F F Tribuna Libera: Consiglieri comunali cegliesi senza gettone

sabato 28 febbraio 2015

Consiglieri comunali cegliesi senza gettone





Uno dei primi impegni assunti dal candidato sindaco del centrosinistra Pietro Mita in questa campagna elettorale è stato quello di rinunciare del tutto e da subito, in caso di elezione, all'indennità che spetterebbe al primo cittadino, oltre a chiedere a chi sarà chiamato ad essere componente della Giunta di tagliare anche una parte della rispettiva indennità.


Oggi però parliamo dei gettoni di presenza per i consiglieri comunali. Leggiamo infatti sul Quotidiano che, da oltre due anni (dal 2012), i consiglieri non ricevono il gettone di presenza per la partecipazione alle sedute di Consiglio comunale e commissione, come previsto dalla legge.  Non è certo una cifra altissima, per carità (intorno ai 20 euro) ma è un diritto che spetta ad ogni rappresentante dei cittadini che in alcuni casi deve rinunciare anche a una giornata di lavoro per adempiere il mandato di rappresentanza ricevuto dagli elettori.


Il motivo sarebbe la lentezza burocratica:  il Quotidiano cita la risposta di alcune fonti interne alla maggioranza che preferiscono restare anonime (mah .......) : "L'iter in questione non sarebbe stato rispettato in quanto molti dei segretari di commissione non avrebbero ancora elaborato e consegnato i dati delle presenze. In questo modo, il ritardo accumulato ha bloccato tutte le operazioni e i pagamenti". 

Dagli uffici sarebbe giunta la rassicurazione che le cifre saranno liquidate già nei prossimi giorni, però solo le cifre relative al 2013 dal momento che i dati del 2012 e 2014 non sarebbero ancora stati consegnati.


La questione è stata sollevata per primo dal consigliere comunale Tommaso Argentiero che aggiunge che comunque tutti i consiglieri sono pronti a rinunciare all'indennità di fronte a situazioni che lo richiedono: 
"La mancata liquidazione da parte dell'Amministrazione comunale, delle dovute spettanze di presenza trova come unica e degenere giustificazione il mancato rispetto del ruolo e atto punitivo verso i consiglieri comunali cui viene attributo il torto di adempiere con efficacia e determinazione al proprio ruolo. Il mancato pagamento dei gettoni di presenza, a differenza delle indennità di carica per sindaco e giunta che vengono regolarmente e puntualmente liquidate, è determinato dalle cause poco nobili di cui ho parlato in premessa. Mi sento a disagio nel segnalare questa situazione amministrativa ma se alla fine del mandato ravviso la necessità di evidenziare anche questa problematica è per la consapevolezza di essere in presenza di un degrado politico e amministrativo della città di Ceglie".



Consiglieri comunali cegliesi senza gettone

10 commenti:

  1. I consiglieri comunali di maggioranza preferiscono restare anonimi.........perchè mai ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I blog fanno cambiare le abitudini.

      Elimina
  2. Anonimo2/28/2015

    Vi sembra un argomento da utilizzare in periodo pre-campagna elettorale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo2/28/2015

      e certo che tu delle cose ne parli solo se serve alla campagna elettorale .............. complimenti

      Elimina
  3. Anonimo2/28/2015

    Però la DAF, LA GHIRONDA, EDILMARINELLI non fanno manco in tempo a poggiare la fattura che è già stata pagata!!!

    RispondiElimina
  4. Anonimo3/01/2015

    Perché ,da signori, non rinunciate al gettone?
    Magari quella somma a fine anno può essere usata per aiutare qualcuno che non può mangiare, donata alla caritas, usata per comprare articoli scolastici per i più bisognosi, usata per comprare cibo per animali abbandonati.. Tanto bene o male ogni consigliere ha un lavoro e non credo che 20 euro cambino la vita. Mi sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo3/02/2015

      Assolutamente.... condivido. ...
      ma se se ne parla. ... vuol dire cHe ne ga no bisogno
      al contrario di Pietro Mita.... questi non rinunciano

      Elimina
    2. Anonimo3/02/2015

      tommaso argentiero ha scritto chiaramente che tutti i consiglieri sono pronti a rinunciarci

      Elimina
  5. Anonimo3/01/2015

    E tu che ne sai... ?

    RispondiElimina
  6. Anonimo3/01/2015

    Ad ogni modo... quando uscira la liquidazione ci sarà da sorridere. .... commissioni che lavorano a richiesta. .. Consiglieri che pensano solo al gettone in più ....
    che schifo...

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti