F F Tribuna Libera: Caduti al buio

venerdì 4 novembre 2016

Caduti al buio


Questa mattina a Ceglie, come in tutta Italia, si è tenuta la commemorazione del IV Novembre, Festa delle Forze Armate e dell'Unità nazionale. Presso la Chiesa Madre è stata celebrata una Santa Messa in suffragio dei Caduti in guerra. Al termine della celebrazione un corteo ha raggiunto il Monumento ai Caduti dove l'Amministrazione ha deposto una corona di fiori in memoria di tutti i Caduti in guerra.

A proposito del Monumento, ecco alcune immagine inviateci da Domenico Demitri. Le foto sono state scattate ieri sera (ma la situazione va avanti da un po').





Senza luce.




Pochi mesi fa Michele Ciracì aveva lanciato un forte appello
al rispetto da parte di tutta la cittadinanza. di quel luogo così importante per la memoria.






Del monumento ne parla anche Domenico Biondi.

CLICCA QUI






Caduti al buio

8 commenti:

  1. Anonimo11/04/2016

    Ma pensate che la cerimonia di oggi sia stata veramente sentita dal Sindaco e dai suoi accompagnatori? L'hanno fatto perche' si doveva fare, altrimenti non lascerebbero sempre nel buio quel monumento che ricorda i nostri caduti. Ma quanto costa una lampadina?

    RispondiElimina
  2. Anonimo11/04/2016

    Tanto lo scopo suo la raggiunto del nostro paese non se ne importa niente ma non lo vedete

    RispondiElimina
  3. Anonimo11/04/2016

    Scusate ma il consiglio comunale c'è stato?
    L'opposizione (!!!) Ha studiato la variazione di bilancio?
    La nuova opposizione ha capito qualcosa della mozione che loro stessi hanno presentato?
    SOLO CHIACCHIERE E PETTEGOLEZZI
    SIETE TUTTI UN DISASTRO
    VERGOGNATEVI

    RispondiElimina
  4. Anonimo11/04/2016

    Chi non ha rispetto per i caduti non merita rispetto. Il Sindaco dovrebbe vergognarsi. Ma ha il senso della vergogna? A lui interessa solo farsi vedere con la fascia tricolore anche se ogni tanto la fascia la delega alla mole antonelliana. Ma anche lui, ha una qualche lampadina?

    RispondiElimina
  5. Anonimo11/04/2016

    Un degrado costante e sempre più invasivo.

    RispondiElimina
  6. Rispetto dei luoghi sacri: giustissimo. Michele ciracì segnalava che non sta bene giocare a carte sui muretti del monumento ai caduti: giustissimo. Ma anche i nostri anziani viventi hanno diritto ai loro spazi. perchè non attrezzare spazi idonei ai lloro bisogni? Basta poco: qualche tavolo e qualche panchina. Per esempio si può utilizzare lo spazio di via Petracca, di fronte al negozio di latticini. Spazio alberato e non attrezzato. ma se ne possono individuare tantissimi. Basta volerlo.
    D. L.

    RispondiElimina
  7. Anonimo11/05/2016

    Non c'è un centro sociale ,o un luogo appositamente destinato a questo scopo?Gli spazi aperti per questa "necessità" non sono sempre consoni .E a dire il vero non integrativi di "spazi umani".

    RispondiElimina
  8. Anonimo11/05/2016

    Se si lascia in abbandono un monumento che dovrebbe essere considerato un luogo sacro,la responsabilità è prima di tutto di chi ne permette il degrado.Poi, a pari demerito,di chi acconsente che il luogo venga degradato.In ultimo,ma non nel senso della responsabilità,di chi lo mette in opera.





    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti