F F Tribuna Libera: Il racconto di ciò che è successo

giovedì 22 dicembre 2016

Il racconto di ciò che è successo


Ieri sul blog abbiamo parlato della segnalazione di un nostro concittadino relativa allo stato, a dir poco critico, di una vettura del trasporto pubblico locale. Il video lo trovate a conclusione di questo post. Oggi anche il Quotidiano riprende il fatto, con un'intervista di Maria Gioia al genitore, Antonio Faggiano. 



Ecco cosa ha dichiarato:






"Mio figlio è uno studente pendolare e da cinque anni viaggia ogni giorno a bordo delle vetture della Fse. Ieri ha preso il pullman all'uscita da scuola. Durante il viaggio che da Francavilla lo stava riportando a Ceglie, il mezzo ha iniziato a rallentare e, da come mi ha raccontato, sembrava che il motore si stesse surriscaldando. Poi insieme ad altri ragazzi hanno scoperto il grosso buco della pavimentazione ai piedi di un sedile, da cui usciva anche del fumo ...

"I pullman sono sempre gli stessi e molto vecchi. A volte ci si chiede come facciano alcuni di questi ad essere ancora in circolazione. A volte i pullman restano in panne e di conseguenza non passano ma nessuno provvede ad avvisare gli utenti. da qualche tempo poi, quasi tutti i venerdì, gli studenti di Ceglie che frequentano le scuole a Francavilla restano a piedi. A quel punto chiamano noi genitori che provvediamo ad accompagnarli a destinazione. Ho contattato i funzionari per segnalare i disagi e ci hanno promesso un intervento tempestivo, mai arrivato. Per non parlare poi del fatto che, quando piove, i ragazzi non possono neanche sedersi, per i sedili bagnati".

"Ripeto, sono cinque anni che affrontiamo disagi. Per questa ragione, prima pagavamo l'abbonamento annuale, poi siamo passati a quello mensile e ora al biglietto giornaliero, perchè, se il pullman passa, si oblitera il biglietto, altrimenti pace. Almeno così non si perdono i soldi dell'abbonamento".







La vicenda è finita anche sull'edizione pugliese di Repubblica, con un articolo della giornalista Sonia Gioia.












Il racconto di ciò che è successo

Nessun commento:

Posta un commento

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti