lunedì 27 aprile 2015

Un cegliese vince la puntata del "Karaoke" su Italia 1


Ieri sera è stata registrata ad Ostuni una puntata del programma "Karaoke", lo show itinerante che riprende il format reso celebre da Fiorello nei primi anni '90 e che ora è condotto, su Italia1, da Angelo Pintus. La puntata è stata vinta da Massimo Nacci, 35enne cegliese, che si è esibito nel brano "Strada Facendo" di Claudio Baglioni.









Ecco il video dell'esibizione
(grazie a Stefania Urgesi)






E bravo Massimo ... :)



trovate invece un medley baglioniano di Massimo di qualche anno fa.








Tribuna Libera

A proposito del Mac900, a Ceglie Messapica






Gira una locandina-slide 
degli ex caroliani pentiti, ora perriniani.






Singolare. Ricordate? Il laboratorio urbano chiuse nel febbraio 2013. L'uscita dall'amministrazione e dalla maggioranza degli ex caroliani-ex forzitalici avvenne nel maggio 2013. Non dovremmo essere noi cittadini a chiedere anche a loro perchè, quando amministravano d'amore e d'accordo nell'amministrazione Caroli, il Mac900 dovette chiudere i battenti? Misteri della politica messapica.
Fateci sapere.



Intanto,

per rileggere le tappe della vicenda.





Tribuna Libera

domenica 26 aprile 2015

Presentato il programma del centrosinistra con Pietro Mita Sindaco


200mila euro
in 5 anni



E' la cifra che Pietro Mita, candidato sindaco dell'alleanza del centrosinistra, metterà a disposizione del bilancio comunale, in caso di elezione, rinunciando all'indennità da primo cittadino. E' stato ribadito ieri sera nel corso della presentazione pubblica del programma elettorale della coalizione del centrosinistra.





La cifra verrà destinata ad un apposito capitolo di bilancio per interventi nel sociale, come l'abolizione del ticket per la mensa scolastica per le famiglie in difficoltà e a sostegno delle associazioni cegliesi che si occupano di volontariato e solidarietà.
Taglio poi del 10% alle indennità degli assessori comunali e dimezzamento dell'indennità (oggi è di circa 1.400 euro mensili) del Presidente del Consiglio comunale. C'è stato poi l'impegno a nominare una Giunta di alto profilo, per un nuovo clima che rassereni il clima di convivenza a Ceglie. 




Questi, inoltre, alcuni dei punti programmatici presentati,
frutto delle proposte e del confronto dei tavoli programmatici con tanti cittadini.



Agricoltura, agroalimentare e turismo come settori trainanti dell'economia locale. L'attenzione per la biodiversità e le le caratteristiche organolettiche dei prodotti, la creazione di uno sportello unico comunale per l'agricoltura con personale competente per informare e formare gli addetti ai lavori. 
Una Ceglie solidale con l'istituzione di infermieri di quartiere per i cittadini anziani soli che necessitino di assistenza. Cantieri di cittadinanza per favorire l'inserimento lavorativo dei disoccupati, senza logiche clientelari. 
La salute: realizzazione periodica di analisi ambientali, adesione al Registro Tumori, predisposizione di un regolamento e un piano relativo alle antenne e ripetitori di telefonia e televisivi. 
Sviluppo e sostegno alla cultura, politiche di investimento per incentivare la nascita di nuove imprese  start-up in ambito culturale e artistico. Una città che metta al centro la sostenibilità e la mobilità lenta: favorire nuove forme di turismo sostenibile come il cicloturismo, valorizzare struture esistenti come il Castello che può diventare un attrattore culturale di carattere internazionale. Pug: sarà recuperato il progetto già completato, dell'Amministrazione Federico a cui mancavano solo piccoli adempimenti formali.


A brevissimo sarà disponibile online il programma completo.
Sarà un'altra storia.




Infine Mita ha segnalato un fatto molto preoccupante relativo 
allo stato delle casse comunali.







"Il 15 aprile sono arrivati i trasferimenti statali. E due giorni dopo la Giunta ha approvato una delibera da cui si evince che evidentemente tali trasferimenti non saranno sufficienti a coprire gli impegni di spesa assunti dall'amministrazione Caroli. Questo perchè nell'atto in questione si chiede l'autorizzazione ad utilizzare lo strumento degli anticipi di cassa, qualora l'ente si trovi in carenza di liquidità. Si tratta di un fatto gravissimo, che va sommato, tra le altre cose negative, al prosciugamento dell'avanzo di amministrazione lasciato dalla Giunta Federico".


per saperne di più su cosa è l'anticipazione di tesoreria.





Tribuna Libera

sabato 25 aprile 2015

Passeggiata dell'amicizia




Si terrà DOMENICA 26 Aprile 2015 alle ore 10.00, c/o Ciclovia AQP, con partenza davanti alla chiesa della S.V. del Monte Carmelo (nei pressi del semaforo di Contrada Galante sulla SP 14 Ostuni – Martina Franca): “LA PASSEGGIATA DELL’AMICIZIA”

L’iniziativa, in partnership con Associazione Rivoluzione Italia e professionisti del Territorio, consiste in una Giornata dedicata allo Sport, alla Salute, all’Ambiente ed alla Beneficenza. Saranno raccolti infatti, tramite obolo volontario di euro 2 (due), come Iscrizione alla Passeggiata, fondi per l’acquisto di Cibo e pappe per gli Animali abbandonati.

I fondi ricavati saranno spesi esclusivamente presso Attività commerciali Cegliesi e le pappe devolute al maggior numero di Associazioni e volontari del Territorio della Provincia, compatibilmente con la quantità di cibo raccolto. Suddetta iniziativa non è da intendersi come azione sistematica di Lotta al Randagismo, cui si rimanda agli Organi di competenza, ma come Giornata di Sensibilizzazione e Promozione di cittadinanza attiva e Solidarietà. Sarà una Giornata piacevole in cui trascorrere alcune ore in compagnia della propria Famiglia, dei Bambini, e degli amici, in uno scenario suggestivo dal punto di vista paesaggistico, quale il Percorso Ciclovia AQP.

NON E' NECESSARIO POSSEDERE UN AMICO A 4 ZAMPE PER PARTECIPARE ALLA PASSEGGIATA.

Si ringraziano gli Sponsor di Ceglie Messapica per l’importante sostegno all’Iniziativa, nello specifico: Auto Argentiero, Io Casa, Axa Assicurazioni, Blooming Center, Nivagi Oleodinamica srl, Folle Idea.

Si ringraziano anticipatamente tutti i Partecipanti, le Famiglie, le Associazioni varie, i Volontari organizzatori, i Gruppi, gli amici degli Animali, i professionisti del Territorio, coloro che saranno presenti e coloro che, pur non potendo, sosterranno l’iniziativa, insomma i cittadini tutti.  Un ringraziamento, inoltre, al Pres. di AQP, nella persona di Dott. Ing. Nicola Costantino.



Tribuna Libera

Cesare Epifani ha detto si


Forza Italia sosterrà Luigi Caroli

L'accordo sarebbe stato raggiunto giovedì scorso.





Forza Italia diventa dunque uno dei due pilastri fondamentali dell'alleanza a sostegno della ricandidatura di Luigi Caroli. Alleanza che di fatto, cambia in buona parte natura e si sposta più a destra, con Forza Italia centrale nel determinare l'indirizzo complessivo della campagna elettorale, del programma e del risultato finale. Cesare Epifani e i berlusconiani cegliesi diventano in questo modo gli "azionisti di riferimento" della coalizione caroliana e le scelte politiche di questa campagna elettorale dell'attuale maggioranza non potrebbero che passare soltanto con il loro beneplacito. E' evidente che questo alleanza nasce con il proposito (loro) di vincere a primo turno, mettendo insieme tutto e il contrario di tutto. Se però, come ormai pare prevedibile, si dovesse andare al secondo turno di ballottaggio, tutto il progetto diventa molto più a rischio. Vedremo cosa decideranno gli elettori cegliesi. Ne vedremo e sentiremo delle belle.



Tribuna Libera

Appello ai candidati sindaco di Ceglie Messapica


E' una cosa che in tutti questi ultimi anni, incomprensibilmente, non è stata fatta. Parliamo di una Consulta di diverse associazioni cegliesi che, meritoriamente e con abnegazione, operano per la nostra comunità. Ora sono le stesse associazioni che lanciano un appello ai candidati sindaco ad impegnarsi ad istituire, da subito nella prossima consiliatura, questa Consulta. Credo che sia una richiesta da sostenere con forza e convinzione.

 Di certo il centrosinistra non potrà che farla propria e darle attuazione se i cittadini decideranno di affidargli il governo della nostra città




Ecco il testo dell'appello







Tribuna Libera

Libertà












Tribuna Libera

venerdì 24 aprile 2015

Dopo essersi arreso, Tommaso Argentiero torna all'attacco


L'instancabile consigliere comunale del centrosinistra Tommaso Argentiero chiede che il Comune revochi in autotutela una determinazione, la  n. 182/15, relativa a ulteriori spese per le festività pasquali.





Leggiamo nei dettagli.

Al Sindaco-  
Al Segretario Comunale- 
Al Collegio dei Revisori       
Comune di Ceglie Messapica



e p.c.



- A  S. E. il Prefetto di Brindisi
- Al Presidente del Consiglio Comunale 
Ceglie Messapica


Oggetto: Richiesta di revoca in autotutela della Determinazione n. 182 del 24.03.2014 “Impegno di spesa per eventi di carnevale e delle festività pasquali”

Premesso che:
- in data 13.04.2015 il sottoscritto , con specifica nota scritta, chiedeva al Sindaco e al Segretario Generale del Comune di Ceglie Messapica di avere una rendicontazione delle spese sostenute con l’impegno  realizzato con la Determinazione n. 833 del 02.12.2014 ad oggetto: Realizzazione eventi di Natale, di Carnevale e delle Festività Pasquali- Approvazione programma 2014/2015. Il reale impegno di spesa realizzato con l’atto amministrativo  è di difficile quantificazione, infatti è aperto a libere interpretazioni (190.000,00 ; 140.000,00; 170.800,00;22.000,00);

- ad oggi, nonostante i ripetuti solleciti al Segretario Generale, lo scrivente non ha ricevuto la documentazione richiesta;

- in riferimento alla Determinazione n. 833 del 02.12.2014 lo scrivente  inviava  in data 15.12.2014 specifica informativa all’Ispettorato Generale di Finanza,alla Corte dei Conti della Puglia, al Ministero della Pubblica Amministrazione e Semplificazione e al Prefetto di Brindisi;
- in data 24.03.2015 con Determinazione n. 182 il Responsabile dell’Area Affari Generali Economica Finanziaria,  autore dell’obbrobrio amministrativo della Determinazione n.833/14, impegnava una ulteriore somma di euro 19.000,00 per  lo svolgimento degli eventi che si svolgeranno durante le festività pasquali;
- con la Determinazione n. 182/15 non vengono individuate specifiche iniziative e  nessun destinatario della spesa, infatti  nel dispositivo dell’atto si scrive un generico “autorizzare lo svolgimento degli eventi che si svolgeranno durante le solennità pasquali”e “ di procedere alla liquidazione, previa presentazione di fattura, ad avvenuta prestazione dei servizi oggetto di affidamento”(inesistenti).


Considerato che:
- la Determinazione n. 182/ 15 manca di contenuti essenziali e necessari come l’indicazione dei destinatari della spesa e le iniziative e spese  che si intendono realizzare ;
- la Determinazione n. 182/15 è da ritenersi nulla.
Tutto ciò premesso e considerato,
si chiede

di revocare in autotutela la Determinazione n. 182/2015 considerato che  per  eventuali spese sostenute e liquidate non è possibile comprovare il diritto del creditore, non potendo riscontrare la regolarità della fornitura o della prestazioni e sulla rispondenza della stessa ai requisiti quantitativi e qualitativi  determinati dalle condizioni pattuite poiché le stesse non sono state preventivamente determinate nell’atto amministrativo.

Ceglie Messapica 24.04.2015                                       
Tommaso Argentiero
   Consigliere Comunale “Noi con Federico” 
Ceglie Messapica



per leggere la determina in questione



 Ecco l'intervento in cui Tommaso "si arrendeva" in Consiglio comuanle

"Presidente, posso dire una cosa? Mi arrendo. Di fronte a certe dichiarazioni, certe giustificazioni, veramente è qualcosa di poco.. . che vi devo dire? Sono portato a dire che sono offeso da queste risposte, perché non vi state sforzando minimamente, andate avanti solo così, a dispetto, non lo so. Cioè, non c'è una logica a quello che fate e a quello che dite. Perché uno si pone il problema. A distanza di due mesi, assessore, se ne viene con 'ste fesserie". Clicca qui per leggere tutto




Tribuna Libera

giovedì 23 aprile 2015

Una grande forza tranquilla





Il centrosinistra presenta le linee del programma
scritto insieme ai cittadini

Sabato 25 aprile, ore 18.30
presso lo Spazio elettorale in corso Verdi, 71.





.Pietro Mita sindaco 2015.

La città nuova che vogliamo.








Tribuna Libera

Al teatrino della politica preferiamo il teatro vero




L'ultimo appuntamento con “Teatro a tutti i costi”, la rassegna organizzata daArmamaxa residenza teatrale con il sostegno dell’Amministrazione Comunale di Ceglie Messapica, è il 23 aprile con“Svenimenti”, un vaudeville dagli atti unici, dalle lettere e dai racconti di Anton Cechov, messo in scena dalla storica compagnia “Le Belle Bandiere”, con Elena Bucci, Marco Sgrosso e Gaetano Colella.





Un vaudeville buffo e filosofico che trae il titolo dai “33 svenimenti”, rilettura di V. E. Mejerchol'd degli atti unici di Cechov, per alludere ai punti di crisi emotiva e di perdita di controllo dei personaggi, urlo o gioia, pianto o riso, comunque resa e abbandono all’incomprensibile emozione della vita. Lo spettacolo introduce nel mondo di Cechov soffermandosi in particolar modo su alcuni episodi contenuti nei suoi Atti Unici, come "La domanda di matrimonio", "L’Orso" e "I danni del tabacco", che, nella trama drammaturgica, s'intrecciano con le suggestioni tratte dalle lettere, dalla biografia e da altre opere del grande autore russo. Il risultato è il racconto di un'epoca, il ritratto del Cechov uomo e scrittore.



Giovedì 23 aprile – ore 21.00
Teatro Comunale - Ceglie Messapica, via San Rocco 1
Ingresso 7€ platea – 5€ galleria
Info e prenotazioni: 389 2656069
Servizio di babysitting gratutito previa prenotazione











Tribuna Libera

mercoledì 22 aprile 2015

Tensione alle stelle nella destra cegliese



S'erano tanto amati. Avevano spaccato il loro stesso partito costituendo il comitato "Ceglie è dei cegliesi" per restare uniti. E avevano vinto. (pur all'opposizione).


Ceglie dei cegliesi 2



Poi si erano divisi ancora e si erano affrontati cinque anni fa in campagna elettorale. Uno aveva vinto con il suo sindaco, l'altro aveva perso senza che il suo candidato sindaco arrivasse neppure al ballottaggio. Poi lo scambio dei ruoli. Mandano a casa due assessori e lo sconfitto entra in maggioranza sostenendo il sindaco mentre il principale sostenitore del sindaco passa all'opposizione del suo sindaco. Scontri continui per mesi, ora sono due anni.

Questa campagna elettorale segna l'apoteosi. Accuse gravissime da una parte verso l'altra e viceversa. Oggi uno dei due ex amici è andato dal prefetto (la notizia la trovate cliccando qui). Il secondo dovrebbe (leggiamo sempre nell'articolo) andare a breve a riferire altro ai magistrati. E così inizia quella che si preannuncia come la più brutta e triste campagna elettorale degli ultimi decenni.

Sullo sfondo i problemi della città, la vita quotidiana dei cegliesi tra difficoltà, sacrificio e le incertezze del difficile momento che la nostra città sta vivendo dal punto di vista economico. Dall'altra parte una politica vecchia e polverosa che parla di sè e accusa solo sè stessa. Quando inizieranno a parlare di quello che vogliono fare della città e del suo futuro? Un clima pesante, duro, una cappa che vorrebbe avvolgere la città e che si propone di continuare anche dopo le elezioni. 

Non può essere questo il confronto a Ceglie, la città si è stancata di tutto questo.




Occorre una scelta salomonica. Voltiamo pagina del tutto.


C'è un'altra Ceglie

la scelta se cambiare o lasciare tutto come è oggi dipende da ognuno di noi.











Tribuna Libera

martedì 21 aprile 2015

Una carriola di libri, a Ceglie Messapica



Qualche tempo fa parlammo dell'incredibile assenza di una libreria, anche piccola, nella nostra città. Ricordate? Clicca qui. Per qualcuno non era un problema, in tanti però la pensavamo e continuiamo a pensarla diversamente. Nella capitale dell'ottima gastronomia dovrebbe essere importante anche il "cibo per la mente".

Per questo trovo molto bella e interessante questa iniziativa. 



La Notte di inchiostro di Puglia e Ceglie Messapica
’Na carriola di libri, in un paese senza libreria







Il 24 Aprile anche Ceglie Messapica prenderà parte alla Notte di inchiostro di Puglia, un’insolita iniziativa collettiva “di rete” promossa da librerie, autori e associazioni che avrà come scenario l’intera regione e non solo. Cento “Fortini letterari” nati spontaneamente intrecceranno la proprie voci a distanza durante la serata per richiamare l’attenzione sul valore della lettura.  Il nostro Fortino letterario sarà il numero 70 e verrà sostenuto dal Presidio di Libera, da Scrivere a Ceglie e dal Capolinea Café.

<’Na carriola di libri, in un paese senza libreria>è lo slogan scelto per Ceglie proprio per marcare un’esigenza condivisa, ma anche per trovare un raccoglitore fisico per i libri dei partecipanti. Infatti, una vecchia carriola ci accompagnerà nel nostro viaggio itinerante attraverso varie tappe disseminate. La richiesta per tutti coloro che vogliono unirsi a noi?  “Porta una pagina”, una sedia pieghevole e un palloncino colorato a elio.

Ecco le tappe*:
      I.        Villa Cento Pini, ore 18.30-20.00, letture per bambini e dei bambini;
    II.        Tra sagrato della Chiesa Matrice e Piazza Plebiscito, ore 20:00- 22:00, “Porta una pagina”;
   III.        Capolinea Café, dalle ore 22:00, in rete con i Fortini, collegamento in streaming con le altre iniziative di Puglia e oltre.

“Tra cielo e terra”, il tema della nostra Notte. Dedicheremo un giusto omaggio ai poeti delle nostra terra Pietro Gatti, Rita Mastantuono e Vincenzo Gasparro. Interverranno  gli scrittoriAngelo Cassese,  Rosangela Chirico, Vittoria De Fazio e Ivano Suma. Uno spazio esordienti verrà riservato ai giovani autori Antonio Galetta, Giampiero Gioia e Paoletta Maizza.

Ma tutti leggeremo le pagine che sceglieremo di portare. Con la nostra carriola piena di libri occuperemo spazi pubblici per dirci che, partendo dal basso, si può invertire una tendenza negativa per la Puglia, al penultimo posto nel report Istatsulla lettura del 2014: 70,8% sono le persone di 6 anni e più che non hanno letto nemmeno un libro nel tempo libero negli ultimi 12 mesi.

Se la Puglia legge poco, cominciamo dai pugliesi, partendo dal basso, partendo da Sud!

*In caso di pioggia la manifestazione si svolgerà alCapolinea Cafè a partire dalle ore 20:00

Fanno parte del Presidio di LiberaACIAM, AGESCI, Casarmonica, Ceglie nel cuore, CIF, , ComuniTazione, Gruppo Giovani “Cineblog”, I° Istituto Comprensivo, II° Istituto Comprensivo, I.I.S.S. “C.Agostinelli”, Lotto Volante, Parrocchia Maria SS.Assunta, Parrocchia di San Lorenzo, Parrocchia di San Rocco, Passoditerra

INFO: facebook Presidio-Liberamente-Ceglie Messapica





Vi segnalo inoltre anche un'altra iniziativa, sempre sul tema libri.

La libreria Proloco, creata dal 30 novembre 2013, continua a raccogliere libri che sono a disposizione di tutti gratuitamente. Sede via Chiesa, 17 c/o Castello Ducale.






Tribuna Libera

Storie di burocrazia messapica




La storia raccontata oggi da Sonia Gioia sul Quotidiano è una di quelle che, a leggerle, ti fanno come minimo arrabbiare. Nel 2004 avvenne a Ceglie un incidente in cui persero la vita due ragazzi giovanissimi. La famiglia di uno di loro accettò di seppellire il corpo del ragazzo in una colombaia. Nel marzo 2010 il papà presentò domanda al Comune per partecipare a un bando per l'assegnazione di una cappella al cimitero di Ceglie per dare una degna sepoltura al figlio. 

Passati quattro anni, il 5 febbraio 2014 l'uomo riceveva una lettera dal Comune nella quale gli si comunicava l'esclusione dal bando. Recandosi al Comune scoprì il motivo: l'esclusione era dovuta al fatto di aver allegato alla domanda un documento di identità scaduto, documento del quale l'uomo aveva chiesto tra l'altro il rinnovo. Iniziò un contenzioso conclusosi qualche giorno fa con il deposito della sentenza del Tar di Lecce: il Comune deve accogliere la richiesta e la graduatoria per l'assegnazione delle cappelle deve essere rifatta daccapo.

Storie di piccola burocrazia kafkiana che ti fanno pensare:

"Ma come c... o è possibile?".




Tribuna Libera

Per i titolari di conto corrente


Ricevo e pubblico un intervento dell'avv. Vincenzo Vitale,
responsabile Codacons per la provincia di Brindisi.





CODACONS BRINDISI: A PARTIRE DAL  1° GENNAIO 2014  I TITOLARI DI CONTI CORRENTI  HANNO DIRITTO AL RICALCOLO DEL SALDO DEL CONTO CON ELIMINAZIONE DEL COSTO DELL'ANATOCISMO

Sulla base delle prime pronunce giurisprudenziali sul nuovo art. 120 del Testo Unico Bancario, si può senz'altro ritenere che i correntisti, con decorrenza dal 1° gennaio del 2014, hanno diritto alla  restituzione di quanto pagato a titolo di “anatocismo” .
Il termine anatocismo indica la trasformazione degli interessi scaduti di un debito in capitale, con conseguente applicazione di nuovi interessi sul nuovo capitale e, quindi, anche sugli interessi già maturati.

Storicamente l'anatocismo nelle aperture di credito in conto corrente era prima vietato dall'art.1183 c.c., con conseguente nullità delle clausole che lo prevedevano e diritto dei clienti alla restituzione di quanto indebitamente pagato; poi,  è  stato  consentito  a decorrere dal 1 luglio 2000 per effetto del decreto legislativo  4 agosto  1999, n. 342 e della delibera del CICR (Comitato Interministeriale Credito e Risparmio) del 9/2/2000. A decorrere dal 1° gennaio 2014, in applicazione dell'art.1, comma 629, legge n.147/2013, che ha modificato il secondo comma dell'art. 120 T.U.B, non è più ammessa la capitalizzazione periodica degli interessi passivi maturati sui rapporti di conto corrente.

Pertanto, tutti i correntisti hanno diritto al ricalcolo del saldo del conto corrente con eliminazione del costo dell'anatocismo  a partire dal 1° gennaio 2014.
Lo hanno affermato due ordinanze collegiali del Tribunale di Milano emesse  il 25 marzo e il 3 aprile 2015 su ricorso di una associazione dei consumatori e degli utenti, ai sensi art. 140, comma 8, del Codice del Consumo.

Ad avviso del Tribunale  di Milano l'espressione, contenuta nel nuovo art.120 del T.U.B, “gli interessi periodicamente capitalizzati non possono produrre interessi ulteriori”, esclude l'anatocismo nei rapporti bancari e cioè l'applicazione di interessi sugli interessi già maturati sul capitale.

Infatti,  la prassi bancaria di capitalizzare trimestralmente gli interessi ha comportato nel corso degli anni enormi costi per i clienti. Si consideri un esempio di calcolo trimestrale degli interessi con un tasso del 10% e un capitale iniziale di € 10.000,00. Quando non si applica l'anatocismo l'interesse trimestrale corrisponde ad € 250,00, quindi ogni trimestre i 10.000,00 euro di capitale fruttano sempre € 250,00. Applicando l'anatocismo solo nel primo trimestre l'interesse sarà sempre € 250,00; nel secondo trimestre l'interesse, poiché si calcolerà su € 10.250,00 (€ 10.000,00 + € 250,00), salirà ad € 256,25; nel terzo trimestre, dovendolo calcolare su € 10.506,25 (€ 10.250,00 + € 256,25), aumenterà ad € 262,66; e così via per i successivi trimestri in cui progressivamente aumenteranno gli interessi da corrispondere alla banca. Peraltro, l'esempio non tiene conto delle commissioni e spese varie che vengono anch'esse capitalizzate trimestralmente facendo lievitare enormemente il debito iniziale nel corso degli anni.

E' evidente che detta prassi oltre ad essere scorretta appare giuridicamente illecita. Di tale parere è, anche, il sopra richiamato Tribunale di Milano che conferma l'illegittimità del comportamento degli istituti bancari, affermando che gli interessi devono essere conteggiati, sulla base del nuovo art. 120 T.U.B., sulla sola sorte capitale e che quindi sono nulle le clausole dei contratti che prevedono l'anatocismo.

L'effetto delle ordinanze del Tribunale di Milano è che le banche dovranno restituire ingenti somme (sono stati stimati  circa  2 miliardi  di euro) e che  ogni correntista  ha diritto di chiedere la restituzione di quanto versato  illegittimamente.
                                                                             
Per il CODACONS
      il Responsabile Provinciale
          (avv. Vincenzo Vitale)




Tribuna Libera

Doppio comunicato di Cataldo Rodio





Ricevo due comunicati del consigliere comunale Ncd Cataldo Rodio relativi a tematiche sanitarie. Il primo relativo all'ex ospedale:

Comunicato 1


Il Consigliere Comunale con delega alla Sanità Cataldo Rodio e l’Assessore Riccardo Manfredi, Lunedi 20 c.m. si sono recati presso la Direzione Generale ASL BR/1 per incontrare il Direttore Generale Dr. Giuseppe Pasqualone, per proporre a Lui le varie problematiche che affliggono da tempo immemorabile l’ex ospedale di Ceglie Messapica.
In particolare il Consigliere Comunale con delega alla Sanità ha chiesto al Direttore Generale i tempi di realizzazione della Delibera della Giunta Regionale n. 427 dell’ 11.3.2015 ancora inadempiente sino ad oggi.
Lo stesso assicurava che per il mese di Settembre avranno inizio i lavori di messa in sicurezza dei reparti che dovrebbero sorgere, dopo l’ultimazione della procedura amministrativa di assegnazione degli stessi.
Pertanto, con grande piacere si comunica alla cittadinanza cegliese che finalmente dopo l’inizio dei lavori, si potranno avere questi reparti.
L’occasione è stata coltaalfine di invitare il Direttore Generale presso la nostra struttura cegliese per il giorno 28 c.m. alle ore 9.00.
Si coglie l’occasione per augurare buon lavoro al nuovo Direttore Generale.

La cittadinanza è invitata a partecipare.




Il secondo relativo all'istituzione del Registro Tumori provinciale:

Comunicato 2

In data 19 c.m. ho appreso da alcuni organi di stampa che determinati movimenti politici hanno incontrato l’Assessore Regionale alla Salute il Dr. Donato Pentassuglia per discutere del registro tumori ASL BR/1 con particolare riferimento alla situazione di Ceglie Messapica.
A tal proposito intendo evidenziare che il sottoscritto Consigliere Comunale Cataldo Rodio, aveva già presentato in data 16.10.2012 un Ordine del Giorno in Consiglio Comunale approvato all’unanimità di aderire al registro tumori ASL BR/1, oltre tutto tale iniziativa era già stata avviata dall’Ente Splendida Dimora ONLUS di Cisternino il 23.9.2011.
Inoltre preciso che in data 3.2.2014 protocollo n.3889 viene confermato l’impegno dell’Amministrazione di Ceglie Messapica di aderire istituzionalmente a tale registro che l’ASL BR/1 deve tuttora avviare essendo una struttura pubblica, con l’obbligo di impegnarsi alla raccolta di informazioni sui malati residenti in questo territorio.
A questo punto devo evidenziare che il registro tumori nella provincia di Brindisi va realizzato ed è motivato dal bisogno di monitorare l’andamento delle patologie tumorali, al fine di formulare ipotesi eziologiche e valutare la responsabilità dei fattori cancerogeni sospetti, identificare gruppi di cittadini a rischio, su cui intervenire con attività di prevenzione primaria e secondaria in questa provincia.
Pertanto, nel concludere inviterei le istituzioni preposti ASL e Regione Puglia ad avviare  immediatamente con  tutti i Comuni una verifica per riscontrare l’adesione fattiva da parte dei Comuni che hanno deliberato, rimasta sospesa.




Alcune cose, su quest'ultimo argomento, vanno ricordate.

Rispetto a questa problematica (il registro tumori) tutto il centrosinistra - Pd a Sel  e il gruppo "In Movimento"- hanno chiesto ripetutamente (e inutilmente) che il Comune prevedesse nel bilancio di previsione un capitolo apposito per finanziare il registro tumori con 13mila euro. La presentazione di un emendamento in questa direzione, da parte dei quattro consiglieri comunali del centrosinistra, avvenne nello stesso giorno del Consiglio comunale di cui parla il consigliere Rodio nel comunicato. Questo il testo:





Fonte Clicca qui


Conclusione?

Il bilancio  fu approvato ma il capitolo richiesto con 13mila euro per finanziare il registro non fu istituitoEvidentemente c'erano spese più urgenti rispetto al registro tumori.

Ma di cosa stiamo parlando???



per i post precedenti sull'argomento




Tribuna Libera