F F Tribuna Libera: Accoglienza delle Reliquie di San Rocco a Ceglie Messapica

giovedì 4 agosto 2016

Accoglienza delle Reliquie di San Rocco a Ceglie Messapica





La Parrocchia di San Rocco a Ceglie Messapica, insieme all'Associazione Europea "Amici di San Rocco" e al suo Procuratore generale Fratel Costantino De Bellis, ha organizzato per i giorni della festa del Patrono l'arrivo nella città di Ceglie delle reliquie del Santo. Si tratta di una Reliquia insigne (un braccio del Santo) e di alcune reliquie minori.





L'arrivo è previsto per le ore 17.00 del 14 agosto presso la Casa di Riposo “San Giuseppe”, sita in Via San Vito, per consentire ai degenti della stessa di poterle venerare e pregare, visto che siamo nel Giubileo della Misericordia. 

Alle ore 21.00 dello stesso giorno, insieme ai numerosi pellegrini che giungeranno dai diversi centri in cui si venera San Rocco, una fiaccolata accompagnerà le Reliquie nella Chiesa a lui intitolata, per l'esposizione e la venerazione. La sera del 15 agosto alle ore 21.00 si svolgerà una veglia di preghiera e la sera del 16 in occasione della Festa di San Rocco le Reliquie saranno portate in Processione, accompagnate dal Vescovo della Diocesi di Oria, Mons. Vincenzo Pisanello. La mattina del 18 agosto le Reliquie saranno trasferite nella Chiesa di San Rocco all’Augusteo a Roma, dove sono custodite.

Per l’occasione di prevede una folta partecipazione dei tanti fedeli di San Rocco, al cui culto sono dedicate tante Chiese e Santuari del Sud Italia.



(foto di repertorio)





Parla Fratel Costantino De Bellis:


"La scelta presa nell'agosto del 1999 di iniziare la peregrinatio dell'Urna Reliquiario del sacro transito di San Rocco, che ho voluto fortemente come Procuratore delle reliquie e Guardiano dell'Arciconfraternita, ha fatto maturare in me il desiderio di dare vita alla nostra associazione Amici di San Rocco, per bontà di Dio che ha mirabilmente rifulso il suo amore attraverso il testimone della fede, San Rocco. Tantissime sono state le comunità italiane ed europee che hanno avuto il privilegio di ospitare e pregare dinanzi alla sacra reliquia ed incredibile è stato constatare l’entusiasmo con cui è stata sempre accolta.

Attraverso la sua peregrinatio, San Rocco continua ancora oggi ad essere il grande pellegrino di Dio. Come il Santo lasciò la sua casa e la sua patria per fare della sua vita un pellegrinaggio, così il peregrinare delle sue reliquie vuole continuare a parlarci di Gesù, di quanto è importante incontrarlo, nutrirci di Colui che è il tre volte santo.
Incontrare San Rocco, conoscerlo e venerarlo alla presenza dei suoi resti mortali deve essere un confidargli i nostri desideri, le nostre attese, le paure, le speranze con le quali spesso andiamo avanti attendendo albe di prosperità e lidi di vera gioia. A lui chiediamo come andare avanti, come superare le prove quotidiane che la vita ci pone; a lui, amico, maestro di vita e testimone di fede, chiediamo conforto; come San Rocco impariamo ad accettare le prove della vita, ad accettare il dono della sofferenza, della solitudine, della carità verso i fratelli più poveri; così che, come lui,sapremo attendere il realizzarsi dele promesse di Gesù: «Allora il re dirà ai giusti "Venite benedetti dal Padre mio, entrate nel Regno che è stato preparato per voi fin dalla creazione del mondo....."» (Mt.25).

Ogni città o paese si sente protetto da un Santo Patrono, ogni credente deve tendere ad identificarsi con il Santo imitandone le virtù umane e cristiane. San Rocco fa visita nelle comunità per far conoscere meglio il suo messaggio in modo da essere venerato sempre e non solo in occasione della festa liturgica.
Nell'Urna del "Transito del Santo" noi contempleremo il riposo dei Santi in Dio; nelle reliquie quel corpo che ha curato gli ammalati di peste, l'amore nel servizio concreto e gratuito al nostro prossimo. L'amore senza il tendere le braccia è solo sentimentalismo o parola vuota. Auguro ai devoti, ai pellegrini e alle comunità che venereranno le reliquie del pellegrino San Rocco, in quest'anno particolare della Misericordia, di vivere appieno questo momento di grazia e di sentire vicino il nostro caro San Rocco: un Santo che ha un singolare legame con il nostro popolo, che fa’ della fede uno stile di vita.
Con San Rocco il popolo loda e adora Dio e pellegrina lieto tra le vicende della storia con la fiducia e la carità dell'amabile Santo di Montpellier".

Fratel Costantino
Guardiano delle reliquie San Rocco



Accoglienza delle Reliquie di San Rocco a Ceglie Messapica

1 commento:

  1. Anonimo8/07/2016

    A proposito di reliquie...c'è anche chi non scrive nulla di nuovo per non sembrare invasivo...ma poi posta un bellissimo articolo già pubblicato.
    Basta così.

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti