F F Tribuna Libera: #QuestaE'violenza

martedì 22 novembre 2016

#QuestaE'violenza








"Per Sara, bruciata viva a Roma. Per Debora, accoltellata dall'ex fidanzato. Per la 13enne R., violentata dal branco a Melito Porto Salvo, mentre tutti giravano la testa dall’altra parte. Per le sessanta donne assassinate nel nostro Paese dall'inizio del 2016. Ma anche per Carla, aggredita con l’acido dall’ex fidanzato e per fortuna sopravvissuta. 

Per loro e per migliaia di donne, anche quest'anno, nella ricorrenza del 25 Novembre, Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne, l'Associazione Gioia, vuole narrare, attraverso le immagini, di quelle donne che, giornalmente, vengono spiate, vessate, umiliate, punite ed uccise, da parte di uomini, spesso mariti, compagni, fidanzati. Quei corpi appartengono a tutte noi.

















La panchina rossa

Inoltre, in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, l’Assessorato e la Commissione Pari Opportunità di Ceglie Messapica, invitano la cittadinanza, le scuole e le associazioni all’inaugurazione di una Panchina Rossa, che si terrà venerdì 25 novembre, alle ore 11.00 presso la Villa Cento Pini, aderendo ad una campagna di sensibilizzazione nazionale.




"A tal proposito, invitiamo tutti a portare il proprio contributo attraverso messaggi, riflessioni, poesie, cartelloni, slogan. La Panchina Rossa, un fiume in piena che attraversa e colora il nostro Paese, sia un simbolo forte che induca a riflettere, che ci imponga di ascoltare e di vedere in essa un doloroso scrigno che racchiude le storie e le sofferenze di tante, anzi, troppe donne".

Altre due panchine saranno ridipinte di rosso rispettivamente in via San Rocco (di fronte alla chiesa) e nella Villa Comunale.






#QuestaE'violenza

7 commenti:

  1. Anonimo11/22/2016

    I messaggi con relative foto scelti per pubblicizzare l'evento sono brutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo11/22/2016

      io invece li trovo efficaci

      Elimina
  2. Anonimo11/23/2016

    io li trovo originali
    e mi piace che delle ragazze ci mettano la " faccia "!
    non è da tutti esporsi così alle "critiche/apprezzamenti" di una città intera!
    conosciamo il disfattismo di certa gente
    avanti così

    RispondiElimina
  3. Anonimo11/23/2016

    E' proprio per questo che non dovevano essere "esposte"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma cerchiamo di essere seri, ve ne prego .....

      Elimina
    2. Anonimo11/23/2016

      d. rifl. Mettersi in mostra, apparire in pubblico, compromettersi: nella situazione in cui si trova, non gli conviene esporsi troppo. Determinato da un complemento, mettersi nella condizione di soffrire un danno: esporsi all’aria, alle correnti; esporsi alla curiosità, alle critiche, alle calunnie, agli insulti, alle chiacchiere, ai pettegolezzi della gente; esporsi a rischi, a pericoli (con questo sign., anche assol.: mi pare che egli si esponga troppo; esporsi per una somma molto alta, impiegare, con un certo rischio, una forte somma di denaro in un affare).

      Elimina
  4. Anonimo11/23/2016

    Viviamo in un mondo in cui la violenza e l'odio si diffondono alla luce del sole.

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti