mercoledì 4 maggio 2016

Orti urbani - L'opinione dell'arch. Gervasi





"Era l’estate del 2014 quando l’Associazione culturale 72013 lanciava una petizione pubblica per la realizzazione degli orti urbani e per il recupero delle mura messapiche nell’area adiacente al Comune di Ceglie. L’amministrazione, dal canto suo, ignorando la proposta, promuoveva nello stesso sito la realizzazione di un anfiteatro. Seguirono una serie di iniziative culturali che l’associazione organizzò a sostegno della petizione anti-anfiteatro. 

All’appello per la realizzazione degli orti urbani e contro la cementificazione dell’area risposero persino Vittorio Sgarbi e l’associazione “Italia nostra”. Si organizzò, inoltre, la manifestazione “senza arte né parte” e diverse azioni politiche furono intraprese parallelamente, attraverso interventi mirati a sollevare la questione in Consiglio Comunale. La voce del dissenso raggiunse anche il Ministero dei Beni e le Attività Culturali per mezzo di una interrogazione Parlamentare promossa dall’ on. Nicola Ciracì. 

La posizione dell’Associazione 72013 e dei suoi sostenitori era chiara: no alla cementificazione e a un inopportuno anfiteatro in una zona di pregio paesaggistico. La replica dell’amministrazione comunale fu alquanto ironica e denigratoria. Ignorando le oltre mille firme raccolte in pochi giorni dall’Associazione 72013, lanciò una campagna mediatica diffamatoria contro la proposta degli orti urbani e sostenne con ostinazione il progetto dell’anfiteatro. 





Alla luce di questa breve ricostruzione storica dei fatti, pare alquanto ironico, se non paradossale, l’atteggiamento degli ultimi giorni di un gruppo di rappresentanti di quello stesso circuito politico dal momento che si sono attivati per una nuova campagna, questa volta autocelebrativa, e si compiacciono del pregevole risultato ottenuto nell’area adiacente al Comune di Ceglie. 





L’amministrazione ha infatti realizzato, nell’area designata, proprio gli orti urbani che l’Associazione 72013 aveva promosso sin dall’estate del 2014 e contro cui l’amministrazione stessa si era ferventemente schierata. Questo compiacimento, oggi, fa un po’ sorridere. Come promotori e sostenitori dell’iniziativa non ci avevamo visto poi così male quando avevamo proposto il recupero delle mura messapiche e la realizzazione di quegli orti. 

È pur vero che, in definitiva, quello che conta è che l’azione intrapresa in nome della salvaguardia del nostro territorio, della sua storia e della sua architettura locale sia diventata bene comune, poco importano paradossi e autocompiacimento". 


Ceglie Messapica (BR), 
04/05/2016

arch. Emanuela Gervasi



Tribuna Libera

Incontro con il Prefetto



Comunicato stampa.


L’On. Ciracì (CoR) a colloquio col Prefetto: «Situazione preoccupante in tutta la provincia di Brindisi». E annuncia un tour della sicurezza per comprendere esigenze e difficoltà delle forze dell’ordine


Lunedì scorso, l’on. Nicola Ciracì (CoR – Conservatori e Riformisti) ha incontrato Sua Eccellenza il Prefetto di Brindisi, dottor Annunziato Vardè, cui ha illustrato le sue perplessità circa ordine pubblico e sicurezza nell’intera provincia di Brindisi e in particolar modo a Ceglie Messapica e nel capoluogo. A seguito di quest’incontro, definito cordiale e proficuo, il deputato ha annunciato l’intenzione d’intraprendere una sorta di “tour della sicurezza” durante il quale incontrerà tutte le forze di polizia del territorio per apprendere direttamente sul campo quali siano i problemi che sono quotidianamente costrette a fronteggiare in termini di strutture, mezzi e soprattutto personale.

«Con Sua Eccellenza – dichiara Ciracì – abbiamo fatto una disamina circa l’attuale situazione che si vive in vari comuni del territorio, specie in quelli che tra un mese circa saranno chiamati alle urne, con particolare riguardo a Brindisi, città che necessita in maniera particolare di un rilancio dei temi etici e di liste elettorali improntate alla massima trasparenza».

«Io mi sono poi soffermato – prosegue – sul periodo che attraversa Ceglie Messapica, martoriata da attentati incendiari, furti tra le campagne ed episodi di bullismo in pieno centro, fatti che hanno creato e creano allarme tra i cittadini e che rischiano d’incidere negativamente sui flussi turistici della città».

E ancora: «Se da una parte ho potuto riscontrare una grande attenzione da parte di Sua Eccellenza, che mi ha informato del massimo impegno del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, dall’altra mi preoccupa non poco la disattenzione del sindaco di Ceglie Messapica e della sua amministrazione in genere, che da sempre paiono sottovalutare il tutto. Credo – aggiunge – che il Consiglio comunale dovrebbe affrontare con decisione queste tematiche, di fondamentale importanza, più che discutere di blog e di censura del libero pensiero sul Web».

Infine, il “capitolo” tour: «Già a partire dai prossimi giorni – conclude l’onorevole – chiederò ospitalità ai vari presìdi delle forze dell’ordine dislocati nel Brindisino, a partire dal Signor Questore, per rendermi conto in prima persona delle loro eventuali difficoltà organizzative e operative per poi redigere un report che porterò direttamente in Parlamento, chiedendo un intervento quanto più celere possibile per restituire all’intera provincia la sicurezza e la vivibilità che merita». 




Tribuna Libera

Pinuccio di "Striscia" torna a Ceglie Messapica




Ve lo ricordate?






Sabato 21 maggio, ore 21.
Teatro comunale


#PinuccioChiamaCeglieMessapica In 90 minuti, con l'aiuto di slide, santini elettorali e video ci condurrà in un vortice di pungente e mai scontata satira politica. Non mancheranno le sue mitiche "telefonate".

In un'altra fase dello spettacolo Pinuccio mostrerà come i politici si mettono in mostra sul web specie durante le campagne elettorali, utilizzando campagne di comunicazione “fantastiche” pur di avere consenso.


Pinuccio non risparmia nemmeno i giornali che nella confusione di Tweet e selfie dovrebbero, almeno loro, dare autorevolezza ad una notizia, ma lo sanno sempre fare?

Insomma un'ora di sane risate. Info: 338/3745216

L'evento è organizzato dalla locale Associazione di promozione sociale “Gioia”, con il Patrocinio del Comune di Ceglie Messapica, ed avrà, come consuetudine dell'associazione “Gioia”, uno sfondo benefico. Il ricavato, infatti, sarà devoluto all'acquisto di testi scolastici, per elementari e medie, per i bambini e ragazzi seguiti dai Servizi Sociali del Comune di Ceglie Messapica. 





Caro Alessio, ti aspettiamo con impazienza.









Come tutti saprete, Pinuccio (alias Alessio Giannone
è stato a Ceglie qualche mese fa, per altri motivi.


per rivedere il video





Tribuna Libera

DIFFERENZIATA A CEGLIE MESSAPICA



Alcune considerazioni di Domenico Demitri
del Comitato civico per la Trasparenza:





"Questa mattina, il comune di Ceglie Messapica, ha inserito il dato della raccolta differenziata del mese di Marzo sul portale ambiente della regione Puglia.

Il dato risulta essere pari al 49.28%, lo scorso anno, sempre nello stesso mese, il dato fu pari al 50.46%. Inoltre, come si può ben vedere dal grafico, il primo trimestre dell'anno in corso, si è chiuso in negativo rispetto a quello del 2015. Ritengo necessaria una maggiore attenzione al problema".

Per leggere il dettaglio 





Quando la prima amministrazione Caroli si insediò nel maggio 2010, trovò una percentuale di differenziata pari al 50.7%. A distanza di sei anni siamo ancora allo stesso punto.

Come sapete, l'ecotassa scatta per i Comuni che non abbiano raggiunto il 65% di rifiuti differenziati.







Tribuna Libera

Sicurezza a Ceglie - Parla il Partito Democratico






Comunicato della Segreteria del Circolo PD sui recenti fatti di cronaca e sulla sicurezza.





Ancora atti vandalici a Ceglie!! 



Siamo costernati dal continuo verificarsi a Ceglie di atti che mettono in pericolo la sicurezza dei cittadini. Avevamo già sottolineato questo aspetto qualche mese fa, invitando l’Amministrazione a fare la sua parte. Ma nulla sembra essere cambiato.

Nelle ultime settimane abbiamo assistito agli atti più diversi: furto e rapina di un’autovettura sotto minaccia di armi da fuoco del proprietario; danneggiamenti alla carrozzeria dell’autovettura del vicesindaco; continui furti nelle case di campagna; furti di attrezzature e mezzi agricoli; incendio nella villa di un noto imprenditore cegliese; profanazione di una Cappella di pertinenza di un’antica masseria con furto di oggetti sacri; incendi di numerose autovetture (l’ultimo esempio la notte scorsa). 

Innanzitutto desideriamo esprimere la nostra completa vicinanza alle vittime di tali atti criminosi.

Ma sappiamo che la solidarietà non basta.  È tempo che le istituzioni facciano sino in fondo la loro parte.

L’Amministrazione Caroli, invece di impegnarsi su questo fronte, pensa solo a litigare al suo interno per un posto da assessore, come riportato da alcuni giornali qualche giorno fa, e ad attaccare in modo scomposto e pretestuoso Tommaso Argentiero, assessore nella passata giunta di centrosinistra, cui va tutta la nostra solidarietà.

Non vogliamo certo creare allarmismi. Tuttavia crediamo che tali vicende non possano essere derubricate a singoli eventi di poco conto. È necessario cambiare passo!

Chiediamo, dunque:

- uno sforzo ulteriore alle Forze dell’ordine, cui pure va il nostro ringraziamento per l’impegno profuso sin’ora. Sarebbe utile che vi fosse un pattugliamento notturno più frequente per le vie della Città;

- che l’impianto di videosorveglianza sia fatto funzionare a pieno regime ed eventualmente potenziato;

- che vi sia un ampio dibattito nella Città sui temi della sicurezza: nessun cittadino si deve sentire solo. È necessario, dunque, convocare un Consiglio comunale ad hoc aperto alla cittadinanza, come più volte richiesto dalle opposizioni;

- che una delegazione composta da esponenti di tutti i partiti politici esponga la situazione a S.E. il Prefetto di Brindisi, in modo che possa adottare gli atti conseguenti. 

Speriamo che questa volta l’Amministrazione Caroli prenda contezza della reale situazione e non si rifugi in facili ed inutili proclami come fatto sino ad ora, la nostra comunità ha bisogno di azioni tanto concrete quanto incisive perché questa non è la Ceglie che ci piace! 

Il Partito Democratico farà sino in fondo la sua parte in tutte le sedi, affinché i cittadini cegliesi possano vivere in assoluta serenità.


Segreteria Circolo PD Ceglie



Tribuna Libera

martedì 3 maggio 2016

Incontro con l'on. Elisa Mariano










Tribuna Libera

Ceglie, "Il sindaco convochi il comitato provinciale per la sicurezza"

Incendi dolosi a Ceglie: "Si convochi un comitato per la sicurezza"




Foto: Domenico Biondi



L'altra notte l'incendio doloso che ha investito tre auto parcheggiate nel centro abitato, in via Fermi. Sull'argomento interviene Angelo Gasparro, già assessore e ora rappresentante dell'associazione "La Bussola", che chiede un intervento del Comune.








Tribuna Libera

Fiera del Crocifisso, a Ceglie




Si terrà domenica 8 maggio la Fiera del Crocifisso, inizialmente prevista per ieri lunedì 2 maggio. Lo stabilisce un'ordinanza comunale (clicca qui). La motivazione dello spostamento è legata alle condizioni meteo avverse delle scorse ore.






Sulla pagina Facebook "Ceglie Storia" Michele Ciracì ci racconta di questa antica tradizione.












Una foto, una storia
Anni '50 del secolo scorso.


"In onore della Festa del Crocifisso.
Straordinaria foto della Processione del Crocifisso che attraversa via San Rocco.





Da secoli questa festa è uno degli appuntamenti piu' importanti per i fedeli cegliesi. Il 2 maggio si svolge la Fiera che richiamava gente da ogni paese della provincia.
Fino a qualche decennio fa i fedeli facevano a gara per organizzare la Processione, far brillare i fuochi d'artificio e illuminare le strade principali del paese. In piazza Plebiscito la cassarmonica accoglieva il concerto musicale cittadino e altre famose bande regionali.
Chiudeva la festa la gara dei fuochi d'artificio che richiamavano gente dei paesi vicini.
Nella foto la Processione è ferma per la foto di rito, attorniata dalle baracche del mercato, da bimbi festanti e da migliaia di fedeli, con in testa il Capitolo di Ceglie.
La statua e' portata a spalle dagli uomini, in altre occasioni erano le donne a portare in processione il Crocifisso
".
(Centro di documentazione "M. Ciracì'" - Banca delle immagini - Ceglie Messapica)



Tribuna Libera

lunedì 2 maggio 2016

Tommaso Argentiero risponde alle "accuse"



Qualche giorno fa un attuale assessore aveva lanciato, in un'intervista alla Gazzetta del Mezzogiorno, un attacco personale a Tommaso Argentiero, presidente del Comitato cittadino per la Trasparenza. "Accuse" gravi e surreali, forse basate su una informazione non precisa sui fatti.

Giustamente, Argentiero ha risposto sempre dalle colonne della Gazzetta, puntualizzando i fatti e smontando le chiacchiere e le inesattezze.






Ecco la sua replica:


"Ancora una volta l'assessore è uscito fuori dal seminato arrivando ad accusarmi di aver utilizzato, durante il mio mandato di assessore (2005-2010) "il Comune come un bancomat". Con questa affermazione Palmisano potrebbe rendere felice qualche associazione cegliese legata al volontariato.

Sono accusato, in occasione della partecipazione del Comune di Ceglie Messapica ad alcune fiere legate al turismo, dopo che gli uffici comunali avevano effettuato gli atti di impegno di spesa, di aver ottenuto dall'ufficio economato, firmando regolare ricevuta, un anticipo delle somme che avrei sostenuto. Tornato a Ceglie ho restituito la somma restante, tutte le fatture e biglietti a riscontro delle spese sostenute. Bastava chiedere informazioni all'economo e l'assessore Palmisano avrebbe evitato questo scivolone.

Mi rendo conto che per alcuni è incomprensibile che un amministratore spenda meno di quello preventivato ma viaggiare in treno e pernottare in alberghi con pochissime stelle comporta un risparmio considerevole. Se si aggiunge che per il vitto, il più delle volte facevo solo la cena, poiché trovavo sufficiente apprezzare gustosi piatti preparati in fiera nei vari stand. Se poi l'Assessore o altri desiderano avere ulteriori informazioni di quello che era il mio impegno in quelle occasioni sono a completa disposizione.

Quando io ero assessore, Palmisano era consigliere comunale ed aveva il compito anche di vigilare sulla correttezza dell'azione amministrativa ma evidentemente era tutto abbastanza regolare considerato che non ha mai sollevato alcuna questione. A fine mandato, a questa amministrazione, abbiamo lasciato una "eredità'' vera di oltre due milioni di euro come avanzo di amministrazione".








Tommaso Argentiero 
è una persona perbene e onesta.

I tentativi di buttare fango sulla sua persona e, indirettamente, sul comitato da lui presieduto, oltre a essere inutili e ridicoli sono anche un boomerang per chi li lancia. I cittadini sono molto più intelligenti di quanto qualcuno pensi.

Continua così, Tommaso, non ti fermare.







Tribuna Libera

Il Giro di Puglia di Leonardo Saponaro


Cercherò di essere breve in modo da non annoiarvi e di avere soprattutto la vostra attenzione.







In seguito al "giro dell'Italia" che ho fatto l'anno scorso e all'interesse ricevuto, in buona parte inaspettato, ho pensato di "incanalare" quest'ultimo in qualcosa di utile a chi ne ha bisogno. Ho intenzione di fare un "GIRO DI PUGLIA in 24H" a scopo benefico. I fondi raccolti dagli eventi che si dovranno organizzare nei paesi che attraverserò preferirei che venissero divisi SOPRATTUTTO tra le famiglie che hanno componenti, soprattutto bambini, con malattie genetiche, tumori e altri problemi di questo genere. Nell'immagine c'è il percorso che cercherò di affrontare e che, volendo, potrebbe subire delle piccole modifiche se necessario. Ho tenuto conto dei rallentamenti cittadini, della stanchezza e degli eventuali imprevisti mentre lo disegnavo. Nel caso non si leggessero i paesi che attraverserò ve li elenco qui in ordine:

Ricorderete tutti la sfida dell'anno scorso del giovane ciclista cegliese Leonardo Saponaro: un giro d’Italia (clicca qui) in solitaria, 12 tappe in undici giorni. Solo, senza auto al seguito, senza rifornimenti. Solo con la sua bicicletta. 

Oggi Leonardo lancia una nuova sfida
Ecco quanto ci scrive:








"Cercherò di essere breve in modo da non annoiarvi e di avere soprattutto la vostra attenzione. 

In seguito al "giro dell'Italia" che ho fatto l'anno scorso e all'interesse ricevuto, in buona parte inaspettato, ho pensato di "incanalare" quest'ultimo in qualcosa di utile a chi ne ha bisogno. Ho intenzione di fare un "GIRO DI PUGLIA in 24H" a scopo benefico
I fondi raccolti dagli eventi che si dovranno organizzare nei paesi che attraverserò preferirei che venissero divisi SOPRATTUTTO tra le famiglie che hanno componenti, soprattutto bambini, con malattie genetiche, tumori e altri problemi di questo genere. Nell'immagine c'è il percorso che cercherò di affrontare e che, volendo, potrebbe subire delle piccole modifiche se necessario. 

Ho tenuto conto dei rallentamenti cittadini, della stanchezza e degli eventuali imprevisti mentre lo disegnavo. Nel caso non si leggessero i paesi che attraverserò ve li elenco qui in ordine:





Ceglie (partenza) - Grottaglie - San Giorgio Jonico - Taranto - Castellaneta - Altamura - Cerignola - Barletta - Bari - Polignano a Mare - Conversano - Putignano - Alberobello - Locorotondo - Cisternino - Ostuni - Carovigno - San Vito dei Normanni - Mesagne - San Donaci - Lecce - San Pancrazio Salentino - Oria - Francavilla Fontana - Ceglie (Arrivo)

Ho calcolato tutto in modo da ritrovarmi la sera nelle località più turistiche come quelle lungo la costa adriatica, Alberobello e Ostuni dove si potrebbe organizzare delle notti bianche con esibizioni, mercatini e roba simile. 
Ho intenzione di fare questa cosa qui il 2 Luglio (data ufficiosa) e quindi vi sto avvisando con un bel po' di anticipo in modo da organizzarci per bene. Mi rivolgo soprattutto alle società ciclistiche che mi conoscono che potrebbero aiutarmi in prima persona oppure fare da tramite con qualche associazione che vuole sostenere questo mio piccolo progetto.

Non ho mai chiesto nulla e quindi mi sento un pò a disagio ma non è per me, io voglio solo farmi l'ennesimo "giretto" in bici.
Vi chiedo di condividere questo post e di farmi sapere tramite questo mio profilo o alla mail info@puntiniart.com chi vuole collaborare.
Vi ringrazio intanto solo per aver letto queste "due righe".








Il video che racconta la sua precedente impresa.
Vi ringrazio intanto solo per aver letto queste "due righe" Emoticon smile






Questa è la Ceglie ci piace.




Tribuna Libera

Due auto in fiamme a Ceglie





E' accaduto questa notte a Ceglie Messapica. Indagini in corso.

Alcuni dettagli sul blog di Stefano.




L'articolo di BrindisiReport.



Tribuna Libera

domenica 1 maggio 2016

LITE TRA SINDACO E CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA






"LITE TRA SINDACO E MAGGIORANZA. 
IPOTESI RIMPASTO"

Così titola questa mattina il Quotidiano, che racconta il retroscena:


"I rapporti tra una parte della maggioranza e il sindaco Luigi Caroli si sarebbero incrinati in modo irreparabile, tanto che il rimpasto dovrebbe arrivare subito dopo l'approvazione del bilancio, prevista per il 18 maggio. La tensione è arrivata alle stelle nel corso dell'incontro di giovedì sera in municipio, che ha preceduto il Consiglio comunale. Secondo quanto riferiscono fonti vicine alla maggioranza, dopo mesi di silenzi e distanze, tra il capogruppo di "Io sto con Caroli", Riccardo Manfredi, e il capogruppo nell'Ncd, Francesco Locorotondo, e il primo cittadino si sarebbe consumato un acceso diverbio su bilancio di previsione e riduzione delle deleghe dell'assessore Daniele Gioia (...) E a un certo punto Caroli si sarebbe infuriato, lasciando l'ufficio".


L'articolo completo lo trovate sul Quotidiano di questa mattina.




Facciamo un passo indietro



La settimana scorsa, per restare in argomento, i consiglieri comunali caroliani Antonello Laveneziana e Vanessa Santoro avevano chiesto un "pit-stop" all'amministrazione per "dare nuova linfa" all'attività dell'amministrazione. Ipotesi rimpasto? 






Interpellato dal Quotidiano, il sindaco però getta acqua sul fuoco:
"Ma quale rimpasto. Ogni tanto mi agito ma poi mi calmo. Pensiamo alle cose serie e al fatto che questa maggioranza è storica perchè presto darà alla sua città il Pug".





Nuova promessa dunque. Ma anche sei anni fa, nel Consiglio comunale del 29 settembre 2010, l'Amministrazione caroliana affermò che sarebbe bastati 18 mesi affinchè Ceglie fosse dotata di un nuovo Pug.  Nel dicembre 2011 (data del servizio da cui è tratta la foto qui sotto) venne detto alla città che entro altri 16 mesi Ceglie Messapica avrebbe avuto il Pug atteso da oltre 40 anni.





Siamo a metà 2016.
Non è che mettiamo in dubbio quindi la nuova promessa del sindaco ma, visti i precedenti ... Speriamo bene.


IT'S ALL RIGHT
#vatuttobene






Intanto sempre il Quotidiano, a proposito di rimpasto di assessori, oggi scrive: "Ancora una volta è arrivata una smentita. Ma c'è chi giura che Caroli sia pronto a servire uno dei suoi improvvisi colpi di scena".




Tribuna Libera

sabato 30 aprile 2016

I servizi dell'ospedale di Ceglie



Ieri sera presso  la Parrocchia San Lorenzo da Brindisi si è tenuto l'incontro organizzato da Cataldo Rodio, presidente del  Comitato per la salvaguardia dell'ospedale le problematiche ai servizi sanitari, che risultano ancora non attuati, e del nuovo piano di riordino ospedaliero 2016.

Un incontro molto partecipato dal pubblico di cittadini presenti. Nei prossimi giorni leggeremo sulla stampa il resoconto dell'incontro e lo approfondiremo anche sul blog. Sono intervenuti tra gli altri il dott. Donato Carlucci, i parlamentari del territorio (on. Nicola Ciracì e sen. Pietro Iurlaro), l'avv. Riccardo Manfredi, consigliere comunale. L'incontro è stato moderato dalla giornalista Agata Scarafilo.







Un appuntamento giustamente trasversali, senza bandiere e appartenenze politiche, dal momento che si discuteva di un argomento fondamentale come la salute dei cittadini cegliesi.





Dispiace l'assenza dell'Amministrazione, nessun esponente di quest'ultima risultava presente. Avranno avuto cose più importanti da fare.




Tribuna Libera

Primo Maggio, Laura Boldrini a Ceglie Messapica


Aggiornamento:

Laura Boldrini domani non sarà a Ceglie, 
perchè sarebbe stata invitata anche in altre città.

Ce lo conferma Stefano Menga, l'Ansa di noi blogger.































Domani, Primo maggio, la Presidente della Camera on. Laura Boldrini parteciperà ad un incontro organizzato dalla CGIL Flai Puglia e dal Comune di Mesagne con i familiari delle vittime del caporalato e le lavoratrici agricole per parlare di questo triste problema. 

Al termine dovrebbe venire a Ceglie per una visita alla Scuola di gastronomia. Per le spese legate all'organizzazione della visita il Comune ha stanziato 3mila euro.









Tribuna Libera

LAVORO









Comunicato dell'Azione Cattolica della Diocesi di Oria.


Come da consolidata tradizione il MLAC, Movimento lavoratori di Azione Cattolica, dedicata la vigilia della festa di San Giuseppe lavoratore (1 Maggio) alla riflessione e alla preghiera a sostegno dei lavoratori e delle loro famiglie.

L’anno appena trascorso ha ancora una volta segnato duramente il mondo del lavoro, colpito sia nei numeri sia nella qualità; nonostante gli sforzi il lavoro continua a mancare, i disoccupati crescono, chiudono tantissime attività grandi e piccole, con la conseguenza che tantissime famiglie vivono nell’incertezza del domani e in una vera e propria precarietà sociale e umana che mina le basi di ogni convivenza civile.

Risuona per tutti il monito di Papa Francesco “Il lavoro non è dono gentilmente concesso a pochi raccomandati: è un diritto per tutti!” Davvero dobbiamo tutti riflettere soprattutto quando il Papa prosegue “…e cosa fa un giovane o un genitore senza lavoro"? Si ammala, deve andare dallo psichiatra o cade nelle dipendenze o spesso si suicida!”.

I cattolici ma tutti gli uomini e tutte le donne di buona volontà, sono chiamati a farsi parte attiva perché queste cose cambino, ma cambino nel concreto non con sterili e vuote parole. Devono cambiare le Istituzioni, deve cambiare la politica, i sindacati, gli imprenditori, tutta la società deve intensificare gli sforzi per fare fronte a questa vera e propria emergenza mondiale.

IL MLAC e AC della nostra Diocesi, stanno cercando con tutti i limiti propri, di sensibilizzare a questo grave problema, i credenti e il mondo dell’associazionismo cattolico.

Invitiamo tutti, quindi, a partecipare il 30 aprile 2016 ore 20,00 presso la Parrocchia Maria SS. del Carmine di Francavilla Fontana, alla Veglia di preghiera e alla Santa Messa pro lavoratori e famiglie.









Tribuna Libera