F F Tribuna Libera: Tutelare il nostro olio/2

martedì 5 luglio 2016

Tutelare il nostro olio/2





Ieri abbiamo riportato l'intervento del parlamentare cegliese on. Nicola Ciracì in merito al respingimento, da parte della maggioranza alla Camera, di tutti gli emendamenti presentati alla Legge delega europea riguardo al comparto olivicolo, finalizzati a tutelare l’olio italiano nel triennio comunitario 2015-2018. Clicca qui per rileggere il post di ieri

E' un argomento importante soprattutto per la nostra economia locale, un problema che dovremmo affrontare tutti uniti, senza pensare alle ideologie e alle idee politiche (si riuscirà mai a fare a Ceglie?). E, proprio perchè è un argomento importante, è giusto che se ne parli e si sensibilizzi l'opinione pubblica in maniera seria e trasversale. La questione riguarda tutti noi.


Vi riporto di seguito il video con  l'intervento alla Camera.





Tutelare il nostro olio/2

11 commenti:

  1. Complimenti all'onorevole Ciracì (y)

    RispondiElimina
  2. Anonimo7/06/2016

    Quando si ha l'onere e l'onore di sedere in un'assemblea parlamentare, bisogna avere l'intelligenza di fare politica "oltre il recinto" del proprio schieramento, ma nell'interesse della Comunità, che comprende anche coloro che non ti hanno votato!!
    Nicola Ciraci ha abbracciato ormai la bandiera della tutela e salvaguardia delle produzioni agricole ed olivicole in particolare, proprio nel momento di massima crisi economica, produttiva ed ambientale causata dall'incalzare della fitopatia xylella nei territori salentini e ciò dimostra sensibilità ed abilità politica .
    Luigi Ricci

    RispondiElimina
  3. Anonimo7/06/2016

    Una lezione politica e di amore per il territorio a chi invece di fare politica e qualcosa di utile per il proprio paese insegue dati di ascolto e autoreferenze.

    RispondiElimina
  4. Anonimo7/06/2016

    Il nostro parlamentare sta volando alto basta vedere il suo sito ed in particolare sta facendo un grande lavoro per l'olio e la tutela dei nostri prodotti agricoli. È' al di sopra di tutti i politici paesani, teniamocelo stretto perché gli altri non arriveranno mai al suo livello.

    RispondiElimina
  5. Anonimo7/06/2016

    Esatto.Condivido in tutto quanto affermato nel precedente commento. Auspico la stessa intelligenza nel fare politica in tutti coloro che hanno l'onere e l'onore di farlo,applicando la necessaria lungimiranza, che è un obbligo morale in situazioni come questa che purtroppo gli eventi ci propinano.Per ciò che concerne la sensibilità,è necessario farla crescere e innalzarla almeno fino allo stesso stadio di elevazione della coscienza.

    RispondiElimina
  6. Bisogna riconoscere l'impegno messo in campo dall' On. Nicole Ciracì in merito alla tutela della produzione agricola. Non sfugge a nessuno l'importanza di questo settore nelle nostre zone e il grave momento di sofferenza dovuto in particolare al fenomeno della xylella, partito da un piccolo e individuato territorio ed oggi purtroppo molto esteso. Una informazione completa e obbligatoria è un diritto che come consumatori dobbiamo pretendere. Stessa determinazione dell'on. Ciraci dovremmo pretenderla da altri nostri rappresentanti. tommaso argentiero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo7/06/2016

      Moooo we Tumaaaa Abbast !!!!! Non ti candidano sindaco!!!!!

      Elimina
    2. Ecco un esempio di una mentalità piccola piccola di qualche nostro concittadino (sempre anonimo, troppa paura): tutto ruota di fronte alle candidature al consiglio comunale di Ceglie Messapica, provincia di Brindisi. Anche di fronte a problemi che riguardano tutta la comunità.
      Oltre alle prospettive più piccole proprio non riescono ad andare.
      Tristezza.

      Elimina
    3. Anonimo7/07/2016

      Concordo

      Elimina
  7. Anonimo7/06/2016

    Esatto!In politica tutti pensano di cambiare il mondo ,ma all'atto pratico ognuno resta ancorato al proprio modo di pensare.E non si rendono conto,i più ,che così facendo,pretendono di costruire un palazzo,ma senza solide fondamenta.
    (Cravunedda)

    RispondiElimina
  8. Anonimo7/06/2016

    Che la struttura fosse vacillante fin dall'inizio si evidenziava già da quel numero esorbitante ,dispendioso e raccapricciante di santini messi in campo,un record a livello mediatico come quello ottenuto per il mare a ceglie.

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti