F F Tribuna Libera: A Ceglie si sono dimenticati della Protezione Civile?

lunedì 7 novembre 2016

A Ceglie si sono dimenticati della Protezione Civile?








Così scriveva alcuni giorni fa Tommaso Argentiero:







L'associazione di Protezione Civile cittadina, come sapete, è una realtà importante; è questa a intervenire in casi di necessità pubblica. L'associazione locale di protezione civile Kailia, composta da tanti bravi volontari, è l'unica riconosciuta dalla Regione Puglia e titolata a poter adempiere a tale compito. 



Come cegliesi dobbiamo molto a quanto fatto gratuitamente e con sacrificio da questi ragazzi in questi anni: dalla gestione dell'emergenza legata alla nevicata dell'inverno di qualche anno fa, che aveva creato notevoli problemi soprattutto nelle campagne cegliesi, con diverse famiglie rimaste bloccate alle tante iniziative di sensibilizzazione tra gli alunni delle scuole cegliesi, in particolar modo in ambito ambientale. E tanto altro ancora. Sempre presenti in situazione di difficoltà.





       



Foto di repertorio Ceglie Messapica





Cosa è successo in questi mesi? Ricostruiamolo. 


Nel gennaio di quest'anno scorso, proprio Tommaso Argentiero (in qualità di presidente del Comitato per la Trasparenza) segnalava che la convenzione tra Comune e l'associazione era scaduta nel Luglio 2015, invitando a rinnovarla. CLICCA QUI


Nonostante le promesse dell'amministrazione, lette anche sulla stampa, di risolvere la questione, nulla accadde. Per poter l'associazione predisporre il suo intervento in caso di necessità, è necessaria una convenzione, in questo caso da rinnovare. Lo scorso aprile Antonio Conserva, presidente dell'associazione Kailia, rimasta senza risorse, scrisse alla città attraverso i mezzi di comunicazione per chiedere aiuto, una donazione per chi può per aiutarli a garantire le tante attività di volontariato, così importanti per la nostra città.









Diversi cittadini hanno contribuito ma non basta.


In questa situazione di incertezza e di incredibile silenzio, facciamo nostro l'appello di Tommaso Argentiero al Comune affinchè sia rinnovata questa convenzione, la cui mancanza in tutti questi mesi è qualcosa di decisamente incomprensibile e inaccettabile.


____________________



Intanto La Protezione Civile Kailia di Ceglie Messapica comunica di aver partecipato nei giorni scorsi a un' Esercitazione di soccorso di recupero infortunato in grotta tenuta a Marina Serra di Tricase. Oltre a Kailia, hanno partecipato SPELEOCEM di Ceglie Messapica, Protezione Civile di Tricase e MERIDIONALE SOCCORSO LECCE DEL 118. L'esercitazione è stata organizzata da GSS ESCURSIONISMO SPELEOLOGIA-TREKKING.





I volontari si stanno formando a proprie spese avendo competenze in ambiti diversi come quello sanitario, antincendio, speleologico, elettronico, informatico, elettrico,TLC, idraulico, ecc .











A Ceglie si sono dimenticati della Protezione Civile?

8 commenti:

  1. Anonimo11/07/2016

    L'assessore alla protezione civile Laveneziana che dice sull'argomento?

    RispondiElimina
  2. Anonimo11/07/2016

    Quanto ci manca l'assessore Gasparro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo11/07/2016

      Da quando il sindaco l'ha defenestrata è scomparsa la protezione civile. Ricordiamoci che nelle emergenze in prima linea con i ragazzi c'era sempre lei...

      Elimina
  3. Anonimo11/07/2016

    Prevenire è meglio che curare.

    RispondiElimina
  4. Anonimo11/08/2016

    Sono tutte persone incompetenti sia gli nuovi arrivati che i vecchi amministratori e anche tu che non scrivi i nostri pensieri

    RispondiElimina
  5. Anonimo11/08/2016

    Ma il sindaco si rende conto che se dovesse succedere qualcosa nel nostro territorio e non ha uomini con il quale affrontare l'emergenza il primo a risponderne d'avanti ad un tribunale è lui? Non ricorda per caso che la prima autorità di protezione civile è lui? Come giustificherebbe la cosa? Ah si forse lo so. Signor giudice quei ragazzi che compongono il gruppo di protezione civile di Ceglie Messapica non mi piacciono. Come direbbe Totò ma mi faccia il piacere. Sindaco svegliati dal esci dal mondo di Morfeo e guarda in faccia la realtà.Prima che possa succedere qualcosa di irreparabile sul nostro territorio. Comunque anche a me manca l'operato della ex assessore Marta Gasparro, almeno era competente e coerente

    RispondiElimina
  6. Anonimo11/08/2016

    ma soprattutto ci metteva un grande amore ed una grande passione. Durante l'alluvione di cui tu francesco hai messo le foto, durante la nevicata a girare c'era sempre lei, in paese, nelle campagne con un metro di neve mentre gli altri stavano a divertirsi.
    quelli di mò si vedono in giro solo agli eventi.

    RispondiElimina
  7. Anonimo11/11/2016

    Anche in politica sono cambiate le motivazioni di chi la fa. All'essere e all'esserci è subentrato, "prepotentemente ", l'apparire.

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti