F F Tribuna Libera: “Fatta la legge, trovato l’inganno”

lunedì 29 agosto 2016

“Fatta la legge, trovato l’inganno”



Titola così questa mattina un articolo del Quotidiano sulla nostra città


Di cosa si parla? Come sapete, da qualche tempo il Comune ha fatto installare telecamere e foto-trappole nei pressi di diversi siti per la raccolta di spazzatura nelle campagne. Sistemi che vengono elusi con facilità dai alcuni “depositanti”. 

Leggiamo:

Come? Basta parcheggiare l’auto ben distante dalla zona sorvegliata e raggiungere a piedi i bidoni della raccolta differenziata. In questo modo i “furbetti” non possono essere facilmente identificati attraverso il numero della targa del veicolo. Il trucco è stato notato e segnalato, in particolare, in contrada Circiello. C’è poi chi lascia rifiuti di ogni tipo, materassi e materiale di risulta e altro ancora, negli angoli di campagna più difficili da raggiungere o meno popolati, come in contrada Sant’Anna, e chi decide di gettare sacchetti pieni di qualunque cosa nei cestini gettacarte in pieno centro cittadino”.







Si passa poi, nell’articolo, a parlare anche della città:


In queste ore è stata sollevata la questione della quinta presa dell’umido, prevista dal capitolato d’appalto. L’ex consigliere comunale dell’Udc Antonio Piccoli ha lamentato il problema sui Facebook, chiedendo l’intervento della giunta comunale”:











“Fatta la legge, trovato l’inganno”

Commenti

Commenti