F F Tribuna Libera: Campi da golf, Parla Rocco Cavallo

venerdì 23 settembre 2016

Campi da golf, Parla Rocco Cavallo


AGGIORNAMENTO DEL POST



Dopo il post di oggi sui campi da golf in agro di Francavilla, ricevo e pubblico un comunicato del geom. Rocco Cavallo




COMUNICATO STAMPA 

"FINALMENTE SI FA CHIAREZZA

Ieri grande successo alla Conferenza Stampa tenutasi presso la Sala del Lampadario del Castello Imperiali di Francavilla Fontana indetta dalla società Cavallo quale proponente del progetto “ALTOSALENTO GOLF CENTER CLUB #UNAGRANDEOPPORTUNITA’”. L’intervento dello Staff Tecnico, Economico e Finanziario, ha chiarito che l’idea progettuale è stata sviluppata nel pieno rispetto di tutti i vincoli e delle norme vigenti.

Si è iniziato con una dettagliata esposizione della VAS e del PAI, per poi proseguire nell'illustrazione delle fasi progettuali, organizzative, lavorative e finanziarie successive. 

In sostanza, è emerso che il corpo masserizio esistente sarà recuperato mantenendo le caratteristiche che già gli appartengono con un aumento della superficie di circa il 20%, così come previsto dalle norme del PPTR, da destinarsi a club house, n. 8 stanze, centro benessere e servizi.

Fuori dai vincoli, sarà costruito un nuovo corpo di fabbrica, che prevederà la realizzazione di n. 31 stanze doppie, n. 11 suite, ed un locale destinato a servizi generali a servizio della struttura e del campo da golf. Il tutto al servizio dei golfisti e degli ulteriori ospiti, che potranno godere del territorio circostante, con particolare riguardo alla Città di Francavilla Fontana; la sarà sicuramente anch’essa partecipee propositiva- così come testimoniato dalle Associazioni presenti al Consiglio Comunale, tenutosi successivamente alla Conferenza Stampa -diventando parte attiva di un’iniziativa utile al rilancio ed al futuro di tutti.

Lo stesso Consiglio Comunale, anche se con qualche ritardo, sta avendo un ruolo importante nella discussone per la realizzazione del campo da golf, che si svolge in maniera ampia e democratica. E’ perciò di estrema importanza che il tempo perso per arrivare a tale approfondimento venga recuperato anche dagli stessi uffici che in precedenzanon hanno dato il necessario impulso all’istruttoria del procedimento.

Entrambe le strutture, saranno dotate di pannelli fotovoltaici, impianto solare/termico, trattamento e recupero delle acque con sistema duale e fitodepurazione, per dare un impatto più ecosostenibile.

Si è illustrata in maniera approfondita la realizzazione del campo da golf, il quale nelle sue zone di gioco occuperà circa 16 ettari e sarà seminato con speciali essenze graminacee autoctone, che oltre ad inserirsi armoniosamente nel contesto naturale, non necessitano di emungimento di acqua, ma che con un sistemo a circuito chiuso (cielo/terra/aria) potranno in maniera autosufficiente e con il solo supporto dei tre laghi, posti nelle zone più basse, che fungeranno da deposito, provvedere al proprio mantenimento, il tutto supportato da uno specifico sistema di drenaggio, oltre ad un impianto di irrigazione gestito in maniera computerizzata al fine di evitare qualsiasi tipo di dispersione di acqua con un notevole abbattimento dei consumi. In questa maniera si otterrà relativamente ai 16 ettari destinati al golf un consumo idrico nettamente inferiore rispetto a quello di una normale coltura agricola.

In tale percorso saranno allocate n. 18 buche per una lunghezza di ml. 6.763 con n. 72 par (colpi), campo tra l’altro già preventivamente omologato dalla Federazione Italia Golf per lo svolgimento di gare di tipo nazionale ed internazionale, essendo diventando il 5 sport praticato in Italia e che sposta circa 6.000.000 di golfisti nel territorio italiano con una forte propensione all’aumento, anche in virtù delle tensioni presenti in nord africa, i cui territori insicuri, come sta già accadendo, faranno spostare gli amanti del golf nel territorio italiano, di cui Francavilla Fontana farà la sua parte. 

Questo turismo caratterizzato dalla destagionalizzazione da una più lunga durata media del soggiorno dalla spesa procapite doppia rispetto al turismo tradizionale, dal coinvolgimento nella vacanza di tutta la famiglia, da un profilo sociale e culturale più elevato. In Italia un fenomeno ancora parzialmente nuovo, ma specialmente nel Sud, ha straordinarie potenzialità che sembrano tutte riassunte nell’iniziativa di Francavilla Fontana, che ne trarrà tutti i benefici rivenienti. Per restare in linea agli accordi assunti con la Lega Ambiente e la FIG, non vi sarà l’utilizzo di concimi di sintesi a tutela ed a salvaguardia della natura e del ns. territorio. Inoltre il campo sarà adagiato su naturale orografia del terreno e sarà pertanto eseguita solo una movimentazione estremamente ridotta alla scarificatura della superficie.

Nella restante superficie di circa 100 ettari, sarà mantenuta l’attuale destinazione agricola, dedicando una maggiore attenzione alla coltivazione degli uliveti, dei seminativi, ortaggi ed allevamenti già presenti, diventando in tal modo un valore aggiunto al campo da golf. 

Vi sarà pertanto un recupero di tutti i muri a secco, una riqualificazione agricola generale, con il coinvolgimento delle attuali attività che garantisca la continuità aziendale.

Da questa sintesi si comprende bene che non vi sarà alcuno stravolgimento della situazione attuale dei luoghi, non vi sarà desertificazione, colate di cemento, manti di asfalto e quanto altro possa deturpare e snaturare il territorio,come paventato da qualcuno privo di alcuna conoscenza dell’intero intervento a farsi. Ci sarà invece una importante opportunità occupazionale, con l’impiego di 47 unità stabili per la gestione della struttura, tra addetti alle strutture alberghiere, campo da golf ed agricoltura, oltre ad ulteriori 100 unità per l’indotto che si creerà.

Il luogo su cui sorgerà l’iniziativa, è posto in posizione strategica rispetto alle varie opportunità di collegamento esistenti, quali gli aereoporti di Grottaglie, Brindisi e Bari, le diverse autostrade di collegamento e la linea ferroviaria Sud/Est che lambisce la proprietà, permettendo un percorso turistico culturale affascinante che consentirà di conoscere il nostro territorio dalla Valle D’Itria al Salento, in un itinerario da sogno.

Da non sottovalutare, la misura Regionale PIA che ha dato l’assenso al finanziamento agevolato, per promuovere la destagionalizzazione del turismo in Puglia, adottando una misura ad hoc oltre al sostegno formalizzato da parte del CONI a finanziare la parte restante del progetto. 

L’intero territorio ha pertanto una #UNAGRANDEOPPORTUNITA’ da non perdere. 

Dalla Conferenza Stampa è emerso che la redazione del progetto è stata curata da un numeroso Staff Tecnico composto dai qualificati ed esperti Professionisti di seguito elencati, che hanno avuto uno speciale e prioritario riguardo per gli aspetti ambientalie naturalistici, nel pieno rispettodi tutte le norme vigenti al riguardo, tutti uniti per fare insieme #HOLEINONE. 



V&A - STUDIO VITONE & ASSOCIATI 
Consulenza per gli aspetti generali e di coordinamento, e per le opere strutturali; 
DOTT. FRANCESCO MENNA – DOTT. STEFANO NANNAVECCHIA 
Aspetti Commerciali e Finanziari agevolati 
ARCH. VINCENZO MEZZACANE, ARCH. DAVID MEZZACANE 
Progettazione specialistica campo da golf 
ING. FRANCESCO NOTARO, ARCH. ANNA CATERINA CAVALLO 
GEOM. ANTONELLA SANTORO, GEOM. VITTORIO CHIRICO 
Progetto generale; 
Progettazione Specialista Architettonica; 
ING. ANGELO MICOLUCCI 
Progettazione Specialistica Analisi e valutazione ambientale 
ING. SALVATORE VERNOLE 
Studio idrologico 
ING. VITANTONIO MASTRO 
Progettazione Specialistica Trattamento delle acque; 
ING. ANGELO RAFFAELE VITO RIZZO 
Progettazione specialistica Solare Termico e Fotovoltaico; 
DOTT. ANTONIO FUSCO 
Relazione specialistica geotecnica e idrogeologica; 
GEOM. RAFFAELE PATISSO 
Topografo 
DOTT. CLEMENTE MAGLIOLA 
Relazione illustrativa estirpazione e trapianto di olivi 
DOTT. ALESSANDRO DE LUCA 
Agronomo - Direttore Scuola Nazionale dei tappeti erbosi della Federazione Italiana Golf.









___________________________________________________


Mentre a Roma la diatriba politica e amministrativa in atto è quella sulle Olimpiadi 2024 da tenere o meno a Roma, a pochi chilometri da noi la querelle è sulla realizzazione del campo da golf a 18 buche – con annessi club house e insediamenti edilizi – che dovrebbe sorgere tra uliveti e vigneti nelle campagne tra Francavilla Fontana e Ceglie Messapica. 

Il progetto prevede il recupero di una masseria “Carlo di Noi Superiore” ubicata nell'agro di Francavilla Fontana, la riqualificazione di tutto il territorio circostante e la creazione di Campi in erba che occuperanno la superficie complessiva di circa 14 ettari a fronte dei complessivi 112 ettari disponibili: i restanti ettari saranno riqualificati all'attività agricola.



Questo progetto privato, cofinanziato con 9 milioni di euro dalla Regione Puglia, dovrebbe essere realizzato dal consorzio Costa dei cavalieri, con a capo il geometra cegliese Rocco Cavallo. Ieri ne ha discusso il Consiglio comunale di Francavilla, un consiglio comunale aperto alle associazioni, ma i capigruppo, ai sensi del regolamento consiliare, hanno detto no all'intervento dell'imprenditore cegliese in aula per spiegare nei dettagli e promuovere il progetto.




A quel punto Cavallo ha fatto da solo: ha affittato la Sala grande del Castello degli Imperiali e ha tenuto una conferenza stampa con progettisti e tecnici. Alcune dichiarazioni le riporta stamattina il "Quotidiano":

"Nessuna vendetta, solo la voglia di fare qualcosa di buono per il territorio e per spiegare i perchè e i percome di un progetto che non lede l'ambiente, anzi. Un campo da golf non è assolutamente invasivo e, anzi, servirà a rimettere in ordine 14 ettari di terreno. Il campo da golf permetterà di giocare tra gli ulivi, tra la natura, persino tra i campi di melanzana". 

Già le melanzane. sarà vero? Il dubbio viene girato anche al progettista Davide Mezzacane, esperto mondiale nella progettazione e presidente dell'Associazione Italiana degli Architetti campi da golf. "Melanzane ma non solo - spiega l'architetto - perchè il campo da golf, che spesso viene visto con occhi scettici perchè legati a una visione, in termini puramente tecnici, che riguarda il passato. La progettazione golfisitica ha una qualoità straordinaria, che è quella di inserirsi nell'ambiente. L'importante è fare un buon campo da golf e questo, lo posso assicurare, non è buono, E' ottimo"

Chiacchierando con gli esperti seduti al tavolo dei lavori, spunta fuori perdino la battuta su Briatore: "Flavio Briatore parlava della necesità che la Puglia - spiega l'ing. Vitantonio Milone, docente di Scienza delle costruzioni alla facoltà di ingegnieria del Politecnico di Bari - si doti di strutture capaci di attirare il turismo d'elite. Io sono pienamente d'0accordo con questo, perchè permetterebbe ad una regione piena di bellezze anche naturali di creare posti di lavoro e quindi un futuro ai nostri figli. Attirare un certo tipo di turismo vuol dire anche innalza re l'asticella del rispetto dell'ambiente".




Ma c'è anche ...





INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DELLA CGIL: FRANCESCO SOLAZZO

A parere del coordinamento della CGIL di Francavilla Fontana, il progetto riguardante la costruzione del “campo da golf”, dietro l'immagine dei grandi prati verdi, di uno sport a contatto con la natura, nasconde la strategia della cementificazione e del consumo del territorio.
E' risaputo, ormai, che la non redditività immediata del campo da golf, rende necessaria la costruzione di villette, appartamenti e con i soldi della vendita di questi ultimi, si ammortizzano i costi della gestione del percorso golfistico.

C'è, inoltre, il rischio che l'insediamento di questa mega struttura possa trasformare la “MACCHIA MEDITERRANEA” in un cantiere a cielo aperto, a scapito delle ricchezze naturali, culturali e paesaggistiche. Non pochi Comuni, in verità, continuano a favorire l'insediamento di campi da golf, nonostante la contrarietà della Commissione Europea e degli Agricoltori. Corrono voci, intanto, che attraverso la modifica del PUG, potrebbero essere consentiti all'imprenditore Cavallo, volumi che ai cittadini ed alle imprese locali non sono consentiti. 

Indubbiamente l'uso improprio di questo terreno, ove dovesse insediarsi il campo da golf, è proprio un'idea vuota di progresso. L'idea, poi, che un Turismo basato sulla devastazione paesaggistica e sul “cemento” corre il rischio di depauperare ancor di più il territorio, senza nessuna ricaduta occupazionale e di vanificare il ricambio generazionale in agricoltura.

Il futuro del lavoro, infatti, non può essere legato allo sviluppo delle attività golfistiche, ma, inevitabilmente, a moderne opportunità di sviluppo, come quelle legate alla “GREEN-ECONOMY”. Uno strumento per realizzare uno sviluppo sociale, economico ed ambientale-sostenibile. Da alcuni anni c'è stato un avvicinamento dei giovani diplomati e laureati alle strategie della green-economy. Dai primi dati relativi all'estate 2016 (pubblicati su “Sole 24 Ore”), si riscontrano incrementi dell'8%, di presenze, tra gli italiani come tra gli stranieri, nella nostra Regione; siamo in presenza di una moltitudine di turisti che sono attratti dalle nostre bellezze naturali e paesaggistiche. 

Alcuni giovani laureati, stanchi dell'eterno precariato nella scuola, si sono avvicinati all'economia verde, adottando una nuova formula di marketing, che prevede: la raccolta delle olive, affiancata all'imbottigliamento del vino e dell'olio, alla ricettività ed alla degustazione dei cibi. Un trend di crescita costante e di lungo periodo. Questa tendenza è dovuta non solo alla location, ma anche all'attività che puoi svolgervi, come: l'equitazione, il tiro con l'arco, le escursioni, i campeggi, la visita ai percorsi archeologici e naturalistici. 

L'arricchimento tematico dell'offerta, si sta rivelando una strategia vincente; nascono le fattorie didattiche ed un'interesse crescente per la campagna ed i suoi prodotti. Tutto ciò il gioco del golf non lo potrà mai offrire alla comunità.

La CGIL, pertanto, auspica che la MACCHIA MEDITERRANEA sia affidata in gestione alle nuove imprese giovanili, mentre la Regione incrementi ulteriormente gli incentivi da destinare al ricambio generazionale in agricoltura.


Francavilla Fontana, lì 22/09/2016.                                                  

Francesco Solazzo




Campi da golf, Parla Rocco Cavallo

19 commenti:

  1. Giuseppe9/23/2016

    Complimenti al Quotidiano. Non ho mai letto un articolo con così tanti errori di battitura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sbagliato a trascrivere due parole con un'inversione di due consonanti.
      Spero non debba andare a costituirmi. :)

      Elimina
    2. Giuseppe9/25/2016

      No, no, non ce n'è bisogno, ma rileggi, che di errori ce ne sono ancora..

      Elimina
  2. Anonimo9/23/2016

    Si, continuiamo a campare di macchia mediterranea.
    Sono trent'anni che sento parlare di "sviluppo di lungo periodo", "green economy" etc....se ne parla soltanto però, nel frattempo i miei amici hanno ripreso i treni per la Germania.
    La CGIL, ma non sono quelli che fanno le crociere da € 16.000 per "incontri di lavoro"?
    E poi: tutto questo essere contrari alla cementificazione....dov'erano gli stessi integerrimi quando tutti o quasi, e pure loro, si facevano le villette in campagna in barba ai PUG?
    Quando costruivano ospedali con vista depuratore fognario? Oppure le piattaforme di interscambio, o come diavolo si chiamano, mai finite ma che hanno coperto di calcestruzzo ettari ed ettari di campagna?
    Si, continuiamo a campare di macchia mediterranea, almeno i funghi non ci mancheranno...come non ci manca il livore verso chi vuole provarci.

    RispondiElimina
  3. Anonimo9/23/2016

    Spianare una area cosi vasta della valle può col tempo far venire la voglia di cambiare la" destinazione d'uso "della spianata ,che può diventare la base per megalitici corpi di fabbrica destinabili a usi diversi.

    RispondiElimina
  4. Anonimo9/23/2016

    Male che vada,ci facciamo una foggia!

    RispondiElimina
  5. Anonimo9/23/2016

    Perchè essere cosi negativi:possiamo anche trasformare l'idea originale e aver come prodotto derivato un laghetto artificiale,una pista di ghiaccio sintetico per pattinaggio o qualcosa di similare.Innovare non fa rima con de riva andare?

    RispondiElimina
  6. 3 dei primi 4 commenti provengono dalla stessa persona ... che discute con sè stessa.
    Chiamate la neuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo9/24/2016

      Sei anche un neurologo psicanalista e psichiatra?

      Elimina
    2. Immagino ti stia offrendo da paziente.
      No, mi dispiace per te, non lo sono. Riesco però a leggere gli ip. Tra l'altro l'utente rispondeva ai precedenti commenti senza che neanche avessi ancora moderato il primo commento. Come avrebbe potuto già conoscerli?

      Elimina
    3. Anonimo9/24/2016

      E non reputi possibile che lo sapesse?E' vietato esprimere tre commenti?

      Elimina
    4. Certo che può farlo, a me fa piacere leggere commenti.
      La cosa che mi fa ridere è però uno che smentisce sè stesso :)

      Elimina
    5. Anonimo9/24/2016

      Quindi ti arroghi il diritto di esprimere giudizi ,esortando il ricovero, avendo o non avendo competenze nel campo neurologico?Ignori che l'ironia è solo un lato,cioè l'ipotenusa di chi ha come base l'intelligenza?

      Elimina
    6. Esatto. E con questo commento hai dimostrato che a te difettano la prima e la seconda, anonimo.
      E anche il coraggio di dire le cose in faccia, ANONIMO.

      Elimina
  7. L'intervento è individuato in un'area economicamente degradata a causa della crisi strutturale quanto irreversibile della zootecnia.
    Impatto di inquinamento è irrisorio e comunque inferiore alla meno inquinante attività agricola che vi si potesse mai svolgere.
    La condizionalità che l'amministrazione comunale potrà imporre in sede di rilascio dei permessi a costruire è più che sufficiente a garantire il corretto uso del territorio col rispetto dell'ambiente.
    Sotto il profilo urbanistico non vi è alcun rischio di speculazione poiché tutto il compendio agricolo verrebbe assorbito dalla cubatura a farsi non potendosi creare aspettative nel caso di vendita frazionata dei suoli.

    RispondiElimina
  8. Anonimo9/24/2016

    Se baipassare le normali vie di comunicazione istituzionale è una forma destagionalizzata di politica economica possibile perché non credere possibile la realizzazione di un progetto la cui redazione è talmente tecnologica da risultare tecnicistica avveniristica quasi fantascientifica nella sua. eseguibilita'?

    RispondiElimina
  9. Anonimo9/25/2016

    L'hai detto.Senza la presunzione dei saputelli che sanno tutto e capiscono tutto.

    RispondiElimina
  10. Anonimo9/26/2016

    9 milioni di euro....aaaa ..mu ma capit tutt cos....

    RispondiElimina
  11. Anonimo9/26/2016

    Meglio tardi che mai, caro.
    Del resto, non è facile capire.

    RispondiElimina

Quando scrivi qualcosa su qualcuno, pensa prima a come reagiresti se la stessa cosa la scrivessero su di te.

Commenti

Commenti