F F Tribuna Libera: Dopo la vicenda di venerdì in piazza Sant'Antonio

domenica 11 dicembre 2016

Dopo la vicenda di venerdì in piazza Sant'Antonio




Torniamo a parlare degli strascichi della polemica sull'organizzazione della manifestazione natalizia organizzata venerdì scorso da alcune scuole cegliesi in piazza Sant'Antonio (Link)

Sul Quotidiano di questa mattina un articolo di Maria Gioia.



CALCA AL RECITAL DEI BIMBI

Piazza stracolma, vie di fuga assenti, spintoni: 
è polemica


Secondo le previsioni la manifestazione "Un sorriso per tutti", organizzata venerdì sera in piazza Sant'Antonio dal primo Istituto comprensivo di Ceglie Messapica con il patrocinio del Comune, avrebbe dovuto donare un sorriso al pubblico, ai cegliesi, tra cui soprattutto mamme e papà pronti ad ascoltare le voci bianche degli alunni di cinque anni della scuola dell'infanzia e i più grandi della primaria. Ma non è andata così, perchè la disorganizzazione e la scelta di una location troppo piccola rispetto al numero di persone che vi si sono riversate ha compromesso l'evento e soprattutto la sicurezza e l'incolumità di tutti. 

Cosa è accaduto? Partiamo dal principio. Il raduno degli alunni della scuola era previsto per le 18.45 in via Casale, che confluisce in piazza. Già a quell'ora l'accesso alla viuzza era bloccato dalla calca che è venuta a creare per l'andirivieni dei genitori che lasciavano i piccoli alle maestre e cercavano di raggiungere il centro della piazza, dove era prevista l'esibizione. Alle 19.15 la piazza era stracolma di gente e le maestre con i bambini della scuola dell'infanzia hanno dovuto crearsi un varco per cercare di raggiungere la loro postazione. Un'impresa che si è portata a compimento solo quando il pubblico ha capito che doveva fare spazio ai più piccoli.

Lo stesso è accaduto con l'ingresso dei bambini della primaria. Altra criticità si è registrata al termine delle varie esibizioni, perchè nella confusione generale non era più possibile seguire le indicazioni degli organizzatori. Il risultato? In pochi hanno assistito ai canti, tra gomitate e spintoni che provenivano da ogni dove. E c'è pure chi ha rinunciato ad assistere allo spettacolo. Alla luce di quanto accaduto, tutti i presenti hanno lamentato la disorganizzazione, ma anche l'esigua presenza di vigili urbani e carabinieri, rispetto al pubblico presente.

E le critiche sono sfociate presto in polemica. Il segretario cittadino di "Noi Centro", Domenico Convertino, ha commentato a caldo: "Organizzazione vergognosa in Piazza Sant'Antonio. Scuola e famiglie abbandonate a loro stessi. Bambini schiacciati e che si sono persi, palco inesistente, sicurezza assente, impossibile vedere lo spettacolo. Tutto ciò solo per scelte scellerate. E che nessuno venga a dirmi : e tu cosa avresti fatto?, perché la risposta è semplice, in passato abbiamo organizzato e gestito concerti con migliaia di persone. P.S. Il palco in piazza Plebiscito non si poteva usare?".





Da parte sua il sindaco Luigi Caroli si è difeso: "Abbiamo assecondato tutte le richieste della scuola. Se mi avessero chiesto piazza Plebiscito o altro ancora, lo avrei concesso. Cosa c'entra l'Amministrazione comunale? Noi non possiamo intervenire sulle scelte della scuola. Convertino non può fare politica e strumentalizzare i bambini. Probabilmente io avrei organizzato diversamente l'evento. Ma va detto che la calca si è creata perchè c'erano genitori che volevano fare per forza il book fotografico ai figli. Se tutti avessimo fatto un passo indietro di circa due metri, avremmo avuto modo di goderci i nostri figli". 





Mentre la preside del Primo Comprensivo, Concetta Patianna, ha parlato di "strumentalizzazione del lavoro svolto con passione e impegno da bambini, docenti e mamme".







L'articolo di Adele Galetta per la Gazzetta del Mezzogiorno.







Dopo la vicenda di venerdì in piazza Sant'Antonio

16 commenti:

  1. Anonimo12/11/2016

    Tante colpe, tante responsabilità... nn so chi ha organizzato e chi ne è responsabile... La scuola si solleva dalle responsabilità per quell'attività extrascolastica e i genitori hanno firmato...
    La scuola doveva a mio avviso, scagionare gli interventi, portarsi collaboratori scolastici... avere una previsione dell'afflusso di parentame vario...
    La scuola queste cose le fa da sempre...

    RispondiElimina
  2. Anonimo12/11/2016

    Non è assolutamente mia intenzione difendere la posizione del Sindaco, ma...
    É doveroso rammentare la mancanza di senso civico di una popolazione stravolta dall'autocompiacimento che si manifesta specialmente nella forsennata gara all'immagine, il book fotografico appunto.
    A tutti i costi bisigna raggiungere le prime file per riprendere il pupo che immediatamente dopo va a finire su facebook.
    La questione sarebbe meritoria di migliore approfondimento ma, a lume di naso, il dilemma non è, seppure lo sia mai stato, essere o avere bensì mostrarsi su un qualsiasi, maledetto social, sostituto attuale di molte anime e coscienze.
    In definitiva pare che se non sei presente nell'etere digitale non conti niente, ergo il diluvio esibizionista dei mentalmente deboli che immortalano loro stessi e la loro progenie nei luoghi e nei momenti più improbabili, giusto per assicurarsi di essere vivi, in qualche modo.
    Resta tuttavia la carenza organizzativa, senza scusante dacché é compito del Sindaco sopperire alle intemperanze della plebe, é sempre stato così.
    Ora , sursum corda, diamo inizio ad una bella polemica circa la democrazia, i diritti del popolo e magari anche appelliamoci all'UNICEF per gli orridi maltrattamenti subiti dai bimbi che ne porteranno il segno per sempre.
    Amen

    RispondiElimina
  3. Anonimo12/11/2016

    Per me è tutta colpa del gatto e della volpe...

    RispondiElimina
  4. Anonimo12/11/2016

    L'insistente utilizzo di p.zza s.antonio per elogiare l'opera è farla conoscere a tutti fa passare in secondo piano tutto il resto compreso l'ordine pubblico e la sicurezza. E' da natale scorso che si cerca di concentrare tutti gli eventi in p.zza s. Antonio, abbiamo già visto abbastanza: pavimentazione che si frantuma completamente lercia anche se non passano auto, illuminazione insufficiente, gradini pericolosi, solito mortorio di giorno e di notte
    ... direi che può bastare...

    RispondiElimina
  5. Anonimo12/11/2016

    Perché quando si organizzavano ( e organizzava sempre la stessa società esterna) i mega concerti l'amministrazione era sempre presente e preoccupata?

    RispondiElimina
  6. Anonimo12/11/2016

    Hanno ragione il sindaco e gli assessori laveneziana e leporale quando dicono che l'amministrazione comunale non ha colpa

    RispondiElimina
  7. Anonimo12/11/2016

    La buona scuola che chiede i permessi, tralasciando i particolari relativi alla fattibilità e dimenticando di prospettare l'affluenza di un maggior pubblico esterno ad essa, l' amministrazione che acconsente e sorvola sulla sicurezza, in conclusione la piazza come luogo di volontà e rappresentazione di una scuola che dire buona ormai è diventato obsoleto prima che fosse tale e di un amministrazione che dire previdente è come guardare un palcoscenico Vuoto....
    Auguri a tutti ; )

    RispondiElimina
  8. Anonimo12/11/2016

    Ancora dovete capire che in questo paese i cittadini non contano niente e vengono trattati mali da questa politica. Mi raccomando la prossima volta votate chi dei vostri problemi se ne frega altamente. Servono persone pulite e capaci di difendere i diritti del popolo e non fate come Ponzio pilato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo12/11/2016

      Eccolo!
      I Diritti del Popolo.
      Il Popolo ha solo Diritti.
      I doveri sono sempre di qualche altro.
      Il Popolo ha solo problemi di cui tutti se ne fregano, tralasciando la circostanza che i Tutti che se ne fregano sono in effetti Il Popolo.
      Maledetta plebaglia, meritate la miseria in cui sguazzate; meritereste certo un Ponzio Pilato che vi presentasse per quello che siete: Ecce Homo.

      Elimina
  9. Anonimo12/11/2016

    É vero l'amministrazione non ha colpa, la colpa é di chi li ha votati. Punto.

    RispondiElimina
  10. Anonimo12/11/2016

    Al di là delle idee politiche, come è possibile che ogni volta che succede qualcosa l'amministrazione scarica la colpa sugli altri? come si fa a dire che bastava fare un passo indietro? non c'era comunque lo spazio e non essendoci il palco non si vedeva niente e basta! Non si ha mai il coraggio di dire ho sbagliato!

    RispondiElimina
  11. Anonimo12/12/2016

    Convertino ringrazia la dea Fortuna se quando avete organizzato i concerti voi non è successo mai niente. La piazza era un imbuto pieno stracolmo di gente, se si fosse sentito male qualcuno sarebbe morto li.
    E poi basta con le critiche verso il Sindaco tanto tra qualche mese gli vai di nuovo dietro. Patetico!

    RispondiElimina
  12. Anonimo12/12/2016

    La buttate sempre sulla rivalita' politica. Mia figlia ha finito la scuola elementare da 2 anni e queste cose vi garantisco accadono anche nelle manifestazioni all'interno della scuola nei periodi delle recite di natale.i dirigenti scolastici che conoscono il problema (nonni ,genitori e parenti tutti) di tutti in prima fila, devono convocare sia forze dell'ordine , amministrazione e supporto medico, e insieme decidere il da farsi. Non dimenticate che ci sono bambini e anziani in maggioranza e che se qualcuno si sente male e' un problema serio con conseguenze per chi in maniera superficiale e ELEMENTARE ha organizzato la manifestazione modello scuola primaria. RIFLETTETE

    RispondiElimina
  13. Anonimo12/12/2016

    La verità è che quando c'era la passata amministrazione le richieste venivano valutate relativamnete alla fattibilità o meno dell'evento, forse perchè c'era del pepe? Sindaco medita, la squadra che vince non si cambia mai! Alla prossima candidatura.

    RispondiElimina
  14. Anonimo12/12/2016

    A ccuoppo cupo poco pepe cape.

    RispondiElimina
  15. Anonimo12/14/2016

    Un Sindaco che dice che la prossima volta devono stare più attenti alle richieste per la manifestazione di piazza s.antonio sulle responsabilità, non c'è niente da dire avete sbagliato.
    Convertino farebbe bene a stare zitto perché in questo caso dimostra di essere un falso predicatore insieme ai suoi amici.
    Per quanto riguarda l'Amministrazione devo dire che prima lasciano e meno danno fanno, Sindaco e assessore dimettetevi perché la politica non è per voi, perché è una squadra di panchinari.

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti