F F Tribuna Libera

giovedì 23 gennaio 2020

Nuovi casi di "Xylella Fastidiosa" a Ceglie








Torniamo a parlare di xylella fastidiosa. Come sapete, Ceglie risulta in parte zona infetta e in parte zona di contenimento. 



Qualche giorno fa sono stati adottati due nuovi provvedimenti della Sezione Osservatorio Fitosanitario della Regione Puglia, che hanno prescritto nuove estirpazioni immediate di altre piante infette da xylella fastidiosa nel nostro agro.


Nella prima è stata prescritta l'estirpazione di 4 piante infette (Clicca qui), nella seconda di 11 piante (Clicca qui) .





Entro 3 giorni dall'invio della Pec di trasmissione della decisione al Comune, quest'ultimo è tenuto ad affiggere l'atto all'albo pretorio comunale. Questa affissione, decorso il 13esimo giorno dall'invio della pec, vale come notifica ai proprietari/conduttori interessati all'estirpazione. 



L'intervento dell'Arif avverrà nei 20 giorni successivi all'avvenuta notifica. E' prevista anche la possibilità della procedura di estirpazione volontaria da parte dei proprietari/conduttori del terreno.


Ai proprietari/conduttori sarà riconosciuto il contributo per il danno subìto per ogni albero estirpato, ex Dgr 940/2017.  Inoltre il governo Conte, come ricordato il capo del Governo in occasione anche della sua venuta a Ceglie, ha stanziato 300 milioni di euro  per rimettere in moto il comparto olivicolo-oleario salentino.
.






Vediamo l'elenco delle piante infette rilevate nel territorio cegliese negli ultimi mesi:





Provvedimento del 12 dicembre: 11 piante infette

Provvedimento del 5 dicembre: 1 pianta infetta


Provvedimento del 2 dicembre: 20 piante infette


Provvedimento del 18 novembre: 2 piante infette


Provvedimento del 23 ottobre: 5 piante infette


Provvedimento del 17 ottobre: 3 piante infette


Provvedimento dell'8 ottobre: 1 pianta infetta






Tribuna Libera

Un cegliese ad "Avanti un altro"






La puntata, condotta come sempre da Paolo Bonolis, è andata in onda su Canale 5 questa sera e ha partecipato un giovane cegliese, Dario Vitale, che è riuscito ad arrivare fino al gioco finale. 




Le sostenitrici tra il pubblico









Una prova entusiasmante, purtroppo non ce l'ha fatta proprio all'ultima domanda. 



per il video della puntata

(a partire dal minuto 26,20)








Tribuna Libera

La Memoria è Impegno






24 gennaio 2020

"La Memoria è l'Impegno"
Giornata della Memoria a Ceglie Messapica



Venerdì 24 gennaio presso il teatro comunale di Ceglie Messapica si svolgerà un evento in concomitanza con la vicina Giornata della Memoria.


Il Presidio Libera di Ceglie M.ca insieme al Presidio ANPI di Ceglie M.ca, in collaborazione con Armamaxa teatro e grazie al vivo interesse delle Istituzioni Comunali e delle Istituzioni Scolastiche (I e II circolo), propone una giornata dedicata alla Memoria: della Guerra, della Resistenza della Shoah per riprendere, proseguire e sostenere il lavoro sull’antifascimo e sull’importanza della memoria: perché una comunità senza memoria rischia di perdere e smarrire il significato e il senso profondo della propria identità culturale e civile.



Le porte del teatro si apriranno alle ore 11:00 per accogliere i cittadini interessati a condividere con uno degli ultimi partigiani i ricordi di un periodo duro della nostra storia.


“Intervista al partigiano Pietro Parisi” (di Cisternino). La testimonianza sarà moderata dalla giornalista Tea Sisto (Coordinamento nazionale Donne Anpi e componente dell’Osservatorio sui neofascismi della Regione Puglia ).


La testimonianza sarà intervallata da: alcune letture a cura di Enrico Messina, interventi musicali a cura del I Comprensivo (Scuola Media "Giovanni Pascoli") diretti dalla prof.ssa Nadia Martina del gruppo di musica ebraica “Shanah Tovah” e interpretazione di poesie a cura della Scuola Secondarie di I°  “L. Da Vinci” e "Giovanni Pascoli".



Tribuna Libera

mercoledì 22 gennaio 2020

Contributi del Governo per la sicurezza delle scuole cegliesi







Qualche mese fa il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ha stanziato 65,9 milioni per un “Piano straordinario di prevenzione e risanamento degli Istituti scolastici, per le verifiche e gli interventi urgenti su solai e controsoffitti”.  


A metà gennaio sono state pubblicate le graduatorie degli enti locali che ne beneficeranno. Per la Puglia saranno finanziati progetti per un ammontare complessivo di 3.449.130,00 euro, di cui 2.779.130,00 euro per i plessi di “primo ciclo” e 670.000,00 euro per i plessi di “secondo ciclo”. I plessi finanziati nella provincia di Brindisi sono 81: 9 sono a Ceglie Messapica.


Sono (riporto la denominazione usata nella graduatoria, che fa riferimento alla via dove sorge la scuola): Machiavelli, Toniolo, Francavilla (2 progetti), Martina, Salerno, Genova.


L'importo ottenuto (cadauno) è di 7.000 euro, a cui va aggiunto un di cofinanziamento comunale 1.120 euro per un totale di 8.120 euro.



Tra l'altro, degno di nota è in particolare la proposta presentata in riferimento scuola "ex De Amicis" ora intitolata alla Preside Lucia Palazzo che ha ottenuto un punteggio che l'ha vista classificata al 26esimo posto su 2.015 scuole italiane.






per la graduatoria



Per essersi attivati nel modo migliore va riconosciuto merito (le domande sono state presentate il 20 novembre) agli uffici comunali e al Commissario prefettizio che in questi mesi sta amministrando temporaneamente la nostra città. 





Tribuna Libera

Lettera di Cataldo Rodio sulla "Zingara"







Comunicazione di Cataldo Rodio, autore del libro "La Zingara del Calcio Brindisino", dedicato alla squadra del Ceglie che fra il 1968 e il 1971 vinse tre campionati senza mai giocare in casa ma solo in trasferta, a causa della mancanza di un campo sportivo proprio.










Tribuna Libera

martedì 21 gennaio 2020

Trent'anni fa, a Ceglie










Ero un ragazzino quando quel giorno, il 22 gennaio 1990, si diffuse nella nostra Ceglie una tragica notizia (non c'era internet ma il passaparola) che lasciò tutti scossi. Un giovane carabiniere aveva perso la vita a seguito di una rapina avvenuta alla filiale della Banca Popolare di Lecce che allora si trovava in zona di via Sant'Anna, poco distante dall'incrocio semaforico. 


Quattro uomini col volto coperto da passamontagna e con pistole, fucili e una mazza ferrata erano scesi da una Fiat Croma  tentando di assaltare l'ingresso blindato della banca.

Angelo Petracca era un carabiniere ausiliario di 20 anni da poco compiuti, originario di Casarano,  arruolatosi nell'Arma l'anno prima. Quello era il suo giorno di riposo che stava trascorrendo in Caserma. 


Quando i Carabinieri furono allertati del tentativo di rapina, Petracca decise volontariamente di unirsi al suo superiore ed al collega parigrado per accorrere subito sul luogo. 


Lì si scatenò un conflitto a fuoco con i rapinatori. Il suo commilitone venne ferito da uno dei malviventi e cadde a terra. A quel punto Angelo Petracca, incurante del pericolo, decise di esporsi ai colpi di arma da fuoco e reagì con la sua arma in dotazione, esponendosi in modo da consentire al collega ferito di mettersi al riparo. 



Venne colpito a morte da una scarica di pallettoni in quella via (allora si chiamava via Moretto), nel punto dove oggi campeggia la sua lapide, e che poco tempo dopo fu dedicata alla memoria di quell'eroico gesto. Uno dei rapinatori rimase ferito ma il commando riuscì ad allontanarsi. La loro auto era stata messa fuori uso dai carabinieri ma riuscirono a rubare una Y10 con cui fecero perdere le loro tracce. I responsabili della sua morte non sono stati ancora trovati.


Alla memoria di Angelo Petracca venne conferita una Medaglia d'oro al valor militare. 




Domattina, mercoledì 22 gennaio, saranno trent'anni da quel giorno. In commemorazione, alle 10.30, sarà celebrata la Santa Messa nella Chiesa di San Rocco (celebrata dal Vescovo Mons. Vincenzo Pisanello, dal cappellano militare e dal parroco Don Lorenzo Elia) e successivamente seguirà il corteo fino all'incrocio con Via Petracca, dove ci sarà la cerimonia commemorativa e l'apposizione della corona di fiori sulla lapide. E' prevista la presenza di autorità civili e militari, di cittadini, scuole e parenti del giovane eroe.








Quando ci capita di passare per la via che porta il suo nome, rivolgiamo un pensiero al sacrificio di questo ragazzo di appena 20 anni.



Tribuna Libera

Un libro interessante degustando il biscotto cegliese







Giovedì prossimo, alle 17.30 presso la sede del Gal Alto Salento 2000 ad Ostuni, sarà presentato un libro interessante, scritto dallo storico e geografo tarantino Antonio Caso dal titolo "A tavola con gli Apuli".


In diversi paragrafi del libro ci sono vari riferimenti al biscotto cegliese (da anni Presidio Slow Food)  e alla mandorla di Ceglie Messapica. 


A dialogare anche su questo con l'autore ci sarà l'agronomo cegliese Felice Suma dell'associazione Passoditerra.


Contestualmente alla presentazione, sarà allestito un laboratorio di preparazione del biscotto cegliese a cura dei cuochi Tonino Tuma e Teresa Epicoco.






Tribuna Libera

lunedì 20 gennaio 2020

Grazie, Cosimo







Momenti di grande coinvolgimento durante la sesta edizione di Corri a Ceglie che si è svolta nella mattinata di ieri nella nostra città e che ha visto la partecipazione di più di settecento atleti. E non solo per lo spirito sportivo.


L'emozione più significativa l'ha portata Cosimo Girolamo, atleta paralimpico dii Alberobello, anche lui tra i partecipanti a questa grande occasione di festa e sport.


Sette anni fa, a causa di un incidente, Cosimo ha dovuto subìre l'amputazione di una gamba. Ma ciò non ha rappresentato la fine della sua passione per lo sport e per l'atletica. E cosi, anche ieri, ha dato ancora una volta il massimo.





Nel partecipare ha scelto di indossare la maglia di Giovanni Custodero, il giovane calciatore di Pezze di Greco di cui tanto si è parlato, con grande commozione di tutti, compresi noi che non lo abbiamo conosciuto, per la sua scelta di ricorrere alla sedazione profonda di fronte alla sofferenza ormai insostenibile, prima di venire a mancare poche ore dopo:


"Oggi ho corso insieme ad un mio amico che ci ha lasciati pochi giorni fa ma la sua forza continua".






Noi ringraziamo Cosimo per l'esempio di forza, entusiasmo e amore per la vita, sempre e comunque, che ci ha regalato.







Tribuna Libera

L'Europa tradita, a Ceglie


Un interessante evento culturale oggi pomeriggio, alle 16, presso l'Oxford College Mita in via San Paolo della Croce, n. 40 (nei pressi della Chiesa dei Passionisti).






Una giornata di studio prospettico su una tematica di attualità come l'integrazione europea con relatori di livello. Sarà presentato il libro "L'Europa tradita. Lezioni dalla moneta unica".

Interverranno i vertici di Confindustria Provinciale e due dei più autorevoli docenti Universitari della Luiss di Roma: il prof. Giuseppe di Taranto (autore del libro) e la prof.ssa Rita Mascolo.



"Le premesse che avevano portato alla nascita dell'Euro sono state in gran parte disattese e le promesse mancate di benessere e stabilità hanno influito pesantemente sulla vita dei cittadini europei. 

Giuseppe Di Taranto, che già all'indomani della creazione dell'Unione Europea denunciava i rischi e gli errori insiti nelle politiche economiche e monetarie in atto, mette a nudo i peccati originali dello Statuto della BCE evidenziando i suoi effetti nel contesto attuale. 

L'Europa tradita, a 25 anni dal Trattato di Maastricht e a 60 dalla nascita della CEE, invita a riflettere sugli ideali e i valori che hanno ispirato la creazione della moneta unica, sempre più distanti dagli obiettivi sociali ed economici che l'Unione Europea aveva immaginato a cavallo del nuovo millennio".





Tribuna Libera

domenica 19 gennaio 2020

DESTRA E SINISTRA INSIEME CONTRO LA DESTRA







In questi giorni la stampa locale, prima Ceglie Oggi e questa mattina la Gazzetta del Mezzogiorno, riporta la notizia di un incontro che si sarebbe tenuto nei giorni scorsi tra esponenti politici di sinistra e destra che, in vista delle prossime elezioni comunali, ipotizzano di formare un tavolo trasversale civico, in opposizione alla coalizione di centro destra guidata da Angelo Palmisano, ex vicesindaco nella passata Giunta Caroli.


Per il centrosinistra sarebbero stati  presenti i consiglieri comunali uscenti Nicola Trinchera (ArticoloUno) e Rocco Marrazza (PD), Tommaso Gioia (PD), Giovanni Dovizioso (Articolo Uno), gli ex consiglieri di maggioranza di Democrazia Cegliese Giovanni Gianfreda e Marcello Antelmi, l’ex consigliere di maggioranza Cesare Epifani, gli ex assessori Daniele Gioia (Liberi e Forti) e Antonello Laveneziana (ex L’idea Comune).


Il progetto sarebbe quello di mettersi tutti insieme in una o più liste civiche, senza simboli di partito, con un candidato sindaco comune. Oppositori dell’amministrazione Caroli insieme ad ex sostenitori o addirittura ex assessori e consiglieri comunali caroliani fino a poche settimane fa (su Daniele Gioia e Riccardo Manfredi, che già da anni avevano avviato un discorso di coerente opposizione alla precedente Amministrazione, il discorso è diverso).


Sarò "antico" io ma a me questo scenario politico sembra veramente surreale. Le mie considerazioni da semplice cittadino sono ovviamente strettamente politiche e non rivolte alle persone, con diverse delle quali ho anche un rapporto di amicizia (ma a Ceglie queste cose bisogna specificarle ogni volta, visto il clima politico già in fase di surriscaldamento).


Intanto trovo stravolta l’idea di “lista civica”: una volta una lista civica nasceva come aggregazione di liberi cittadini, senza appartenenze politiche ufficiali, in alternativa ai partiti e ai movimenti politici. 


Oggi invece lo strumento delle aggregazioni civiche viene “creato” proprio da esponenti politici che o non riescono a formare una lista di partito o si suddividono in varie liste “civiche” per aumentare il numero di candidati consiglieri a sostegno di un candidato sindaco e aumentando a loro volta la loro possibilità di essere eletti (possibilità che invece diventa inversamente proporzionale per gli altri candidati delle liste). 


Ma non possono essere considerate vere e proprie liste civiche, nel senso originario del termine. Tra l'altro, finora vediamo muoversi i colonnelli, delle truppe ancora nessuna notizia.


Per di più. per quel che riguarda il centrosinistra, ciò comporterebbe anche che i suoi elettori (che, al netto della crisi di consenso, ancora esistono) non troveranno i simboli dei loro partiti sulla scheda. PD e sinistra scomparirebbero dunque certamente dal Consiglio comunale. 


E questo avverrebbe in una fusione indistinta con una parte proprio di quel centrodestra  che pur in questi anni è stato il caposaldo dell’Amministrazione Caroli di cui quella sinistra rappresentava l’alternativa nella città e in Consiglio comunale. 


E’ davvero quello che volete? Siete sicuri che questo porterà un aumento e non una diminuzione di consensi totali per l’area del centrosinistra? Siete proprio sicuri che questa eventuale fusione tra chi ha contestato le principali scelte amministrative in questi anni e chi le ha sostenute orgogliosamente e convintamente, sarà apprezzato, o addirittura compreso, dal vostro rispettivo elettorato?



Stessa cosa, simmetricamente, per gli esponenti del centrodestra. Pensate che il vostro elettorato, che si riconosce ancora in buona parte nell’ex amministrazione, capirà la vostra nuova posizione? Pensate che capiranno come si possa pensare che chi ha vissuto in prima persona e rappresentato nelle istituzioni un quinquennio amministrativo possa addirittura chiedere un voto per creare un’alternativa amministrativa radicalmente opposta a quel quinquennio? 


Non pensate che un cittadino comune potrà chiedervi: “Scusate ma voi fino a qualche settimana fa non eravate da quella parte?”. Vero che  spesso molti elettori hanno una memoria un po' corta ma è sempre così?
  


Vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni. Sulla stampa leggiamo che per domani (lunedì) sarebbe stato convocato un altro incontro per capire se questo “tavolo” politico potrà avere un futuro concreto. E se almeno inizieranno a parlare di programmi. Attediamo notizie.





Tribuna Libera

sabato 18 gennaio 2020

E' di un cegliese il film più visto al cinema in Italia






Il film "Me contro te - La vendetta del signor S" è uscito ieri in seicento sale cinematografiche di tutta Italia ed in un giorno ha incassato oltre 1 milione di euro balzando quindi subito al primo posto scalzando, come film più visto della settimana, anche "Tolo Tolo" di Checco Zalone. Lo leggiamo sul sito di cinema MoviePlayer. Link






Il film è diretto dal regista di origine cegliese Gianluca Leuzzi, che ben conosciamo per la serie tv Untraditional, interpretata da Fabio Volo e di cui l'anno scorso due puntate  sono state girate proprio nella nostra Ceglie. Questo è il suo esordio cinematografico.







Protagonista del film è il duo siciliano composto da Sofia Scalia e Luigi Calagna, in arte Luì e Sofì, fidanzati anche nella vita reale. Ma tutti li conoscono come i Me contro Te, tra gli youtubers più seguiti del momento con più di 4,5 milioni di iscritti sul loro canale, veri idoli per i bambini tra i 4 e i 10 anni. 


Il loro canale youtube è uno dei più apprezzati tra i creatori di prodotti media per bambini ed i loro video sono stati premiati dal Moige per il valore educativo dei contenuti.






Così ha dichiarato qualche giorno fa Gianluca Leuzzi alla Gazzetta del Mezzogiorno:


"Me contro Te è una live-action comedy con un ritmo altissimo e molto fumettistico. Il messaggio del film è descritto benissimo da un proverbio africano: Da soli si va veloci, ma insieme si va più lontano. È un invito a condividere esperienze ed emozioni, in un momento in cui tutti sembriamo molto più soli, in compagnia dei nostri smartphone, tablet e computer".



Da cegliesi non possiamo che esserne orgogliosi.







Questo fine settimana, dalle nostre parti, il film è in programmazione nelle sale di Oria, Fasano e nelle multisala di Brindisi e San Giorgio Jonico. 





Tribuna Libera

Cacca e inciviltà







E' bello avere un animaletto domestico, in particolare un cane, e prendersene cura. E' un segno di grande sensibilità. Così come civiltà (oltre che le norme e il senso di igiene) richiedono che, quando si porta il nostro amico a quattro zampe in giro a passeggio, sia buona regola portare con sè un sacchettino per raccoglierne i frutti del corpo (chiamiamoli così).





Ma che senso hanno comportamenti come quelli che si possono constatare in alcune zone della città (la foto è stata scattata stamattina al parchetto di via Crispi) dove la cacca correttamente raccolta e "imbustata" viene poi lasciata per terra? In una zona poi dove dovrebbero giocare i bambini (vabbè, diciamo così, viste le condizioni di abbandono dell'area ... e non venite a raccontarci che è una questione degli ultimi mesi ...).



Quindi ci auguriamo che non ci sia nè cacca a cielo aperto (che però è almeno biodegradabile) nè civiltà solo a metà. Mi raccomando.











Tribuna Libera

Una Domenica di corsa a Ceglie






Domani mattina, Domenica 19 gennaio 2020, la sesta edizione della gara podistica "Corri a Ceglie" organizzata dall’associazione sportiva dilettantistica Atletica Ceglie Messapica, con il patrocinio del Comune di Ceglie Messapica, la collaborazione di Admo Puglia, (4° Trofeo Admo) ed il sostegno dell'associazione "Amici del Borgo Antico" (6° Trofeo Sant’Antonio Abate in Valle d’Itria).“


La distanza da percorrere sarà di 10 km da percorrere nel centro cittadino, con partenza (ore 9,30) e arrivo ( ore 11,00) in via San Rocco. 



Sono 630 gli iscritti a cui si potranno aggiungere tutti i “liberi che vorranno partecipare. 


Sarà presente alla manifestazione, anche, l’associazione “Giovani farmacisti di Brindisi e provincia” che con il loro camper, dalle ore 9,00 e fino al termine della gara, saranno a disposizione della cittadinanza per la misurazione gratuita di glicemia e pressione. 



A tutti i partecipanti sarà donato un pacco gara con borraccia riutilizzabile e biscotti cegliesi e ristoro finale con the caldo, prodotti dolciari e frutta.“



Tribuna Libera

domenica 20 ottobre 2019

Niente tappa cegliese al Giro d'Italia 2020







Nel gennaio scorso il Comune aveva candidato Ceglie Messapica a “Città tappa” del Giro d’Italia 2020. La nona tappa avrebbe dovuto unire Castrovillari e Ceglie. 

Ieri è però arrivata la notizia che per la nostra città non ci sarà partita: la città di Brindisi sarà finale di tappa della 103esima edizione del Giro d'Italia. 

La corsa rosa, infatti, arriverà nel capoluogo provinciale il prossimo 18 maggio, dopo la partenza della tappa a Castrovillari. La tappa successiva, in Puglia, partirà da Giovinazzo.







Tribuna Libera

sabato 19 ottobre 2019

Giornata del Donatore






Per Domenica 20 ottobre, dalle 8.30 alle 11.30, l'Avis di Ceglie ha organizzato la Giornata del Donatore, presso il punto di raccolta fisso allocato sempre all'interno dell'ex ospedale ma con un ingresso separato in via Istria (di fronte all'entrata del Conservatorio).


E' CONSENTITA una leggera colazione con acqua, tè, caffè, succhi di frutta, biscotti secchi, fette biscottate, marmellata, miele.

NON E' AMMESSA la colazione con latte e derivati (yogurt, creme, formaggi); alimenti grassi (salumi, creme spalmabili).





Tribuna Libera