F F Tribuna Libera: "Il sindaco ha fatto l'annuncio sotto un albero ..."

giovedì 9 giugno 2016

"Il sindaco ha fatto l'annuncio sotto un albero ..."


Ricevo e pubblico:

Documento del Circolo PD sulla crisi amministrativa

La segreteria del Circolo PD di Ceglie, composta oltre che dal segretario Piermassimo Chirulli, da Maria Antonietta Spalluti, Domenico Biondi, Vito Caroli, Carlo Leo e Giuseppe Nisi, si è riunita per analizzare gli ultimi sviluppi della crisi amministrativa. Alla riunione è stato invitato il consigliere comunale PD.

Il Sindaco Caroli ha annunciato che la maggioranza è cambiata. Lo ha fatto sotto un albero, non avendo neppure la sensibilità di affrontare la questione in Consiglio comunale, davanti ai rappresentanti eletti dai cittadini cegliesi.

Una conferenza stampa nella quale Caroli non ha spiegato le motivazioni della crisi: la Città non ha sentito dal Sindaco parole chiare su quanto avvenuto e un’autocritica seria per la pessima amministrazione di questo anno. Abbiamo avuto la conferma, inoltre, che l’azzeramento della Giunta era tutta una farsa: tutti gli assessori sono stati confermati, tranne uno. Il Sindaco non ha avuto neppure il coraggio di sostituire l’assessore ritenuto scomodo con un esponente a lui fedele.

Il Sindaco Caroli, dunque, campione assoluto del “gioco del ribaltone”!! Nessun sindaco, infatti, si è reso protagonista in così pochi anni di tanti ribaltoni, cambiando maggioranza con la stessa facilità con la quale si cambia una camicia: siamo già alla quarta maggioranza diversa!

Ai consiglieri di Democrazia Cegliese, invece, va il premio per l’incoerenza. In campagna elettorale attaccavano su tutti i fronti il Sindaco Caroli, anche con toni sprezzanti. Magicamente, a distanza di poco più di un anno, uno dei tre consiglieri ribaltonisti afferma addirittura che “è inevitabile affermare che dal 2010 ad oggi questa amministrazione ha fatto tantissime cose” e che “è inoppugnabile che questa città ha cambiato verso negli ultimi sei anni”: ma se pensava questo, perché si è candidato contro Luigi Caroli?? Misteri del “gioco del ribaltone”!

E non ci venissero a parlare di “senso di responsabilità”! Il vero senso di responsabilità avrebbe condotto a riportare la parola ai cittadini.

Il Partito Democratico ribadisce la posizione già espressa: il Sindaco ha il dovere di dimettersi non avendo più il sostegno di una parte consistente della maggioranza che gli ha consentito l’elezione. Siano i cittadini a giudicare se gradiscono questa ennesima giravolta di Caroli e la nuova compagine.
Stigmatizziamo, inoltre, i toni sprezzanti usati dal Sindaco durante la conferenza stampa (e non è una novità) nei confronti di chi si oppone alle sue politiche e nei confronti degli operatori dell’informazione e di alcuni blogger (ai quali esprimiamo tutta la nostra solidarietà). 

La novità è che toni simili sono stati usati anche da chi è appena entrato in maggioranza, con allusioni e affermazioni oblique. Ceglie ha bisogno di chiarezza e verità: chiunque è a conoscenza di fatti rilevanti per la Città li esponga chiaramente, assumendosene la responsabilità; se il Sindaco è a conoscenza di inadempienze di alcuni ha il dovere di informare gli uffici preposti per gli atti conseguenti.

A noi comunque sta a cuore Ceglie, con i suoi problemi e la ricerca di una prospettiva di sviluppo. I giochini politici li lasciamo al Sindaco.

Attendiamo la nuova maggioranza sulle questioni concrete:
- Sul PUG, di cui ancora non si conosce la bozza definitiva nonostante la presentazione in pompa magna di qualche settimana fa.
- Sulle tasse. Sino ad ora solo parole vuote da parte della nuova maggioranza, con generiche promesse di abbassamento delle aliquote e di riduzione della spesa. Il Sindaco presenti un piano dettagliato di abbassamento delle tasse e delle tariffe e dica chiaramente quali spese intende tagliare nei prossimi anni. Proponiamo di cominciare azzerando i rincari del ticket per la mensa. Appoggiamo totalmente la richiesta formulata in tal senso dai genitori dei bambini, che hanno organizzato una partecipata raccolta di firme.







"Il sindaco ha fatto l'annuncio sotto un albero ..."

14 commenti:

  1. Anonimo6/09/2016

    L'albero del fragno? Non è aggredibile dalla xylella,ma può essere colpito da attacchi di afidi(carantice e processionaria) e la sua corteccia può andare soggetta ad attacchi di mal bianco,marciumi radicali e carie del legno.Forse perchè a stretto contatto di funghi pericolosi.Purtroppo!

    RispondiElimina
  2. Anonimo6/09/2016

    LO STILE NON è ACQUA.
    BRAVO PD.

    RispondiElimina
  3. Anonimo6/09/2016

    Che significa "alla riunione è stato invitato il consigliere comunale PD"?

    RispondiElimina
  4. Anonimo6/10/2016

    Significa che il consigliere del Pd era impegnato con Antelmi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo6/10/2016

      Per forza, il sindaco era impegnato con il caso del sociologo!

      Elimina
  5. Anonimo6/10/2016

    Nonostante il cambio di maggioranza l'amministrazione comunale continua a cadere negli errori che l'anno caratterizzata negli ultimi anni. L'ultimo è arrivato all'indomani del ribaltone e riguarda la delibera di giunta n. 146 sulle feste patronali.
    Si legge: Ritenuto dover garantire anche per il corrente anno la compartecipazione economica ... popolari, anno 2014;

    -€. 6.000,00 (novemila/00 ) per i festeggiamenti in onore del Santo Patrono Sant’Antonio di Padova;
    -€. 7.000,00 (ottomila /00 ) per i festeggiamenti in onore di San Rocco;
    -€. 500,00 ( cinquecento/00 ) per i festeggiamenti in onore di Sant’Anna;-
    -€. 500,00 ( cinquecento/00 ) per i festeggiamenti in onore di Sant’Aurelia;
    -€. 1.000,00 ( mille/00 ) per i festeggiamenti in onore di San Lorenzo da Brindisi;
    €. 1.500,00 ( mille/00 ) per i festeggiamenti in onore dell’Immacolata

    Siamo nel 2016 o nel 2014?
    A quali cifre bisogna dare fede a quelle espresse in numeri o in lettere?

    Nel caso siano veritiere quelle in numeri la festività patronale sarà finanziata meno di quella del copatrono. Speriamo che almeno abbiano la sensibilità di far portare il gonfalone nella processione di Sant'Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo6/11/2016

      Meno male che fa il ragioniere:e'il sistema garantito,così come assicurato,detto,letto sottoscritto e determinato,per non far tornare il rendiconto e tenere sempre pronto un ribaltone che diventi un successone,cioè un cavallo di battaglia ,da poter cavalcare quando manca la quaglia.

      Elimina
  6. Anonimo6/10/2016

    Che disastro il pd di Ceglie sotto il 5% lo danno, Il consigliere che ormai gli ha mandati al quel paese, Donato Gianfreda che non e' piu' interesato al pd, quindi i conti sono chiari: Marrazza 190 + Gianfreda 130
    fa 310 voti che sottratti ai 650 circa significa un pd al 3%, dimettetevi prima che come sta accadendo in tutta Italia Vi commissariano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo6/10/2016

      Puoi anche firmarti! I tuoi conti e le tue percentuali sono sempre di parte e mai oggettive, seguono il vento o forse il lezzo?

      Elimina
  7. Anonimo6/11/2016

    Il fatto che Donato Gianfreda non sia più interessato al PD è forse l'unica buona notizia per i PIDDINI.
    ps. Comunque un vero segretario dopo il voto delle amministrative DI sarebbe dimesso.

    RispondiElimina
  8. Anonimo6/11/2016

    Quello almeno è un dato.Il tuo commento nemmeno un certificato.

    RispondiElimina
  9. Anonimo6/11/2016

    Se la zia non faceva quella fine nelle stoppie pure a casA daffitto stava

    RispondiElimina
  10. Non permetterti.mai più di nominare la mia famiglia, mascalzone!
    Spero che tu non debba mai vivere una tragedia simile nella tua famiglia.

    RispondiElimina
  11. Anonimo6/13/2016

    Caro Francesco,comprendo tutto il tuo disappunto e condivido fino in fondo tutto il tuo dispiacere ma, abbandonando il campo, la daresti vinta a quei figuri che in realtà mirano proprio a ottenere che tu desista dal continuare a dare,col tuo blog, un significativo apporto e un contributo concreto al miglioramento intellettuale,morale e civile della amata Ceglie. Considera questo episodio come l'altra faccia,quella brutta, della medaglia di una realtà che desideriamo migliore. E va avanti.L'epoca in cui viviamo tutela la libertà di stampa e di informazione,cosi come il diritto a essere informati.Per ciò che concerne i tentativi di denigrazione,diffamazione,intimidazione sono cose grette e vili che si smentiscono da sole ,perchè non supportate dalla credibilità e non appoggiate dalle persone perbene. Nè ti si può dare colpa alcuna del contenuto dei commenti. Chi te la attribuisce lo fa perchè cade nella trappola del pregiudizio che,come si sa ,si trasforma in maldicenza e cattiveria, disvelando spesso la malafede di chi irresponsabilmente ti accusa.Per ciò che concerne la sicurezza in città,il sindaco,essendone responsabile,si adopererà per garantire a tutti i cittadini la tranquillità necessaria in un contesto che si reputi civile.
    Un abbraccio e a presto.

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti