F F Tribuna Libera: Un comunicato dell'Amministrazione

venerdì 16 settembre 2016

Un comunicato dell'Amministrazione




Ho ricevuto un comunicato dell'Amministrazione su una manifestazione che si terrà lunedì in occasione dell'avvio dei lavori (non per la consegna alla città ma per l'avvio dei lavori) del campo sportivo. Questo comunicato annuncia che l'intervento di riqualificazione sarà dedicato ad Alessio, il ragazzo coinvolto nel brutto incidente di qualche giorno fa e verso il quale tutta la città sta in questi giorni manifestando solidarietà, affetto e preghiera. Anche l'amministrazione si augura che presto la vita di Alessio e della sua famiglia torni alla normalità. Tutti noi non possiamo che sottoscrivere questo e bene ha fatto l'Amministrazione, che rappresenta TUTTI i cegliesi (anche quelli che non l'hanno votata) ad avere questo pensiero di vicinanza.

Ma poi il comunicato continua. Forse quello che sto per scrivere non verrà apprezzato da qualcuno ma non mi interessa. Non ho per nulla apprezzato il seguito. Il comunicato si poteva interrompere anche qui ma invece si è trasformato nella solita solfa auto-elogiativa.: "Con la realizzazione di questa opera l’Amministrazione Comunale si conferma per la sua attenzione nei confronti delle nuove generazione e di tutti gli sportivi. Un altro impegno con la città è stato portato a temine. L’Amministrazione del ‘fare’ realizza i suoi obiettivi programmatici mettendo ancora una volta al primo posto gli interessi della città".


Siamo abituati a questi tipi di comunicati in cui si fanno i complimenti da soli ma era proprio necessario mescolare una vicenda così delicata (rispetto a cui, ribadisco, bene ha fatto l'amministrazione a esprimere vicinanza) al solito siparietto di propaganda? Non si poteva proprio rinviarla ad un comunicato successivo e autonomo? Ai corsi di giornalismo insegnano che ogni notizia (come anche ogni comunicato) ha un "focus", uno solo, il centro della notizia che chi scrive punta a far emergere. Qui sono due e credo sia veramente inopportuno metterli sullo stesso piano. La mia opinione personale è che avrebbero potuto evitare, anche per allontanare il pur vago sospetto di "opportunismo" che probabilmente qualcuno potrebbe sollevare. Se fosse capitato a un mio familiare o a un mio amico, non avrei per nulla gradito che la vicenda fosse accostata ad un comunicato sostanzialmente "politico". Penso questo e non ho problemi a dirlo e, forse, non sono il solo a pensarlo.

Mi fermo qui perchè non voglio fare polemiche su una vicenda così delicata che merita silenzio e preghiera. Ma certe cose andavano dette.



Un comunicato dell'Amministrazione

7 commenti:

  1. Mi trovo perfettamente in linea con il tuo pensiero.

    RispondiElimina
  2. Anonimo9/16/2016

    È la consapevolezza di non valere nulla che li spinge a questo comportamento....da qui il famoso proverbio "chi si vanta da solo vale un fagiolo". Fate di questo paese un posto vivibile: ordinato, pulito, efficiente e saremo noi cittadini i primi a elogiarvi. E con piacere anche. Fatti non parole.

    RispondiElimina
  3. Anonimo9/17/2016

    D'accordissimo

    RispondiElimina
  4. Anonimo9/17/2016

    Completamente giusto quello che scrivi.
    Ma i loro comunicati sono arcaici.

    RispondiElimina
  5. Anonimo9/17/2016

    Volete pensare alle generazioni future? Allora smettete di dissanguare le casse comunali

    RispondiElimina
  6. Anonimo9/17/2016

    Sono d'accordo con te Francesco su quanto scritto...diciamo che sarebbe abbastanza vergognoso in un' altro mondo....la cosa che non capisco e' perchè dedicare un "intervento di riqualificazione"!?..che senso ha??..fermo restando la vicinanza alla famiglia e la speranza che tutto si risolva nel verso giusto.
    Giovanni.

    RispondiElimina
  7. Anonimo9/17/2016

    La finta solidarietà nasce dall'opportunismo che è figlio della insensibilità che è partorita dal tornaconto che oggi si connota come tornacontismo,cioè una sorta di abitudine a trarre vantaggio da una situazione contingente. Sono contro la intitolazione o dedicazione di opere durante la vita delle persone ,ancora di più se le stesse soffrono una situazione di disagio o di dolore.Questo come semplice considerazione che vuole partire dal rispetto della dignità umana.Come regolamentazione normativa inerente le intitolazioni di opere pubbliche esiste la legge n.1188 del 13 giugno 1927.E' l'unica in vigore. Non ne è stato tenuto il debito "conto" ???

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti