F F Tribuna Libera: Regala un sorriso

domenica 15 novembre 2015

Regala un sorriso





COMUNICATO STAMPA

L’Associazione di promozione Sociale “Gioia” di Ceglie Messapica (Br), torna nel periodo pre natalizio, per il terzo anno consecutivo, con l'iniziativa “Ragala un sorriso”, per sostenere ed aiutare chi ne ha bisogno. “Regala un Sorriso” per l'edizione 2015, si fa in tre: accanto alla primaria finalità di raccogliere giocattoli nuovi ed usati ma in buone condizioni da devolvere ai bambini e ragazzi ( dai 6 mesi ai 20 anni) delle Famiglie in difficoltà, aiutate dai Servizi Sociali del Comune messapico, nonché alla “Cena di beneficenza” il cui ricavato servirà per l'acquisto di beni di prima necessità da devolvere a 18 nuclei familiari e 37 anziani della città che vivono in condizioni di estrema difficoltà, quest'anno, abbiamo voluto aggiungere la “Lotteria di beneficenza” che permetterà ai fortunati vincitori di ricevere tanti premi (da buoni benzina, a prodotti per il corpo e alimentari) il cui ricavato andrà ad aggiungersi a quello della cena, per ampliare l'acquisto di generi necessari anche per l'igiene della persona e della casa. Confidiamo nella sensibilità di tutti i cittadini, perché è possibile, con un piccolo gesto, rendere felice un bambino, e la sua Famiglia, meno fortunati e portare un po’ di gioia nei loro cuori.

A seguire il calendario delle iniziative

1.      RACCOLTA GIOCATTOLI NUOVI ED USATI
dal 19 novembre all' 11 dicembre
solo nei giorni di MERCOLEDI' e VENERDI'
presso il MOVIDA CAFE' – dalle ore 16 alle ore 18

2.     CENA DI BENEFICENZA (biglietti in prevendita)
venerdì 11 dicembre 2015
presso la MED COOKING SCHOOL (ex convento dei Domenicani) – ore 21

3.      LOTTERIA DI BENEFICENZA
dal 19 novembre al 19 dicembre
Estrazione premi domenica 20 dicembre ore 18 al Movida Cafè. Chi acquista il biglietto ha diritto al un caffè gratis da consumare, al Movida Cafè,  solo nella giornata del 20/12



“Regala un sorriso 2015” è organizzata in collaborazione con il Comune di Ceglie Messapica, Assessorato alle Politiche Sociali.
Si ringraziano:
Agrimenga, Anthea Calzature, Bio Corpo, Blooming Garden Center, Brillo Parlante, Cantina Michele Calò e Figli, Cantina Sampietrana, Carpe Diem gruppo musicale, Demarchi Fioreria, Distributore “Esso” di Ligorio Rocco, Forno San Lorenzo, Heritage Parrucchieri, Med Cooking School, Movida Cafè, Oleificio “Gallone Giuseppe”, Parafarmacia Mita, Sara Assicurazioni, Suma Negozi di Quartiere, Tabaccheria Amico, Terra di Miele Centro Estetico, Vitale Dolciaria.

Per informazioni su come e dove acquistare i biglietti della cena e della lotteria, contattare l'Associazione sulla pagina Facebook o scrivere all'indirizzo associazione.gioia.ceglie@gmail.com





Regala un sorriso

4 commenti:

  1. Anonimo11/16/2015

    Riconoscendo la vera solidarietà da quella falsa oggi certe iniziative corrono il rischio di ridursi a una forma non di bontà, ma di buonismo temporaneo,dettate magari dal consenso che l'iniziativa può emozionalmente ottenere in certe particolari ricorrenze,come ad es. il Natale.Vera bontà,meglio definita"giustizia sociale",sarebbe eliminare nella società tutte quelle cause che costringono a fare plateale ricorso a forme di ostentata bontà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personalmente farei fatica a condannare le iniziative di beneficenza delle ragazze di "Gioia", come invece fa l'utente anonimo precedente dal comodo della sua calda poltrona di fronte al pc.

      Elimina
  2. Anonimo11/16/2015

    Non era una condanna della e delle iniziative di beneficenza. Era un riconoscere,criticamente,che certe iniziative,pur lodevoli e necessarie,producono solo un beneficio temporaneo,una specie di placebo.Era quindi l'esternazione di una speranza,un augurio,per l'ottenimento di un benessere oggettivo,concreto,durevole da parte di tutta la umana società,dalla quale,auspicabilmente,devono scomparire tutte le fasce"socialmente emarginate" perchè le parti che le compongono non debbano più essere costrette a vivere di beneficenza,ma con quella dignità loro dovuta dal diritto.
    Non sono al comodo e nemmeno al caldo .

    RispondiElimina
  3. Anonimo11/16/2015

    Fino a che c'è qualcuno costretto a vivere nell'indigenza ,ci sarà sempre il suo padrone che vivrà nellìabbondanza stabocchevole e straripante

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti