salvatore Marci, il 20 novembre con “Dall’Altra Parte della Terra” del Teatro delle Forche, il 27 novembre con “Kater” il dramma della motovedetta albanese affondata in Adriatico scritto da Francesco Niccolini, il 4 dicembre con il classico di Arthur Schnitzler “Else, Andante Cantabile con Brio” della Bottega degli Apocrifi, per terminare l’11 dicembre con “Croce e Fisarmonica” il racconto di Armamaxa teatro dedicato a Don Tonino Bello con Enrico Messina, Mirko Lodedo e la regia di Carlo Bruni.
Teatro a Tutti i Costi “d’Autunno, la Stagione” è realizzato grazie all’azione di sistema per l’accompagnamento alla visione della drammaturgia contemporanea nella rete Teatri Abitati di Regione Puglia e Teatro Pubblico Pugliese.
Dal 9 novembre con quattro appuntamenti, ritorna anche “Il posto delle favole”, la preziosa rassegna per le famiglie del Teatro di Ceglie divenuta ormai punto di riferimento per le famiglie del territorio e giunta alla VII edizione. La rassegna ospiterà il ritorno di alcune compagnie molto amate dal pubblico del Comunale di Ceglie: ad aprire il cartellone il 9 novembre, saranno i burattini e le marionette della Compagnia Burambò di Foggia che presenterà “Il Mistero dell’Isola dei Gabbiani”; il 23 novembre tornerà al Posto delle Favole “Senza Piume” dell’omonima compagnia di Giovinazzo e le musiche di Mirko Lodedo; il 7 dicembre sarà la volta di Principio Attivo Teatro di Lecce che, dopo la bellissima “Bicicletta rossa” presentata nella scorsa stagione, tornerà a Ceglie dopo una lunga tournée internazionale con “Storia di un Uomo e della Sua Ombra”. Infine domenica 21 dicembre ci scambieremo gli auguri natalizi con il Crest e “La Bottega dei Giocattoli”.
Osiamo Inventare l’Avvenire, dunque. Insieme. Perché il Teatro di Ceglie sempre più sia luogo di elaborazione, progettazione, costruzione di idee e realizzazione di sogni.
Teatro Comunale – Ceglie Messapica, via San Rocco 1
Ingresso 5€
Info 389 2656069



Ricomincia la stagione

2 commenti:

  1. Anonimo10/20/2014

    Non c'è più uno spettacolo di prosa, non mi sembra giusto. Emigreremo.

    RispondiElimina
  2. Anonimo10/21/2014

    Martina Franca.......

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti