F F Tribuna Libera

lunedì 26 settembre 2016

Ceglie Messapica is a place to see in






Un video con delle immagini davvero suggestive della nostra Ceglie. L'ho trovato su YouTube, in un canale dal titolo inglese "Places to see in", "Posti da visitare".





Buona visione.



per il link del canale




Tribuna Libera

Senza illuminazione al cimitero





Una lettrice del blog scrive a Tribuna Libera per una segnalazione:


"Ciao, Francesco,
Vorrei raccontarti uno spiacevole avvenimento con la speranza che tu in qualche modo possa sollecitare la cose. Sono circa tre settimane che in alcune zone del cimitero manca l'illuminazione. Dopo i vari solleciti fatti verbalmente, ancora non ne erano venuti a capo.

Perciò stasera mi sono recata personalmente da uno degli addetti per capire chi è il responsabile dell' illuminazione....ma lui  mi ha detto che stamattina si è recato dal sindaco, non sapeva altro. Mi ha mostrato un foglio facendomi vedere che è da molto tempo che mancano altre luci e addirittura neanche la Croce si accende del tutto a causa delle lampadine fulminate!

Ora la domanda mi nasce spontanea? ma se le persone pagano regolarmente è normale non avere corrente?".

Lettera firmata




Naturalmente il blog resta a disposizione anche per evidenziare eventuali risposte e precisazioni di chi di competenza. 





Tribuna Libera

Incarichi comunali per architetti e ingegneri






Sul sito del Comune è stato pubblicato un avviso pubblico per costituire un elenco di operatori economici dal quale il Comune attingerà nel momento in cui occorrerà conferire incarichi professionali attinenti all’architettura e all’ingegneria di importo stimato inferiore ad 100mila euro (I.V.A. e contributi previdenziali esclusi).

Gli affidamenti avverranno previo espletamento di procedure selettive svolte fra i soggetti iscritti nelle apposite sezioni dell’elenco. In queste procedure negoziate (cioè quelle che, prima dell’approvazione nel 2006 del Codice dei contratti pubblici, era chiamata “trattativa privata”) la scelta degli operatori economici da invitare per ciascun affidamento seguirà il criterio di rotazione. I dettagli della procedura sono disciplinati dall’art. 9 dell’avviso.

per l'avviso






Tribuna Libera

Riccardo Manfredi a tutto campo



Intervista a tutto campo fatta questa sera in diretta, su Video M Italia, da Rocco Monaco al consigliere di opposizione Riccardo Manfredi.





Parte 2:





Tribuna Libera

CRONACA, E' accaduto nella campagna cegliese


E' accaduto a Ceglie, questa mattina.



Donna chiusa in una stanza da due banditi che le svaligiano la casa


I delinquenti si sono impossessati di soldi e gioielli, dandosi alla fuga con una vecchia Fiat 500 di proprietà della vittima. Sul posto si sono recati i carabinieri.


per leggere a notizia completa




Tribuna Libera

L'on. Elena Gentile a Ceglie










Un recente intervento dell'on. Gentile al Parlamento Europeo.






Tribuna Libera

Le foto della Coppa Messapica


C'è un bel book fotografico realizzato da Vincenzo Intermite.





per tutte le foto.





Il video realizzato da Mimmo "Ahi" Barletta.






Tribuna Libera

domenica 25 settembre 2016

Grande successo del biscotto cegliese



Terminerà domani a Torino la quattro-giorni del Terra Madre-Salone del Gusto. Organizzato da Slow Food, dalla Regione Piemonte e dal Comune di Torino, in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole, il Salone del gusto accoglie uno dei più importanti palchi per produttori e artigiani dell’agroalimentare di qualità provenienti da tutto il mondo.

Come sapete, sono presenti anche sei produttori del nostro biscotto cegliese (Presidio Slow Food), associati nel consorzio di tutela e valorizzazione con il sapore del nostro dolcetto tipicio e delle nostre mandorle.  Le attività presenti sono: Apuliataste (Ristorante Botrus) di Francesco NacciAllegrinitaly di Maria Franco, Ristorante Cibus di Angelo Silibelo, I dolci della tradizione di Stefania Gioia, Panificio San Lorenzo di Vito Chirico, Pasticceria Martinese di Pietro Nigri.



E il biscotto cegliese sta spopolando!












E anche l'autorevole "Gambero rosso" 
parla del biscotto :





Bravissimi!






Tribuna Libera

Nelle campagne cegliesi puoi trovare di tutto



Un piccolo reportage del consigliere di opposizione Riccardo Manfredi.









Tribuna Libera

sabato 24 settembre 2016

Disagi nella consegna della posta a Ceglie Messapica






La Gazzetta del Mezzogiorno, con un articolo di Adele Galetta, oggi parla dei notevoli disagi vissuti da utenti cegliesi per ritardi nella consegna della posta. Ritardi che vanno dai 15 ai 60 giorni. Tra gli utenti, giustamente inviperiti, viene intervistato un professionista locale a cui hanno bloccato linea telefonica e connessione internet perchè le bollette del bimestre in corso e del precedente non erano state consegnate. 
Dallo scorso 11 luglio è partito il progetto di Poste Italiana intitolato "A giorni alterni": la consegna degli invii postali avviene il lunedì, mercoledì e venerdì in una settimana e martedì e giovedì in quella successiva.

L'articolo completo con i dettagli lo trovate sulla Gazzetta oggi in edicola.




Tribuna Libera

Il giorno della Coppa Messapica



Risultati immagini per coppa messapica



Questo pomeriggio si correrà la 57esima edizione della Coppa Messapica che dal 2014 ha cambiato la denominazione in "Coppa Messapica - Giro della Valle d'Itria".



E' la gara più importante del Sud Italia e ogni anno richiama da tutto lo Stivale moltissime squadre e i migliori atleti under 23 elite. 167 gli atleti provenienti da tutta Italia.


Questo il circuito extraurbano, da ripetere due volte: Ceglie Messapica, SP 29 direzione Ostuni, ex SS 16 per Montalbano di Fasano, SP 9 per Cisternino, SP 16 per Ceglie Messapica.



Il circuito cittadino (da ripetere per sei volte): Largo San Rocco, Via Martina, Via Petracca, Largo De Gasperi, Via San Lorenzo, Via Fedele Grande, Tratturo Cappelle, Via Villa Castelli, Via A. Moro, Largo Don Minzoni, Via Sant’Aurelia, Via Francavilla, Largo Amendola, Via Roma, Via Umberto I°, Via Dante, Piazza Plebiscito, Corso Garibaldi, Piazza S. Antonio, Via San Rocco.








Soci dell' asdc g.s.c. “Orazio Lorusso” e Comitato Organizzatore:

Cesare Fiorio (Presidente Onorario), Pietro Stoppa (Presidente), Athanasios Papathanasiu, Giuseppe Chirulli, Roberto Zizzi, Donato Rapito, Michele Antico, Oronzo Bruni, Pietro Bruni, Maria Antelmi, Cosimo Gioia, Angelo Leporale.











Clicca sull'immagine per leggere la brochure integrale in pdf.





Tribuna Libera

venerdì 23 settembre 2016

Campi da golf, Parla Rocco Cavallo


AGGIORNAMENTO DEL POST



Dopo il post di oggi sui campi da golf in agro di Francavilla, ricevo e pubblico un comunicato del geom. Rocco Cavallo




COMUNICATO STAMPA 

"FINALMENTE SI FA CHIAREZZA

Ieri grande successo alla Conferenza Stampa tenutasi presso la Sala del Lampadario del Castello Imperiali di Francavilla Fontana indetta dalla società Cavallo quale proponente del progetto “ALTOSALENTO GOLF CENTER CLUB #UNAGRANDEOPPORTUNITA’”. L’intervento dello Staff Tecnico, Economico e Finanziario, ha chiarito che l’idea progettuale è stata sviluppata nel pieno rispetto di tutti i vincoli e delle norme vigenti.

Si è iniziato con una dettagliata esposizione della VAS e del PAI, per poi proseguire nell'illustrazione delle fasi progettuali, organizzative, lavorative e finanziarie successive. 

In sostanza, è emerso che il corpo masserizio esistente sarà recuperato mantenendo le caratteristiche che già gli appartengono con un aumento della superficie di circa il 20%, così come previsto dalle norme del PPTR, da destinarsi a club house, n. 8 stanze, centro benessere e servizi.

Fuori dai vincoli, sarà costruito un nuovo corpo di fabbrica, che prevederà la realizzazione di n. 31 stanze doppie, n. 11 suite, ed un locale destinato a servizi generali a servizio della struttura e del campo da golf. Il tutto al servizio dei golfisti e degli ulteriori ospiti, che potranno godere del territorio circostante, con particolare riguardo alla Città di Francavilla Fontana; la sarà sicuramente anch’essa partecipee propositiva- così come testimoniato dalle Associazioni presenti al Consiglio Comunale, tenutosi successivamente alla Conferenza Stampa -diventando parte attiva di un’iniziativa utile al rilancio ed al futuro di tutti.

Lo stesso Consiglio Comunale, anche se con qualche ritardo, sta avendo un ruolo importante nella discussone per la realizzazione del campo da golf, che si svolge in maniera ampia e democratica. E’ perciò di estrema importanza che il tempo perso per arrivare a tale approfondimento venga recuperato anche dagli stessi uffici che in precedenzanon hanno dato il necessario impulso all’istruttoria del procedimento.

Entrambe le strutture, saranno dotate di pannelli fotovoltaici, impianto solare/termico, trattamento e recupero delle acque con sistema duale e fitodepurazione, per dare un impatto più ecosostenibile.

Si è illustrata in maniera approfondita la realizzazione del campo da golf, il quale nelle sue zone di gioco occuperà circa 16 ettari e sarà seminato con speciali essenze graminacee autoctone, che oltre ad inserirsi armoniosamente nel contesto naturale, non necessitano di emungimento di acqua, ma che con un sistemo a circuito chiuso (cielo/terra/aria) potranno in maniera autosufficiente e con il solo supporto dei tre laghi, posti nelle zone più basse, che fungeranno da deposito, provvedere al proprio mantenimento, il tutto supportato da uno specifico sistema di drenaggio, oltre ad un impianto di irrigazione gestito in maniera computerizzata al fine di evitare qualsiasi tipo di dispersione di acqua con un notevole abbattimento dei consumi. In questa maniera si otterrà relativamente ai 16 ettari destinati al golf un consumo idrico nettamente inferiore rispetto a quello di una normale coltura agricola.

In tale percorso saranno allocate n. 18 buche per una lunghezza di ml. 6.763 con n. 72 par (colpi), campo tra l’altro già preventivamente omologato dalla Federazione Italia Golf per lo svolgimento di gare di tipo nazionale ed internazionale, essendo diventando il 5 sport praticato in Italia e che sposta circa 6.000.000 di golfisti nel territorio italiano con una forte propensione all’aumento, anche in virtù delle tensioni presenti in nord africa, i cui territori insicuri, come sta già accadendo, faranno spostare gli amanti del golf nel territorio italiano, di cui Francavilla Fontana farà la sua parte. 

Questo turismo caratterizzato dalla destagionalizzazione da una più lunga durata media del soggiorno dalla spesa procapite doppia rispetto al turismo tradizionale, dal coinvolgimento nella vacanza di tutta la famiglia, da un profilo sociale e culturale più elevato. In Italia un fenomeno ancora parzialmente nuovo, ma specialmente nel Sud, ha straordinarie potenzialità che sembrano tutte riassunte nell’iniziativa di Francavilla Fontana, che ne trarrà tutti i benefici rivenienti. Per restare in linea agli accordi assunti con la Lega Ambiente e la FIG, non vi sarà l’utilizzo di concimi di sintesi a tutela ed a salvaguardia della natura e del ns. territorio. Inoltre il campo sarà adagiato su naturale orografia del terreno e sarà pertanto eseguita solo una movimentazione estremamente ridotta alla scarificatura della superficie.

Nella restante superficie di circa 100 ettari, sarà mantenuta l’attuale destinazione agricola, dedicando una maggiore attenzione alla coltivazione degli uliveti, dei seminativi, ortaggi ed allevamenti già presenti, diventando in tal modo un valore aggiunto al campo da golf. 

Vi sarà pertanto un recupero di tutti i muri a secco, una riqualificazione agricola generale, con il coinvolgimento delle attuali attività che garantisca la continuità aziendale.

Da questa sintesi si comprende bene che non vi sarà alcuno stravolgimento della situazione attuale dei luoghi, non vi sarà desertificazione, colate di cemento, manti di asfalto e quanto altro possa deturpare e snaturare il territorio,come paventato da qualcuno privo di alcuna conoscenza dell’intero intervento a farsi. Ci sarà invece una importante opportunità occupazionale, con l’impiego di 47 unità stabili per la gestione della struttura, tra addetti alle strutture alberghiere, campo da golf ed agricoltura, oltre ad ulteriori 100 unità per l’indotto che si creerà.

Il luogo su cui sorgerà l’iniziativa, è posto in posizione strategica rispetto alle varie opportunità di collegamento esistenti, quali gli aereoporti di Grottaglie, Brindisi e Bari, le diverse autostrade di collegamento e la linea ferroviaria Sud/Est che lambisce la proprietà, permettendo un percorso turistico culturale affascinante che consentirà di conoscere il nostro territorio dalla Valle D’Itria al Salento, in un itinerario da sogno.

Da non sottovalutare, la misura Regionale PIA che ha dato l’assenso al finanziamento agevolato, per promuovere la destagionalizzazione del turismo in Puglia, adottando una misura ad hoc oltre al sostegno formalizzato da parte del CONI a finanziare la parte restante del progetto. 

L’intero territorio ha pertanto una #UNAGRANDEOPPORTUNITA’ da non perdere. 

Dalla Conferenza Stampa è emerso che la redazione del progetto è stata curata da un numeroso Staff Tecnico composto dai qualificati ed esperti Professionisti di seguito elencati, che hanno avuto uno speciale e prioritario riguardo per gli aspetti ambientalie naturalistici, nel pieno rispettodi tutte le norme vigenti al riguardo, tutti uniti per fare insieme #HOLEINONE. 



V&A - STUDIO VITONE & ASSOCIATI 
Consulenza per gli aspetti generali e di coordinamento, e per le opere strutturali; 
DOTT. FRANCESCO MENNA – DOTT. STEFANO NANNAVECCHIA 
Aspetti Commerciali e Finanziari agevolati 
ARCH. VINCENZO MEZZACANE, ARCH. DAVID MEZZACANE 
Progettazione specialistica campo da golf 
ING. FRANCESCO NOTARO, ARCH. ANNA CATERINA CAVALLO 
GEOM. ANTONELLA SANTORO, GEOM. VITTORIO CHIRICO 
Progetto generale; 
Progettazione Specialista Architettonica; 
ING. ANGELO MICOLUCCI 
Progettazione Specialistica Analisi e valutazione ambientale 
ING. SALVATORE VERNOLE 
Studio idrologico 
ING. VITANTONIO MASTRO 
Progettazione Specialistica Trattamento delle acque; 
ING. ANGELO RAFFAELE VITO RIZZO 
Progettazione specialistica Solare Termico e Fotovoltaico; 
DOTT. ANTONIO FUSCO 
Relazione specialistica geotecnica e idrogeologica; 
GEOM. RAFFAELE PATISSO 
Topografo 
DOTT. CLEMENTE MAGLIOLA 
Relazione illustrativa estirpazione e trapianto di olivi 
DOTT. ALESSANDRO DE LUCA 
Agronomo - Direttore Scuola Nazionale dei tappeti erbosi della Federazione Italiana Golf.









___________________________________________________


Mentre a Roma la diatriba politica e amministrativa in atto è quella sulle Olimpiadi 2024 da tenere o meno a Roma, a pochi chilometri da noi la querelle è sulla realizzazione del campo da golf a 18 buche – con annessi club house e insediamenti edilizi – che dovrebbe sorgere tra uliveti e vigneti nelle campagne tra Francavilla Fontana e Ceglie Messapica. 

Il progetto prevede il recupero di una masseria “Carlo di Noi Superiore” ubicata nell'agro di Francavilla Fontana, la riqualificazione di tutto il territorio circostante e la creazione di Campi in erba che occuperanno la superficie complessiva di circa 14 ettari a fronte dei complessivi 112 ettari disponibili: i restanti ettari saranno riqualificati all'attività agricola.



Questo progetto privato, cofinanziato con 9 milioni di euro dalla Regione Puglia, dovrebbe essere realizzato dal consorzio Costa dei cavalieri, con a capo il geometra cegliese Rocco Cavallo. Ieri ne ha discusso il Consiglio comunale di Francavilla, un consiglio comunale aperto alle associazioni, ma i capigruppo, ai sensi del regolamento consiliare, hanno detto no all'intervento dell'imprenditore cegliese in aula per spiegare nei dettagli e promuovere il progetto.




A quel punto Cavallo ha fatto da solo: ha affittato la Sala grande del Castello degli Imperiali e ha tenuto una conferenza stampa con progettisti e tecnici. Alcune dichiarazioni le riporta stamattina il "Quotidiano":

"Nessuna vendetta, solo la voglia di fare qualcosa di buono per il territorio e per spiegare i perchè e i percome di un progetto che non lede l'ambiente, anzi. Un campo da golf non è assolutamente invasivo e, anzi, servirà a rimettere in ordine 14 ettari di terreno. Il campo da golf permetterà di giocare tra gli ulivi, tra la natura, persino tra i campi di melanzana". 

Già le melanzane. sarà vero? Il dubbio viene girato anche al progettista Davide Mezzacane, esperto mondiale nella progettazione e presidente dell'Associazione Italiana degli Architetti campi da golf. "Melanzane ma non solo - spiega l'architetto - perchè il campo da golf, che spesso viene visto con occhi scettici perchè legati a una visione, in termini puramente tecnici, che riguarda il passato. La progettazione golfisitica ha una qualoità straordinaria, che è quella di inserirsi nell'ambiente. L'importante è fare un buon campo da golf e questo, lo posso assicurare, non è buono, E' ottimo"

Chiacchierando con gli esperti seduti al tavolo dei lavori, spunta fuori perdino la battuta su Briatore: "Flavio Briatore parlava della necesità che la Puglia - spiega l'ing. Vitantonio Milone, docente di Scienza delle costruzioni alla facoltà di ingegnieria del Politecnico di Bari - si doti di strutture capaci di attirare il turismo d'elite. Io sono pienamente d'0accordo con questo, perchè permetterebbe ad una regione piena di bellezze anche naturali di creare posti di lavoro e quindi un futuro ai nostri figli. Attirare un certo tipo di turismo vuol dire anche innalza re l'asticella del rispetto dell'ambiente".




Ma c'è anche ...





INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DELLA CGIL: FRANCESCO SOLAZZO

A parere del coordinamento della CGIL di Francavilla Fontana, il progetto riguardante la costruzione del “campo da golf”, dietro l'immagine dei grandi prati verdi, di uno sport a contatto con la natura, nasconde la strategia della cementificazione e del consumo del territorio.
E' risaputo, ormai, che la non redditività immediata del campo da golf, rende necessaria la costruzione di villette, appartamenti e con i soldi della vendita di questi ultimi, si ammortizzano i costi della gestione del percorso golfistico.

C'è, inoltre, il rischio che l'insediamento di questa mega struttura possa trasformare la “MACCHIA MEDITERRANEA” in un cantiere a cielo aperto, a scapito delle ricchezze naturali, culturali e paesaggistiche. Non pochi Comuni, in verità, continuano a favorire l'insediamento di campi da golf, nonostante la contrarietà della Commissione Europea e degli Agricoltori. Corrono voci, intanto, che attraverso la modifica del PUG, potrebbero essere consentiti all'imprenditore Cavallo, volumi che ai cittadini ed alle imprese locali non sono consentiti. 

Indubbiamente l'uso improprio di questo terreno, ove dovesse insediarsi il campo da golf, è proprio un'idea vuota di progresso. L'idea, poi, che un Turismo basato sulla devastazione paesaggistica e sul “cemento” corre il rischio di depauperare ancor di più il territorio, senza nessuna ricaduta occupazionale e di vanificare il ricambio generazionale in agricoltura.

Il futuro del lavoro, infatti, non può essere legato allo sviluppo delle attività golfistiche, ma, inevitabilmente, a moderne opportunità di sviluppo, come quelle legate alla “GREEN-ECONOMY”. Uno strumento per realizzare uno sviluppo sociale, economico ed ambientale-sostenibile. Da alcuni anni c'è stato un avvicinamento dei giovani diplomati e laureati alle strategie della green-economy. Dai primi dati relativi all'estate 2016 (pubblicati su “Sole 24 Ore”), si riscontrano incrementi dell'8%, di presenze, tra gli italiani come tra gli stranieri, nella nostra Regione; siamo in presenza di una moltitudine di turisti che sono attratti dalle nostre bellezze naturali e paesaggistiche. 

Alcuni giovani laureati, stanchi dell'eterno precariato nella scuola, si sono avvicinati all'economia verde, adottando una nuova formula di marketing, che prevede: la raccolta delle olive, affiancata all'imbottigliamento del vino e dell'olio, alla ricettività ed alla degustazione dei cibi. Un trend di crescita costante e di lungo periodo. Questa tendenza è dovuta non solo alla location, ma anche all'attività che puoi svolgervi, come: l'equitazione, il tiro con l'arco, le escursioni, i campeggi, la visita ai percorsi archeologici e naturalistici. 

L'arricchimento tematico dell'offerta, si sta rivelando una strategia vincente; nascono le fattorie didattiche ed un'interesse crescente per la campagna ed i suoi prodotti. Tutto ciò il gioco del golf non lo potrà mai offrire alla comunità.

La CGIL, pertanto, auspica che la MACCHIA MEDITERRANEA sia affidata in gestione alle nuove imprese giovanili, mentre la Regione incrementi ulteriormente gli incentivi da destinare al ricambio generazionale in agricoltura.


Francavilla Fontana, lì 22/09/2016.                                                  

Francesco Solazzo




Tribuna Libera

Dylan Dog e i Bolero


E' stato uno dei personaggi di fantasia che più ho amato durante la mia adolescenza (e anche dopo). Ancora conservo gelosamente il primo numero dal titolo "L'alba dei mortivi viventi", acquistato quando avevo 11 anni. Parlo di Dylan Dog, il personaggio dei fumetti creato da Tiziano Sclavi. Per questo ricevo e pubblico con grandissimo piacere questo comunicato del gruppo musicale "Bolero".





Trent’anni di Dylan Dog: si festeggia lunedì un compleanno a suon di #rock con la musica dei Bolero.
Disponibile online il singolo dedicato all’indagatore dell’incubo.  


Ceglie Messapica, 23 settembre 2016. Era il 26 settembre del 1986 quando in edicola usciva il primo numero di “Dylan dog”, dal titolo “L’alba dei morti viventi” creato dalla penna di Tiziano Sclavi. «[…] Sono il guardiano di un magazzino buio e strano/ giro nella nebbia/ mi sento un lupo nella gabbia […]/ mi ritrovo con più/ di cento di quei demoni […]/ Dylan Dog poi alla vita/ reale trovarti non so ma/ dove sei, dove sei […]/» sono alcuni dei versi del brano “Dylan dog” dei Bolero. La canzone è disponibile seguendo il link https://www.youtube.com/watch?v=TYrAlW50W8Y ed è liberamente ispirata al personaggio ideato da Tiziano Sclavi che vive al numero 7 di Craven Road, in una Londra gotica e decadente.








Nella traccia della band salentina, uscita il 26 settembre del 2006, in occasione del ventesimo compleanno del noto detective e ripubblicata nell’album “Dylan Dog e altre storie” nel 2012, l’indagatore dell’occulto rappresenta una metafora: gli zombie contro cui lottare tutti i giorni sono i nostri pregiudizi contro il diverso e lo straniero. Omicidi, xenofobia, aggressioni, criminalità, razzismo: le pagine di cronaca nera dei giorni nostri raccontano come le pagine del noto fumetto distribuito dalla Sergio Bonelli editore che «Il sonno della ragione genera mostri», per dirla con Goya. Il brano riprende la citazione di Dylan Dog, che dichiara nello speciale intitolato “La bomba” numero 27: «Le persone non le riconosco più. Mi sembrano tutti... mostri!».

Dylan Dog e la musica.
Nei trent’anni di vita del fumetto numerose sono state le dediche musicali fatte all’indagatore dell’incubo, ricordiamo quelle più famose. Gli 883 pubblicano nel 1995 “La donna, il sogno e il grande incubo” con la copertina che ritrae Max Pezzali vestito da Dylan Dog che corre verso una casa spettrale; Claudio Baglioni cita Dylan nel brano “Nudo di donna” e gli dedica il fumetto-canzone “Le vie dei colori”;  nel 1992 esce la raccolta “Dylan Dog – Rock&Horror”, che contiene anche il brano “Il trillo del diavolo” eseguito dal maestro Salvatore Accardo. Il brano dal titolo meno noto “La Sonata per violino in sol minore”, famoso per essere tecnicamente molto impegnativo, è una sonata per violino e basso continuo scritta dal compositore Giuseppe Tartini (1692 - 1770) e viene eseguita spesso da Dylan Dog con il clarinetto.

Bolero e i fumetti.
Il mondo dei fumetti rappresenta una fonte di ispirazione inesauribile per la band pugliese, che nel 2012 pubblica “Diabolik”. L’album, dedicato al re del terrore creato dalla penna delle sorelle Giussani, contiene i brani “Diabolik”, “Eva Kant”, lo strumentale “Last train to Clerville” e “Altea”, ispirato alla compagna dell’ispettore Ginko.





Credits

Alphard record è l'etichetta discografica fondata nel 1987, che investe in musica di ricerca seguendo tre linee editoriali rock, classica e musica per banda. L'etichetta ha prodotto sino a oggi circa novanta progetti musicali, tra cui quelli dei Bolero.

Bolero è la rock band, originaria di Ceglie Messapica, composta da Antonio Bruno (voce e chitarra), Rocco Palazzo (tastiere), Maurilio Mimmi (basso) e Paolo Colazzo (batteria). L’esordio discografico avviene nel 1987 con il primo 45 giri “Occhi di Lupo”; nel 2012 il gruppo dedica a Marco Simoncelli il brano "E poi ti accorgi del vento", inserito nella raccolta  “Dylan Dog e altre storie”, che assembla il meglio della discografia dei Bolero. 

Tra dischi in vinile, singoli, album e raccolte si contano una quindicina lavori discografici. Tra i progetti più importanti ricordiamo “Argento puro”, pubblicato in occasione dell'anniversario della scomparsa di Vittorio Gassman, ricordato nel brano “L´amor segreto”, ispirato alla vicenda di Paolo e Francesca, gli amanti dannati da Dante nel canto V dell’Inferno. L'album ospita il batterista americano Mike Terrana e il soprano Graziana Palazzo. Nel novembre 2012 é stato presentato l’album “Diabolik”, a cinquant’ anni dall´uscita nelle edicole italiane del fumetto ideato dalle sorelle Giussani. Per circa tre anni il gruppo ha lavorato al progetto discografico “Juliet – Rock opera”, la prima opera di rock sinfonico che racconta la famosa storia dei due amanti di Verona dal solo punto di vista di Giulietta. In cantiere anche un album con Kee Marcello (ex Europe) dal titolo “Hurricane”.


Alphard record Produzioni e distribuzioni discografiche 0831.385532 / Cell. 339.1256260 sito: www.alphardrecord.com; mail: info@alphardrecord.com; roccopalazzo61@gmail.com.





Tribuna Libera

Presentazione progetti Vitacom




Ricevo dal Comune e pubblico:

Il prossimo 27 settembre alle ore 18.30, presso il Castello Ducale di Ceglie Messapica, saranno presentati i sei progetti nati in città dal confronto ai Tavoli per la Sussidiarietà Circolare - Modello VITACOM.







Tribuna Libera

I treni della Sud-Est






In questi giorni sul blog abbiamo avuto modo più volte di parlare dell'odissea di tanti pendolari cegliesi che devono spostarsi, tra mille difficoltà e ritardi, con i treni. 

L'UniTre di Ceglie Messapica ha organizzato per mercoledì prossimo la presentazione di un libro scritto dai giornalisti Giovanni Longo e Massimiliano Scagliarini: "Niente treni la Domenica - Le ferrovia Sud-Est e la storia del grande saccheggio".  Si parlerà di sprechi e tante criticità.










Tribuna Libera