F F Tribuna Libera: PUG, incompatibilità e astensioni

venerdì 15 luglio 2016

PUG, incompatibilità e astensioni




Ieri l'adozione del Pug da parte della maggioranza in Consiglio comunale. Le uniche dichiarazioni di incompatibilità pare siano pervenute dall'opposizione: le avevano fatte pervenire precedentemente per iscritto i consiglieri Rocco Marrazza, Nicola Trinchera, Pietro Mita e Gianluca Argentiero mentre nel corso della seduta non hanno partecipato al voto Francesco Locorotondo, Riccardo Manfredi e Pasquale Santoro. 
Nessuna dichiarazione di incompatibilità da parte di consiglieri di maggioranza.




Cosa prevede il testo Unico degli Enti locali:

Art. 78. Doveri e condizione giuridica

1. Il comportamento degli amministratori, nell'esercizio delle proprie funzioni, deve essere improntato all'imparzialità e al principio di buona amministrazione, nel pieno rispetto della distinzione tra le funzioni, competenze e responsabilità degli amministratori di cui all'articolo 77, comma 2 e quelle proprie dei dirigenti delle rispettive amministrazioni.

2. Gli amministratori di cui all'articolo 77, comma 2, devono astenersi dal prendere parte alla discussione ed alla votazione di delibere riguardanti interessi propri o di loro parenti o affini sino al quarto grado. L'obbligo di astensione non si applica ai provvedimenti normativi o di carattere generale, quali i piani urbanistici, se non nei casi in cui sussista una correlazione immediata e diretta fra il contenuto della deliberazione e specifici interessi dell'amministratore o di parenti o affini fino al quarto grado.



Botta e risposta




Sulla Gazzetta del Mezzogiorno botta e risposta tra il sindaco Luigi Caroli e la nuova opposizione. La dichiarazione del sindaco, riferendosi a due ex assessori: "D'incanto si sono resi incompatibili nonostante, quando erano in Giunta, hanno adottato tutti i passaggi del PUG". 

La replica del consigliere Riccardo Manfredi: "Caroli non conosce il significato dei termini 'recepimento' e 'adozione' ma avremo modo di spiegare tutto ai cittadini".


Prossimo passaggio, dopo l'adozione e il deposito del PUG presso la segreteria comunale, le osservazioni dei cittadini entro 60 giorni dal deposito.




... to be continued



PUG, incompatibilità e astensioni

12 commenti:

  1. Anonimo7/15/2016

    Siete solo dei disfattisi, ogni state zitti... fatevi un esame di coscienza,fate di tutto per rovinare l'immagine della nostra cara Ceglie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. #vatuttobene
      Sempre e comunque.

      Elimina
  2. Anonimo7/15/2016

    Caro commentatore perché non pensi ai 5 dipendenti licenziati. Va be tu sei un dipendente della politica.

    RispondiElimina
  3. Anonimo7/15/2016

    bravo Caroli avanti tutta

    RispondiElimina
  4. Anonimo7/15/2016

    Ma se ho bene inteso adesso siamo ancora un passo indietro rispetto la PUG dell'amministrazione Federico, giusto?
    Mi chiedo: ma ne è valsa la pena? 8 anni e tanti soldini spesi. Non si poteva approvare quello già pronto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo7/15/2016

      e perchè non lo approvò Federico?

      Elimina
  5. Anonimo7/15/2016

    Non era soddisfacente per i loro interessi

    RispondiElimina
  6. Anonimo7/15/2016

    come si fa a trasformare i soldini in ...soldoni???

    RispondiElimina
  7. Anonimo7/16/2016

    IL PUG È STATO ADOTTATO DAL C.C., NON PER I VOTI DI DEMOCRAZIA CEGLIESE,CHE SI SONO LIMITATI AD ALZARE LA MANO,MA È FRUTTO SACROSANTO DI UN LAVORO METICOLOSO SVOLTO DALLA PRECEDENTE AMMINISTRAZIONE.
    CAROLI HA IL DOVERE,FINO AD ORA NON ASSOLTO, DI RINGRAZIARE TUTTI I PRECEDENTI ASSESSORI E CONSIGLIERI PER I TANTI INCONTRI TENUTESI NELLE COMMISSIONI E INCONTRI DI MAGGIORANZA.
    I CEGLIESI DEVONO PRENDERNE ATTO PERCHÉ È UN LORO DIRITTO.
    ALTRO CHE " PASSARE ALLA STORIA" , ALLA STORIA DEI RIBALTONI.

    RispondiElimina
  8. ARTAS Leone di Messapia7/17/2016

    Troppo spesso su questo blog e anche su altri, si critica l'Amministrazione per la sua incapacità o sciatteria amministrativa ed invece oggi posso testimoniare che sia il Sindaco che i dirigenti sono persone capaci e competenti. Infatti, dimostrando una conoscenza delle leggi e dei regolamenti in materia di assunzioni di personale veramente sorprendente, hanno scovato una legge la 350/2003 che consente di assumere utilizzando graduatorie di concorsi espletati dal altri Comuni. E così in data 29 giugno u.s. la nostra Amministrazione ha provveduto a colmare il vuoto nel profilo professionale di avvocato, determinatosi con la prematura scomparsa dell'avvocatessa Vitale, attingendo ad una graduatoria per un concorso relativo al medesimo profilo, bandito ed espletato dall'Amministrazione Comunale di LATIANO! Nulla da eccepire tutto regolare, un plauso alla nostra Amministrazione Comunale...almeno per il momento!
    Ci sarà prima o poi un giudice a Berlino....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo7/17/2016

      e allora perchè hanno bandito gli altri concorsi a tempo determinato?

      Elimina
  9. Anonimo7/17/2016

    Forse perchè sarebbe illogico il non fare ricorso a una logica di profitto quando la convenienza ti guida a scovarla dovunque esso si fosse annidato o temporaneamente acquattato!

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti