F F Tribuna Libera: Il nuovo libro di Meri Nigro

mercoledì 2 novembre 2016

Il nuovo libro di Meri Nigro







E' disponibile da qualche giorno il nuovo libro della scrittrice cegliese Meri Nigro.

MERILOQUI IN [IL] LUDOTECA






"L'illudoteca è un posto immaginario dove intrattenere illusioni con giochi di pensieri. "Poesie" e "Meriloqui" si alternano in questo spazio: un piccolo viaggio".


E' possibile acquistare online il libro 









Meri Nigro nasce nel 1982 a Ceglie Messapica. La passione per la scrittura è sempre stata parte integrante della sua vita. Emerge in lei la voglia di descrivere la gente che non sa di avere qualcosa da raccontare. Scrivere ferma il tempo decisamente più di decine di foto scattate in un secondo, permette di percorrere altre vite e di inventarne altre. Nel suo mondo ideale si parlerebbe molto meno e si scriverebbe molto di più. esordisce nel 2010 con "Il mendicante di pensieri" (Edizioni La Gru), romanzo vincitore del Premio della Critica al "Premio Valentina 2011", e vince il premio "Zero a Zero 2014" con il racconto "Il cielo tra le righe". Pubblica nel gennaio 2015 il romanzo "In dispensa, bile" (Edizioni La Gru).



Cliccando qui, potete leggere una recensione al suo primo libro "Il mendicante di pensieri".





Il nuovo libro di Meri Nigro

5 commenti:

  1. Anonimo11/02/2016

    Ma com'è possibile che a Ceglie presentano un libro ogni settimana? Da dove sono usciti tutti quanti scrittori? E tutti a Ceglie? Non eravamo una comunità poco attenta alla cultura? Boh!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente, anonimo, esiste un fermento culturale nonostante ci sia qualcuno che non se l'aspetterebbe. Non siamo solo gastronomia.

      Elimina
  2. Anonimo11/02/2016

    L'immagine in copertina è piuttosto cruda .Scabrosa.

    RispondiElimina
  3. Il nostro vecchio, caro spot pubblicitario recita: "Ceglie città d'arte..." e poi "e di gastronomia".
    Bravissima alla nostra giovane autitrice: il coraggio dell'incoscienza...
    D. L.

    RispondiElimina
  4. Anonimo11/02/2016

    O cuore o fegato comunque si mangia

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti