F F Tribuna Libera: Comunicato: "Il sindaco si dimetta"

giovedì 19 gennaio 2017

Comunicato: "Il sindaco si dimetta"

Ricevo e pubblico un comunicato stampa del "Comitato Cittadino Volontario per la trasparenza e legalità degli atti amministrativi del Comune di Ceglie Messapica" in riferimento alla relazione del Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF) in seguito alla visita ispettiva del 20 aprile - 10 giugno 2016 presso il Comune di Ceglie Messapica.







Oggetto : Rilievi da parte del Ministero dell’ Economia e Finanze nei confronti del Comune di Ceglie Messapica.

"Non c’è dubbio che un osservatore esterno avrebbe grosse difficoltà a capire quello che sta succedendo al Comune di Ceglie Messapica. Diventa ancora più problematico capire come mai si è arrivati a questo punto nonostante che  i gruppi consiliari di opposizione della passata consiliatura, il nostro Comitato Cittadino da un anno e più a questa parte  e   il precedente Collegio dei Revisori (principale organismo di controllo interno dell’ente) avevano  evidenziato, in maniera puntuale,  tantissimi atti e procedure che potevano essere non rispettosi dei più elementari principi di trasparenza e correttezza amministrativa. 

Se la miopia e superficialità della classe politica che amministra questa città poteva trovare una reazione istintiva,  indispettita e di arroganza verso le questioni sollevate dal comitato cittadino e dai gruppi di opposizione, non trovava alcuna  giustificazione non aprire un minimo dialogo , rendere partecipi e ascoltare quelle che erano le valutazioni, osservazioni e consigli dei  Revisori  di questo ente.  

Il Collegio dei Revisori, di fronte  ad una situazione che non ha precedenti a Ceglie Messapica, constatate alcune gravi irregolarità, fu costretto il 6 febbraio 2014 ad inviare, ai sensi dell’art.239 comma 1 lettera e del DLgs 267/2000, una dettagliata denuncia ai competenti organi giurisdizionali.  Dalla lettura della relazione degli Ispettori  del Ministero dell’Economia e Finanza  risulta che, oltre sui  rilievi dei consiglieri comunali e del Comitato Cittadino, diverse osservazione  sono state fatte sulla scorta delle indicazioni  e denunce del Collegio dei Revisori. 

Uno degli elementi su cui fonda l’impegno del nostro Comitato Cittadino Volontario è la trasparenza degli atti amministrativi. In  merito alle osservazioni  determinate dalla visita ispettiva, sulla questione trasparenza ed in particolare agli obblighi da parte dell’ente in riferimento al DLgs 33 del 2013, oltre a dire che il Comune è quasi  totalmente inadempiente, non sappiamo cosa aggiungere.    

Ora il Comune di Ceglie dovrà cercare  di  apportare dei correttivi, assumere dei provvedimenti nei confronti di eventuali responsabili, recuperare alla legalità situazioni di incompatibilità, rivedere le assunzioni di alcuni Funzionari e i contratti di collaborazione, riformulare una dotazione organica del personale in maniera conforme ai compiti dell’ente, individuare eventuali responsabilità in merito al mancato e corretto utilizzo della procedura della spesa tramite il mercato elettronico della pubblica amministrazione e tante altre questioni.  

I  rilievi del MEF sono solo un parte dei provvedimenti in atto,  riteniamo  che altri provvedimenti devono ancora arrivare da parte di altri Uffici  di controllo. Ricordiamo, inoltre, che il nostro  Comune, sotto la guida del Sindaco Caroli, è stato già oggetto di precedenti rilievi e sanzioni.  

Ci sono servizi appaltati dei quali  da tempo avremmo dovuto avere un quadro conclusivo definitivo , pensiamo al servizio della Pubblica Illuminazione e della Videosorveglianza. Ricordiamo, con molto rammarico, i diversi finanziamenti che il Comune ha perduto per incapacità amministrativa come quello per il Castello Ducale e il recupero della zona 167. 

Come associazione di cittadini impegnati a garantire la trasparenza e legalità dell’azione amministrativa  ci domandiamo e domandiamo a tutti : in questa situazione di enorme criticità della nostra città , cui  bisogna far fronte e porre rimedio con consapevolezza   e con grande senso di responsabilità civica, può continuare ad amministrare il Sindaco Caroli e la sua maggioranza?  

A Luigi Caroli chiediamo, finalmente, un atto di responsabilità vera, si dimetta e permetta a questa città di poter sperare".


Ceglie Messapica 19.01.2017

                                                     
Tommaso Argentiero

Presidente comitato cittadino volontario per la trasparenza e legalità degli atti amministrativi del Comune di Ceglie Messapica



Comunicato: "Il sindaco si dimetta"

14 commenti:

  1. Impeccabile intervento del Presidente Comitato Trasparenza, come sempre (purtroppo. Ma forse più che dimettersi, i nostri benamati amministratori, dovrebbero prima mettere a posto ogni cosa, avendo cura di non far ricadere su noi poveri contribuenti le colpe delle loro incapacità (se di incapacità si è trattato). Dovrebberero risanare ed a giusta ragione, solo e soltanto con il loro, con le loro capacità intellettive e imprenditoriali(se ne hanno. Non basta lasciare, bisogno lasciare bene. Non basta avere le mani pulite (!), bisogna averle piene, per il bene comune.
    D. L.

    RispondiElimina
  2. Anonimo1/20/2017

    Chi era all'epoca dei fatti l'assessore al personale e lavori pubblici ?

    RispondiElimina
  3. Anonimo, per completezza di informazione per chi ci legge rispetto alla tua domanda, ricordiamo anche che gli atti di indirizzo di competenza dell'Amministrazione comunale sono le deliberazioni adottate dall'intera Giunta, dal momento che non compete ai singoli assessori l'emanazioni di atti di indirizzo politico-amministrativo. Per cui, se si deve parlare di deliberazioni collegiali, la domanda completa sarebbe: chi erano gli assessori componenti la giunta? Giusto per precisazione giuridica.

    RispondiElimina
  4. Anonimo1/20/2017

    Forse fai finta di non capire che molti atti sono a firma del Sindaco e moltissimi dei funzionari da lui nominati la giunta a volte ha tenuto il moccolo hai capisciuto???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque se parli di atti del sindaco, parli di decreti e se parli di atti dei funzionari parli di determine.

      Elimina
  5. Anonimo1/21/2017

    Si parli di tutto ciò'. Comunque per quello che io ricorda l'assessore a livori pubblici e al personale era Manfredi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto: ora facci l'elenco degli assessori che componevano e compongono la Giunta comunale e che, assumendosene collegialmente la responsabilità, votavano e adottavano le deliberazioni di Giunta con cui l'Amministrazione manifesta la sua volontà e dà le linee di indirizzo politico.

      Avete stancato con questa lotta tra voi, sui blog in anonimo senza firmarvi e pensando che i cegliesi che leggano siano stupidi da non capire chi siate.
      Ci avete letteralmente rotto i coglioni.

      Elimina
  6. Anonimo1/21/2017

    Rassegnati. Nel nostro piccolo aiutiamo te ed i tuoi lettori a metri di lettura differenti dai tuoi. Educatamente e senza isterismi completo la risposta alla tua domanda: all'epoca oltre a Manfredi , come ti hanno già scritto gli altri assessori erano Pasquale Santoro, Palmisano, la Leporale, Santoro ( il pompiere) nel consiglio di maggioranza c'era Daniele Gioia Locorotondo, Cataldo Rodio. Ho detto delle cazzare. Hai ragione tu sono tutti compromessi. Ma questa è l realta'

    RispondiElimina
  7. Anonimo1/21/2017

    C'era anche la Gasparro. Oggi tutti cautamente zitti. Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino.

    RispondiElimina
  8. Anonimo1/21/2017

    Per questo i nuovi oppositori non ci stanno marciando sopra? All'epoca erano con le mani nella marmellata? Che schifo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo1/21/2017

      non dire sciocchezze.hanno firmato tutti nell'opposizione la richiesta di consiglio comunale ...... voglio proprio sentire cosa diranno quelli della maggioranza

      Elimina
  9. Anonimo1/21/2017

    Sarà più interessante sapere cosa diranno gli ex di maggioranza oggi oppositori.

    RispondiElimina
  10. Anonimo1/22/2017

    Interessante... come bere il caffè a casa Ciracì

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti