F F Tribuna Libera: Allagamenti messapici

lunedì 3 ottobre 2016

Allagamenti messapici




La Gazzetta del Mezzogiorno di ieri (Domenica), con un articolo di Adele Galetta, ha affrontato il problema dei grandi disagi attraversati da alcune zone della nostra città dopo ogni nubifragio. A farsi portavoce delle lamentele dei cittadini ci sono due consiglieri dell'ex maggioranza (ora all'opposizione) Riccardo Manfredi e Gianluca Argentiero con l'ex assessore Daniele Gioia





Foto di repertorio


"La città diventa come Venezia dopo ogni nubifragio"

Quando piove è sempre la stessa storia: contrada Bussola, ovvero il prolungamento di Via Vespucci a Ceglie Messapica, si allaga, creando non pochi disagi agli abitanti della zona che, in molti casi, hanno dovuto fare i conti con scantinati e garage allagati e l'impossibilità a transitare. L'acqua, infatti, proviene dalle vie Nevio, Piazza Caduti in Guerra, Matteotti, Iapigia, Messapia e Vespucci, scende a valle nel prolungamento di via Vespucci, ristagnando anche ad altezze che arriviano ad un metro ...





Clicca sull'immagine per ingrandirla.




Allagamenti messapici

10 commenti:

  1. Anonimo10/03/2016

    Da che pulpito viene la predica, dal' ex assessore dei lavori pubblici . Avvocato Manfredi quando poteva fare qualcosa l'ha fatta? Ah sì l'ha fatta , chiudi una buca qua, chiudi una buca la, sistemi un marciapiede qua, uno la, un muretto qua uno la, risultato 300 voti, ed in quel posto si allagava anche prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo10/03/2016

      Caro anonimo ancora una volta dimostri la tua pochezza. Su segnalazione dei cittadini residenti in quella zona abbiamo voluto sollecitare l' amministrazione a continuare quanto iniziato dalla precedente. Buona serata. Avv. Manfredi

      Elimina
  2. Anonimo10/03/2016

    E' una questione di saracinesche.

    RispondiElimina
  3. Anonimo10/03/2016

    Una cattiva regimentazione delle acque sorgive,la mancanza di griglie e di canali di scolo delle acque piovane,l'eccessiva cementificazione di aree prima destinate a usi diversi,la variabilità stagionale della portata d'acqua delle sorgenti e l'anomalia delle precipitazioni che si registra negli ultimi tempi nelle nostre zone sono tutte concause che determinano questi tristi fenomeni e disagi.Il problema deve essere affrontato con competenza,senza escludere l'apporto tecnico anche di geologi che considerino le caratteristiche morfologiche del territorio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo10/06/2016

      Acque sorgiva?
      Questa mi mancava.

      Elimina
    2. Anonimo10/06/2016

      Una goccia col tempo erode anche una roccia.

      Elimina
  4. Anonimo10/05/2016

    Ho ragione io? Di Manfredi & company non gli frega niente nessuno perché non credibili. Come l'altra volta in 2 giorni 4 commenti di cui uno mio è uno suo , totale 4 . Questi i fatti. Ossequi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il post è stato letto (Link diretto) da 1.735 persone, più tutte quelle che lo hanno letto collegandosi direttamente all'homepage del blog.

      Elimina
  5. Anonimo10/05/2016

    I fatti sono che solo 3 persone hanno avuto la voglia di commentare. Anche io mi leggo l'ippica sul quotidiano che ho abitudine leggere ogni mattina. Siccome tu sei un blogger interessante, i tuoi inviti sono letti. Ma quando sono solo letti senza che ti viene la voglia di commentare, fidati, non gli frega niente a nessuno.

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti