F F Tribuna Libera: Una vicenda vergognosa

sabato 17 settembre 2016

Una vicenda vergognosa



Come sapete in questi giorni la giovane scrittrice cegliese Roberta Marseglia ha partecipato alla Fiera del Levante come volontaria dell'A.I.T.F. (Associazione Volontaria Trapiantatati di Fegato) all'interno del Padiglione della Regione Puglia che quest'anno è dedicato alla salute e alla prevenzione. 

In questo stand, Roberta ha svolto attività informativa sull'importanza della donazione degli organi, presentando tra l'altro il suo libro "Il sogno di una bambola" in cui racconta proprio la sua esperienza al riguardo. E' stata anche protagonista di un videospot di sensibilizzazione, in cui racconta la sua storia e che potete vedere allegato alla fine del post.

L'altra mattina, intorno alle 11, ha dovuto allontanarsi dalla postazione per partecipare come relatrice ad un convegno dal titolo "Una vita donata", organizzato in uno spazio adiacente ed a cui ha partecipato anche il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. 




Prima di lasciare la postazione, Roberta ha chiuso a chiave in un armadietto tutto il materiale che aveva con sè (le 15 copie del libro che aveva con è, depliant e materiali infirmativi e il ricavato delle vendite dei libri che sarebbero andate in beneficenza all'Associazione italiana Glicogenesi (circa 300 euro). 

Al ritorno, sapendo che il materiale era chiuso a chiave, non ha verificato che fosse ancora tutto lì. Solo più tardi, quando stava per andare via, Roberta ha fatto la scoperta: in sua assenza, ignoti avevano portato via i soldi, buona parte del materiale informativo e 14 dei 15 libri. Ne avevano lasciato solo uno. Un danno di qualche centinaio di euro. Naturalmente Roberta ha subito presentato formale denuncia e ci auguriamo che i responsabile di questo atto ignobile vengano identificati quanto prima, anche verificando le videoriprese, e sanzionati.


E' una vicenda veramente triste che lascia senza parole, Come è possibile che ci sia chi si degrada a simili gesti squallidi e balordi? Rubare soldi destinati alla ricerca per una malattia ...

A Roberta tutta la nostra solidarietà e la condanna per questo gesto ignobile. 









Una vicenda vergognosa

14 commenti:

  1. Anonimo9/17/2016

    È vergognoso! !!!!

    RispondiElimina
  2. Anonimo9/17/2016

    In giro ci sono tanti disperati, ma anche tanti polli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse volevi dire "ladri di polli", hai saltato un sostantivo.

      Elimina
  3. Anonimo9/17/2016

    E se l'autore del fattaccio è nel suo entourage???

    RispondiElimina
  4. Secondo te persone che offrono gratis una settimana del loro tempo e del loro lavoro versando tutto il ricavato in beneficenza in favore della ricerca per una malattia potrebbero fare cose del genere?
    Non diciamo sciocchezze, per favore.

    RispondiElimina
  5. Anonimo9/17/2016

    Se è per questo anche chi prende i voti non dovrebbe violentare i bambini e chi gestisce il paese non dovrebbe seppellire rifiuti tossici, chi fa il giuramento di Ippocrate non dovrebbe operare strafatto di cocaina ecc. ecc. ecc. ecc. ecc. ecc. ecc.
    Siamo in Italia e aldilà del finto perbenismo 'purtroppo' funziona così.
    Per me non sono sciocchezze ma dati di fatto.
    P.B.

    RispondiElimina
  6. Anonimo9/17/2016

    Confutiamo l'opinione che il dubbio sia una espressione di saggezza???
    Allora affermiamo che è una sciocchezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.B. sono schiocchezze perchè lanci accuse senza avere prove.
      Cerchiamo di essere seri e corretti.

      Elimina
  7. Anonimo9/17/2016

    L'ipotesi non è una tesi.Il dubbio non è un'accusa. È una ricerca. Di verità.

    RispondiElimina
  8. Anonimo9/17/2016

    Caro Francesco le prove ce le abbiamo davanti agli occhi tutti i giorni . Basta leggere un giornale o vedere un telegiornale. Non vedo perché ti stupisci cosi tanto . Forse vivi in un mondo dove va tutto bene? Vivi in un mondo dove la maggior parte delle persone sono oneste? Vivi in un mondo dove chi fa qualcosa di buono la maggior parte delle volte non ha un secondo fine?
    Personalmente io non vivo in questo mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vivo in un mondo in cui "va tutto bene" (quello sono altri a dirlo).
      Vivo in un mondo in cui ci sono persone che rubano e persone che lanciano accuse senza prove e senza firmarsi. Sia i ladri che queste ultime sono uguali: sono anonime.

      Elimina
    2. Anonimo9/18/2016

      Certo sono la stessa cosa.....
      Patetico

      Elimina
    3. Mai nessuno che si firmi, mannaggia ...
      Ti faccio proprio così paura? Cucciola ...

      Elimina
  9. Anonimo9/18/2016

    Hai chiesto a Roberta cosa ne pensa?

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti