F F Tribuna Libera: "Oggi queste ragazze mi hanno reso felice"

giovedì 5 gennaio 2017

"Oggi queste ragazze mi hanno reso felice"



Da circa due mesi, come sapete, presso Villa Aurora sono ospitati alcuni migranti rifugiati politici provenienti dalla Somalia. In tutte queste settimane un gruppo di ammirevoli volontari sta dando una mano alle suore in ogni modo, in modo gratuito e generoso, nell'assistenza a queste persone. In particolare Daniele e Roberta si sono impegnati nell'insegnamento della lingua italiana. Un'esperienza anche per loro certamente importante e coinvolgente dal punto di vista umano.

 A loro e a tutti i volontari, oltre che ai tanti cittadini che stanno manifestando generosità e vicinanza, va il nostro ringraziamento.







Ecco cosa scrive Daniele sulla sua pagina Facebook.









Una riflessione del cardinal Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura: «Giuseppe portò il bambino in Egitto con Maria per sottrarlo alla furia di Erode. È la stessa vicenda dei rifugiati che approdano alle nostre coste: non dimentichiamolo».







"Oggi queste ragazze mi hanno reso felice"

3 commenti:

  1. Anonimo1/05/2017

    abbiamo risolto tutti i problemi. quando inizierete a porvi questioni serie battete un colpo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo, io credo che aiutare chi ha bisogno sia un gesto lodevole e un fatto importante e serio. Mi rendo conto che avrai altre priorità, certamente più urgenti.
      Probabilmente, se un giorno ti trovassi nelle condizioni di questi persone, la penseresti diversamente.

      Elimina
  2. Anonimo1/05/2017

    parole ricche di verità quelle di Monsignor Ravasi che come quelle di Papa Francesco invitano all'accoglienza e all'amore verso il prossimo. Certo la situazione è innegabilmente difficile e non sempre si riesce a dare accoglienza con lo spirito giusto ma per fortuna il volontariato e la generosa disponibilità di singole persone sopperiscono li dove lo stato pecca

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti